Non è computer grafica: questa creatura marina multicolore è reale

Le immagini dell’angelo marino (Clione limacina) registrate dal biologo e fotografo marino Alexander Semenov, richiamano l’attenzione per le particolari caratteristiche di questo mollusco. Il biologo è a capo del team di subacquei presso la stazione biologica del Mar Bianco dell’Università statale di Mosca.

Semenov afferma di avere un interesse particolare per la macrofotografia in un ambiente naturale, perché consente di osservare animali che non possono essere adeguatamente studiati in laboratorio. Mira a utilizzare la fotografia per studiare la vita marina e aumentare l’interesse delle persone per la biologia marina. Ecco perché condivide le sue fotografie sia sui social media che durante gli eventi.

Loading...

Questa registrazione di alta qualità è stata effettuata durante un’immersione nel mese di marzo del 2018 sotto il ghiaccio del Mar Bianco. Guarda il video che rivela un po ‘del lavoro svolto dal team.

In una pubblicazione fotografica all’inizio di quest’anno, Semenov afferma che gli angeli marini sono molluschi d’acqua fredda e sono tra gli oggetti più studiati in neurobiologia, ma si sa poco sul loro ciclo di vita.

Appaiono sotto il ghiaccio che ricopre il mare e in poche settimane ce ne sono così tanti che in un metro cubo d’acqua puoi avere fino a 500 angeli marini. Dal momento che ciascuno di essi misura tra 3 e 5 centimetri, Semenov lo considera uno spettacolo spettacolare.

Poco dopo l’inizio della riproduzione, compaiono piccoli angeli marini, ancora con bande ciliare larvali, che misurano tra 1 e 3 millimetri. In poche settimane con una dieta a base di farfalla di mare raggiungono le dimensioni degli adulti. Non appena l’acqua si riscalda tra 3 e 5 gradi, gli angeli del mare scompaiono e riappaiono sotto il ghiaccio l’inverno successivo, spiega il biologo.

È noto che gli angeli marini possono sopravvivere senza cibo per sei mesi, con una significativa riduzione delle dimensioni nel periodo senza cibo. Semenov afferma che nessuno ha pensato a un modo per rintracciarli nell’Oceano Artico durante l’anno per scoprire dove stanno andando.

Creature marine

Il team di Semenov ha creato un progetto scientifico chiamato Aquatilis, con l’obiettivo di trovare, studiare e fotografare esseri interessanti e insoliti che vivono nell’oceano. Oltre a parlare della vita marina, rivelano ciò che è necessario per esplorare il mare.

Semenov rivela anche le difficoltà della fotografia subacquea nel registrare le immagini così come sono viste, a causa dell’assorbimento della luce da parte dell’acqua. Questo dà un valore speciale alle immagini, nella ricerca per evidenziare i colori senza esagerare nell’editazione. [ Panda annoiato , Aquatilis , Flickr ]

Fonte: hypescience.com

SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...