La terribile storia di Monkey Island, l’isola delle scimmie mostro che non sarebbe mai dovuta esistere

Un gruppo di scimmie  mostro vive in una giungla all’interno di una gabbia costruita per loro in Africa. Sono arrivati ​​lì a seguito di un esperimento crudele.

Un gruppo di scimmie mostro vive in una giungla all’interno di una gabbia costruita per loro. Alcuni  paragonano la situazione ai film di finzione, tuttavia è molto reale. Sono arrivate ​​lì come risultato di un esperimento sugli animali che le ha messe in pericolo e allo stesso tempo li ha rese pericolose.

Loading...

Cos’è Monkey Island?

Un gruppo di scimmie afflitte da malattie infettive è stato abbandonato su un’isola nel fiume Liberia dopo essere state rilasciate da un laboratorio di test degli Stati Uniti .

L’isola deserta nella giungla nota come ‘Monkey Island’, ospita oggi più di 60 scimpanzè che sono molto protettivi delle sue coste.

La loro presenza ha portato a strani racconti di scimmie che attaccano e mangiano gli uomini che mettono piede sul terreno. “Ti mangeranno crudo!” Avvertì un abitante del villaggio quando un giornalista di The Sun gli chiese di portarli a vederle.

I locali che si prendono cura degli animali sono pronti ad avvisare gli estranei di stare alla larga. “Se sei straniero, sono aggressivi”, ha detto Jerry, una guardia di sicurezza sull’isola. Inoltre, a seguito degli esperimenti che hanno subito, possono trasmettere malattie pericolose.

“Ma gli scimpanzé hanno paura dell’acqua, non nuotano dall’altra parte, camminano semplicemente sulla spiaggia.”

Cercando di proteggerle

Le scimmie che vivono su quest’isola sono state infettate da malattie come l’epatite e la “cecità fluviale” per aiutare gli scienziati a sviluppare vaccini da utilizzare negli uomini malati.

Dopo oltre 40 anni di esperimenti, la NYBC finì il progetto   dopo una campagna di attivisti animalisti e gli scimpanzé rimasero sull’isola con poco cibo o acqua naturale.

I loro custodi originali, molti dei quali hanno lavorato con gli scimpanzé sin dagli anni ’70, sono stati inizialmente ingaggiati per fornire loro cibo e acqua ogni due giorni.

Poi, al culmine dell’epidemia di Ebola nel 2014, i badanti hanno smesso di andare sull’isola e molte scimmie sono morte di fame.

Nel 2015, la Humane Society ha deciso di impegnarsi per 5 milioni di sterline per pagare  le sue future esigenze alimentari e mediche.

Fonti:

Notizie Australia

Fonte: www.bioguia.com 

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...