1500 elefanti sono stati restituiti alla natura dopo la chiusura delle attrazioni turistiche in Thailandia

Sono di nuovi liberi e saranno protetti in un santuario perché dopo vent’anni di cattività era impensabile un reinserimento in natura. In fila, uno dietro l’altro, in un’immagine che fa commuovere. Forse questi elefanti non lo sanno, ma questa è l’ultima volta che saranno costretti a fare qualcosa contro natura, ovvero essere taxi per turisti. Con il coronavirus e il blocco degli spostamenti, i tour operator che solitamente organizzano gite in sella agli elefanti, hanno finalmente ceduto i pachidermi alla Save Elephant Foundation, che da anni si batte per la loro salvaguardia.

“Vecchi e giovani elefanti tornano a casa. Ci vorranno cinque giorni di viaggio. Il nostro team di SEF li sta seguendo per garantire cibo per elefanti e persone. Iniziano a tornare nella loro terra natale. Questo è forse l’inizio di un cambiamento significativo nella vita di molti elefanti che lavorano in cattività in Thailandia”, scrive la Fondazione sui propri social.

Gli elefanti in viaggio:

Visualizza questo post su Instagram

They are going home, this group from old to young elephants, and they will not be the last. More and more we will see the migration back to their villages. For this group, it will take them about 5 days to reach home. The mahout and elephant will stay in the jungle at night time. Our team from SEF is following them to bring food for both elephants and people. On their journey they will walk past mostly the dry area from forest fires burning for months. This is one of the reasons for them to leave the area where they used to stay. None of them know when they might return, as the tourist industry will see little growth in the months ahead.⁣ ⁣ ⁣ ⁣For the last couple of weeks the elephants who have been leased and working many decades in the tourist business , who originate mostly from the Karen Tribe, they start to go back to their home land. This is perhaps the beginning of significant change in the lives of the many captive working elephant’s lives in Thailand. Who knows what good will yet come of this terrible situation ?!⁣ ⁣ ⁣ ⁣#SaveElephantFoundation #COVID19 #CoronaVirus #ElephantSanctuary #Thailand #AsianElephant #TrunksUp

Un post condiviso da Save Elephant Foundation (@saveelephantfoundation) in data:

Loading...

Ecco il loro viaggio:

La pandemia ha avuto un impatto notevole sul settore turistico. In Thailandia, gli imprenditori dicono che senza i tour non riescono a nutrire gli animali, in particolare ci sono più di 2mila elefanti addestrati per essere dei taxi. Pungolati con uncini, frustrati, picchiati, spesso emaciati e costretti a ‘lavorare’ sin da piccoli. Come dimenticare il cucciolo stramazzato a terra dopo essere stato costretto a fare il tour insieme alla mamma con una corda al collo? Delle loro sofferenze ne abbiamo parlato tante volte, ma adesso con lo scoppio della pandemia rischiavano anche di morire di fame. Adesso la Save Elephant Foundation li ha presi in custodia e finalmente sta provvedendo al loro trasferimento in un santuario che si trova nella città tailandese di Chiang Mai. Finora, cento elefanti sono arrivati a casa.

Visualizza questo post su Instagram

It is difficult to surmise how long the Covid effect will last. It will take time for every thing to come back to normal. We have to plan ahead to help the elephant survive difficult times like this. ⁣ ⁣ ⁣ ⁣We have set up a project to prepare elephant owners to be able to always feed their elephants. We are helping leasing the land and planting food for elephants to make sure each place has a secure food source. We take part of the donation to support any elephant owner willing to work together with SEF, establishing sustainable grass plantations. Other than providing food for elephants, this also gives jobs to the local community, and limits intrusions into croplands and the forest. ⁣ ⁣ ⁣ ⁣Already many camp owners, elephant keepers and local communities have agreed to join our project. ⁣ ⁣ ⁣ ⁣With your donations we are able to create a meaningful and lasting contribution to the well-being of the elephant.⁣ ⁣ ⁣ ⁣If you are able to support us please donate via the link in our bios.⁣ ⁣ ⁣ ⁣All donations are matched up to $50,000! ⁣ ⁣ ⁣ ⁣ ⁣ ⁣#SaveElephantFoundation⁣ ⁣#ElephantSanctuary #Thailand #Thai #ElephantRescue #Thailand #BeKindToElephants #ThankYou

Un post condiviso da Save Elephant Foundation (@saveelephantfoundation) in data:


Come si vede da queste immagini, gli animali che per oltre 20 anni hanno vissuto in prigionia, adesso sono liberi e felici. In totale saranno 1476 i pachidermi che saranno salvati. Come racconta il santuario, chi per anni li ha sfruttati, è rimasto sorpreso dal fatto che avessero riconosciuto quei luoghi in cui erano nati. Noi non ci sorprendiamo perché ogni animale vuole vivere dove è nato, immerso nella natura e lontano dall’uomo. Buon viaggio a questi splendidi animali sociale, per  loro inizia una nuova vita.

Fonti: Save elephant foundation/Anda


Dominella Trunfio

Immagini:Save Elephant Foundation

Fonte: www.greenme.it 

SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...