Enorme quantità di mutazioni del coronavirus incuriosisce gli scienziati

La ricerca negli Stati Uniti e nel Regno Unito ha finora trovato centinaia di mutazioni nel coronavirus che causa il Covid-19. Ma cosa significa?

Non lo sappiamo

Gli scienziati sono totalmente incuriositi.

Loading...

I virus mutano. Questo è “normale”.

Tuttavia, almeno per quanto riguarda il nuovo virus, non sappiamo ancora come le sue mutazioni influenzino cose come la trasmissione della malattia tra la popolazione, la gravità dei sintomi o un potenziale vaccino.

Nessun panico

Uno studio condotto dall’University College di Londra (Regno Unito) ha identificato non meno di 198 mutazioni ricorrenti del virus. Ciò non significa nulla di oscuro, tuttavia.

“Le mutazioni stesse non sono una brutta cosa e non c’è nulla che possa suggerire che SARS-CoV-2 stia mutando più velocemente o più lentamente del previsto. Finora, non possiamo dire se SARS-CoV-2 stia diventando più o meno letale e contagioso “, ha dichiarato François Balloux, uno degli autori dello studio, alla BBC .

Rischi potenziali

Uno studio preliminare condotto dai ricercatori del Los Alamos National Laboratory nel New Mexico, negli Stati Uniti, ha suggerito che una particolare mutazione, D614G, sta diventando dominante e potrebbe rendere Covid-19 più contagioso.

Gli scienziati americani hanno monitorato i cambiamenti sotto forma di “picco” del virus attraverso un database chiamato “Global Initiative on Sharing All Influenza Data” (GISAID). Spike è una proteina del virus che lo rende in grado di legarsi alla membrana cellulare di un ospite.

Hanno osservato che qualcosa su questa specifica mutazione sembrava far diffondere la malattia più rapidamente, anche se le conseguenze di questi cambiamenti non sono ancora chiare.

Ad esempio, il team ha esaminato i pazienti di Sheffield, nel Regno Unito, e mentre quelli infetti da questa mutazione sembravano avere una maggiore quantità di virus nei loro campioni, non c’erano prove che questi pazienti si ammalassero più del normale o trascorressero più tempo all’ospedale.

Monitorare attentamente la situazione

Un altro studio dell’Università di Glasgow (Regno Unito) ha affermato che le mutazioni osservate non sono equivalenti a diversi ceppi del virus.

Il team ha concluso che solo uno è attualmente in circolazione.

Detto questo, è importante monitorare le modifiche alla struttura del virus, soprattutto nel contesto dello sviluppo del vaccino.
Ad esempio, il virus dell’influenza cambia così tanto che il vaccino antinfluenzale deve essere adattato ogni anno per affrontare efficacemente i diversi ceppi in circolazione.

Analizzare, analizzare e analizzare

Molti vaccini attualmente in fase di sviluppo per Covid-19 colpiscono i picchi distinti del virus.

Se stanno cambiando, un vaccino sviluppato in questo modo potrebbe diventare meno efficace.

Ma questo è, per ora, puramente teorico. Gli scienziati non hanno ancora abbastanza informazioni per sapere cosa significano tutte le modifiche al genoma del virus.

L’analisi di un gran numero di genomi sarebbe quindi preziosa nella lotta contro il Covid-19, anche se le conoscenze che forniscono sono piuttosto limitate. [ BBC ]

Fonte:    hypescience.com 

SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...