La Cina potrebbe commettere un genocidio di persone perseguitate dal governo per la raccolta dei suoi organi

Sono state confermate le preoccupazioni terribili che sono sorte intorno alle origini della enorme riserva di organi umani per trapianti in Cina: un tribunale indipendente istituito per indagare sulle accuse di estrazione  forzate hanno determinato che una diffusa campagna di violazioni dei diritti umani  è la principale fonte di abbondanti scorte di parti del corpo per le procedure di trapianto nel paese.

Tribunale indipendente

Dopo mesi di testimonianze e un’enorme quantità di prove documentali, la “Corte della Cina” – un’organizzazione guidata da importanti avvocati, esperti in diritti umani e un chirurgo del trapiantato – ha detto che era chiaro che i numeri ufficiali sui trapianti in Cina semplicemente non potevano avere ragione

Tempi di attesa straordinariamente brevi (a volte solo poche settimane o meno) per le procedure di trapianto sono comuni in Cina, il che suggerisce un’abbondanza di organi compatibili. Ma da dove vengono le infinite parti del corpo?

Loading...

Uno studio di anomalia ha rilevato che nell’arco di un periodo di 10 giorni nel 2016 sono stati trapiantati 640 organi, sebbene solo 30 donatori fossero stati ufficialmente elencati, suggerendo che ciascun donatore avrebbe donato in media più di 21 parti del corpo.

Nonostante le affermazioni cinesi che il paese abbia cessato la pratica di rimuovere parti del corpo di prigionieri giustiziati anni fa, la corte ha deciso all’unanimità che l’estrazione di organi da prigionieri e dissidenti rimane una pratica orribile nella regione.

“La conclusione mostra che molte persone sono morte  senza motivo, e che più possono soffrire in modo simile”, ha detto Sir Geoffrey Nice QC, mentre ha consegnato il giudizio finale del gruppo. “Non ci sono prove che la pratica sia stata interrotta e la corte sia convinta che continua.”

SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM 

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...