La fine dell’ eden:la cometa che ha cambiato la civiltà

Il 30 settembre del 2016 il primo veicolo spaziale umano mai giunto in orbita di una cometa è stato volutamente schiantato sulla sua superficie al fine di ottenere le immagini più vicine possibili dell’enigmatico corpo celeste. Questo ha portato alla conclusione la sua missione che ha avuto inizio quando la nave è stata lanciata più di dodici anni fa. Nel corso degli ultimi due anni l’Agenzia spaziale europea con la sonda Rosetta  si è trovata con la cometa a milioni di miglia dalla Terra, facendo osservazioni a distanza ravvicinata senza precedenti della cometa 67P / Churyumov-Gerasimenko (dal nome dei due astronomi che la scoprirono).

 

Cometa Churyumov-Gerasimenko nel settembre 2014 come immaginata dal Rosetta.

Cometa Churyumov-Gerasimenko nel settembre 2014 come immaginata dal Rosetta. (ESA / Rosetta / NavCam / CC BY-SA 3.0 igo )

Una delle realizzazioni più significative della sonda è di aver preso le letture della cometa,determinando che contiene alcuni degli elementi di base della vita. Gli mpatti cometari, a quanto pare, possono aver contribuito all’inizio della vita  sulla Terra. Ma le comete, come ad esempio quella messa a fuoco dalla missione Rosetta , hanno anche portato minacce alla vita terrena. 67P / Churyumov-Gerasimenko è di circa due miglia e mezzo di diametro; se colpisse la Terra potrebbe porre fine alla civiltà così come la conosciamo. Una cometa di appena 500 piedi di diametro si crede di aver causato l’evento di Tunguska del 1908, quando è esplosa su una zona remota della Siberia con la forza di una bomba di quindici megatoni, appiattendo 1000 miglia quadrate di foresta. Ma la cometa di Tunguska era minuscola rispetto a una, si stima essere stata circa dieci miglia di larghezza entrata quasi in collisione con il nostro pianeta tre anni e mezzo fa.

Gli alberi rovesciati dall'esplosione di Tunguska.

Gli alberi rovesciati dall’esplosione di Tunguska. ( Pubblico dominio )

Spettacolari e terrificanti comete antiche

Questa cometa è stata registrata dagli egiziani nel 22 ° anno del regno del faraone Tutmosi III, che l’ ha descritta come un disco brillante molto più grande della luna piena, aggiungendo che era “una meraviglia mai conosciuta prima. “Astronomi cinesi, che hanno meticolosamente registrato occorrenze celesti per scopi astrologici, hanno anche osservato l’evento mozzafiato. L’antico almanacco Mawangdui Seta, conservato nel Museo Provinciale di Hunan in Changsh, raffigura la cometa come una delle più grandi mai osservate. Non solo riempiva una gran parte del cielo, aveva sorprendenti dieci code. (La più grande cometa osservata dalla nascita della moderna astronomia, la cometa del 1744 di De Cheseaux, aveva solo sette code.)

Loading...

Il record egiziana si trova in un manoscritto ora nella Biblioteca Vaticana, chiamato il Papiro Tulli, e un certo numero di scrittori hanno citato come prova di un antico avvistamento UFO, che porta alcuni studiosi a mettere in discussione la sua autenticità. Tuttavia, sembrerebbe aver interessato un evento vero e proprio. Il 22 ° anno del regno di Thutmosi III si pensa che sia stato intorno al 1486 aC, che è appunto l’anno (dal nostro calendario moderno) in cui i cinesi hanno osservato la cometa a dieci coda.

Impressione della spettacolare cometa dieci coda registrata dagli antichi Egizi nel 1486 aC.

Impressione della spettacolare cometa dieci coda registrata dagli antichi Egizi nel 1486 aC. (Illustrazione di Graham Phillips)

La cometa deve aver superato spaventosamente da vicino il nostro pianeta. In effetti, l’aspetto della cometa era così spettacolare che sembra aver avuto una profonda influenza sulle religioni di tutto il mondo.Questo fenomeno celeste senza precedenti è stato considerato come la comparsa di un nuovo dio: in questo momento preciso,le civiltà contemporanee di tutto il mondo cominciano ad adorare una nuova divinità raffigurata come un disco alato appeso nel cielo. Gli esempi includono l’ittita Dio Kumarbis, l’Assiro Dio Antum, il mitannico Dio Ir, e il dio persiano Ahura Mazda.

Il disco alato assiro. Uno dei tanti glifi simili che rappresentavano divinità che è apparso in tutto il mondo dopo l'apparizione della cometa nel 1486 aC.

Il disco alato assiro. Uno dei tanti glifi simili che rappresentavano divinità che è apparsa in tutto il mondo dopo l’apparizione della cometa nel 1486 aC. (Dominio pubblico)

In Cina, una nuova divinità chiamato Lao-Tien-Yeh – “Il Grande Dio” – appare in questo momento durante la dinastia Sang ed è stato rappresentato da un cerchio con una serie di linee rette radianti a ventaglio sotto e al lato di esso, che sembra molto simile a una rappresentazione di una cometa.

Il simbolo per il glifo dio Lao-Tien-Yeh che prima apparizione in Cina nei primi anni del XV secolo aC.

Il simbolo per il glifo del dio Lao-Tien-Yeh la prima apparizione in Cina nei primi anni del XV secolo aC. (Fotografia da Graham Phillips)

Affascinante, questo glifo è quasi identico al simbolo di un nuovo dio che è apparso in Egitto durante il regno di Thutmosi III. Chiamato Aten, è stato rappresentato da un cerchio con una serie di linee a forma di ventaglio che si irradiano da esso, proprio come il simbolo di Lao-Tien-Yeh. Egittologi hanno a lungo ipotizzato che il glifo Aten rappresentava il sole, che senza dubbio il faraone Akhenaton lo adorava seguendo la religione di stato a metà del 1300 aC.

Il simbolo Aten egiziano che possono in origine hanno raffigurato la magnifica cometa del 1486 aC.

Il simbolo  egiziano Aten che in origine ha o raffigurato la magnifica cometa del 1486 aC. (Dominio pubblico)

Ma l’improvvisa comparsa di nuove religioni, non è stato l’unico rivolgimento sociale che ha  accompagnato l’incontro ravvicinato della cometa con la Terra. In tutto il mondo, ci fu un periodo simultaneo e senza precedenti di violenza. L’Egitto ha intrapreso una campagna militare viziosa, conquistando quelli che ora sono Israele, Libano e Libia; gli Ittiti della Turchia hanno colpito i loro vicini nel Mediterraneo orientale; in Siria, il regno di Mitanni attaccato gli Assiri dell’Iraq; la Cassiti del nord dell’Iran invasa da Babilonia nel sud dell’Iraq; la popolazioni Yaz dell’Armenia ferocemente attaccati tutti intorno a loro; e la civiltà Harappa del nord-ovest dell’India è stata spazzata via da tribù predoni dall’Afghanistan. E tutto questo ha seguito di un periodo di relativa pace in tutto il mondo, che durava da generazioni. Gli esperti ritengono che il periodo di intense guerre e disordini sociali in tutto il mondo è stato a causa di un cambiamento del clima a breve termine a livello globale.La perdita significativa dei raccolti e le scarse risorse  inevitabilmente portano a conflitti. La questione, tuttavia, è ciò che ha causato il cambiamento climatico  che è durato per un decennio o giù di lì?

Minacce alla vita e della civiltà

Nel 1985 l’astronomo Carl Sagan ha individuato la cometa del 1486 aC, come la cometa 12P / Pons-Brooks, suggerendo che un frammento di essa si era rotto impattando con la Terra, l’esplosione risultante ha lanciato detriti in alto nell’atmosfera  oscurando i raggi del sole per molti anni, causando temperature globali più basse. Ma questo non può essere stato l’unico effetto dell’impatto cometario. In occasione della Conferenza Internazionale sugli eventi catastrofici e di  Estinzioni di massa tenutosi a Vienna nel luglio 2000, gli scienziati si sono riuniti per discutere le possibili minacce della vita sulla Terra poste da impatti di asteroidi e comete.

È interessante notare che, accanto alle calamità evidenti di tali impatti, come tempeste di fuoco, inverni nucleari, e gli tsunami, l’attenzione è stata attirata da varie sostanze chimiche nocive che alcune comete contengono. Una di queste è l’aminoacido vasopressina che può causare comportamenti violenti e aggressivi negli esseri umani. Non è al momento noto se la 12P / Pons-Brooks contiene vasopressina, ma se lo è, allora se  la sostanza è entrata nell’atmosfera ha contaminato la catena alimentare e  in parte essere stata responsabile per il periodo di guerra senza precedenti  dagli inizi del 1400 AVANTI CRISTO.

La cometa 17P / Holmes e la sua coda blu ionizzato. immagine rappresentativa.

La cometa 17P / Holmes e la sua coda blu ionizzato. immagine rappresentativa.( CC BY-SA 3.0 )

Casualmente, mentre la missione di  Rosetta volge al termine, gli astronomi hanno determinato che un frammento di 12P / Pons-Brooks-cometa del 1486 aC- si sta dirigendo verso il suo massimo avvicinamento alla Terra l’11 febbraio del prossimo anno. La cometa si è rotta in più pezzi dopo uno stretto passaggio con Giove, uno dei quali è quello che ora è designato come cometa 45P / Honda-Mrkos-Pajdušáková, identificata per la prima nel 1948. Si trova a circa un miglio, ma per fortuna non colpirà la Terra. Tuttavia, è possibile che l’orbita della Terra potrebbe portarci attraverso la scia della cometa. Ma anche se passa in modo sicuro, la cometa principale è più di cinque miglia di larghezza, è dovrebbe tornare nel sistema solare interno nel 2024, ma esattamente quanto vicino arriverà sulla Terra è attualmente sconosciuto. Speriamo in meglio. L’ultima cosa di cui il mondo ha bisogno ora è elevati livelli di aggressività.

Graham Phillips  è autore di  The End of Eden – La Comet che ha cambiato la civiltà , pubblicato da Inner Traditions.

Immagine anteprima: Impressione della spettacolare cometa a dieci code registrata dagli antichi Egizi nel 1486 aC. (Illustrazione di Graham Phillips)

Graham Phillips

Fonte: www.ancient-origins.net

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.