Gli astronomi incontrano accidentalmente una “galassia mostruosa invisibile” nata nella storia primordiale dell’universo.

Una nuova ricerca dell’Università dell’Arizona (USA) ha scoperto un’enorme galassia nata nella storia dell’universo primordiale, praticamente invisibile per noi, utilizzando il gruppo di oltre 60 telescopi della matrice Atacama Large Millimeter in Cile.

Perché invisibile

Le osservazioni del team indicano che la galassia ha 12,5 miliardi di anni, ovvero è nata appena un miliardo di anni dopo il Big Bang, un tempo considerato “l’infanzia” dell’universo.

La luce osservata dai ricercatori è probabilmente il bagliore delle particelle di gas che formano le stelle all’interno della galassia. La polvere blocca altre lunghezze di luce, compresa la luce delle stelle stesse.  

Loading...

“La luce non sembrava essere collegata ad alcuna galassia conosciuta. Quando ho visto che questa galassia era invisibile a qualsiasi altra lunghezza d’onda, ero molto eccitata perché significava che probabilmente era molto lontana e nascosta da nuvole di polvere ”, spiega Christina Williams, una ricercatrice post-dottorato all’Università dell’Arizona e principale autrice dello studio.

 

“Ti fa meravigliare se questa è solo la punta dell’iceberg, con un nuovo tipo di popolazione di galassie in attesa di essere scoperta”, ha detto un altro ricercatore dello studio, Kate Whitaker, in un comunicato stampa.

Il video qui sotto è una simulazione di come appare la nuova galassia:

Collegamento mancante

La nuova galassia è interessante per una serie di fattori. Ad esempio, sebbene abbia lo stesso numero di stelle della Via Lattea, è 100 volte più attiva.

Gli scienziati avevano predetto che galassie così grandi e “mature”, fabbriche di stelle in rapido movimento, esistevano all’inizio dell’universo, ma non ne avevano mai trovata una.

Il telescopio spaziale Hubble ha trovato oggetti simili ma molto più piccoli. Pertanto, la scoperta potrebbe aiutare i ricercatori a comprendere meglio i loro modelli del giovane universo.

“La nostra invisibile galassia mostruosa ha esattamente gli ingredienti giusti per essere l’anello mancante”, ha detto Williams.

I prossimi passi

Gli scienziati sperano che le tecnologie future possano offrire maggiori dettagli su questa galassia e simili.

Al momento è molto difficile da vedere, ma telescopi come James Webb, che dovrebbe essere attivo nel marzo 2021, possono portare molte nuove informazioni.

“Il James Webb Space Telescope può guardare attraverso il velo di polvere in modo da poter imparare quanto siano davvero grandi queste galassie e quanto velocemente stanno crescendo, per capire meglio perché i modelli non riescono a spiegarle”, ha riassunto Williams.

Un articolo sullo studio è stato pubblicato sulla rivista scientifica The Astrophysical Journal . [ ScienceAlert ]

Fonte: hypescience.com 

 

 

SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...