Perché Curiosity ha il divieto di indagare sull’acqua trovata su Marte?

La scorsa settimana, gli scienziati della NASA hanno annunciato di aver trovato la prova chimica di acqua liquida sulla superficie marziana . Anche se la scoperta ha una logica convincente, l’esistenza di fiumi stagionali di acqua sul pianeta rosso non sarà mai al 100% confermata fino a quando non possiamo vedere, toccare e analizzare l’acqua. Se non ci sono esseri umani su Marte per fare questo, dovremo studiare quest’acqua indirettamente attraverso i nostri robot.

Il punto è che non possiamo. La sonda Curiosity della NASA si trova a circa 50 chilometri da dove gli scienziati sospettano che ci sia acqua liquida su Marte, ma grazie ad un trattato internazionale firmato nel 1967, non gli è permesso di avvicinarsi.

Questo perché per raggiungere la superficie di Marte, Curiosity ha dovuto viaggiare  225 milioni di chilometri dalla Terra nello spazio, e lungo la strada può aver raccolto lo sporco, la polvere e ogni tipo di microbi misteriosi che non la rendono sterile. 

Loading...

Anche se gli scienziati fanno del loro meglio per sterilizzare le loro attrezzature,  l’astronomo Alan Duffy dell’Università di Swinburne, Australia, descrive il processo come un “salone di abbronzatura UV molto intenso,” ma per assicurare di non contaminare altri pianeti, non ci deve essere acqua nelle vicinanze dell’atterraggio delle sonde.

“Una volta che l’acqua liquida è presente, dobbiamo prendere ulteriori precauzioni per evitare la contaminazione del suolo marziano”, ha dichiarato Rich Zurek, scienziato capo del programma di Marte della NASA. “I nostri robot oggi non sono stati sterilizzati con il necessario grado di sicurezza per andare in una zone dove l’acqua liquida può essere presente.”

Mani legate

Ogni paese sulla Terra è vincolato dalle disposizioni del trattato del 1967 Outer Space, che vieta “a ogni persona di presentare una missione spaziale, con robot o esseri umani vicino ad una fonte di acqua nel timore di contaminare con la vita terrestre.”

Non che la NASA non può sterilizzare completamente le sue sonde, ma secondo Malcolm Walter, un astrobiologo presso l’Università del New South Wales in Australia, avrebbero potuto  esporre curiosity a quantità assurde di calore e radiazioni ,  ma durante il processo l’elettronica interna si sarebbe danneggiata irrimediabilmente.

Cosa fare?

Qual è la soluzione? Sappiamo tutti che la NASA ha in programma di inviare uomini su Marte per la prima volta nella metà degli anni 2030., poi  forse alcuni astronauti fortunati potranno analizzare il liquido per te.Un’altra opzione sarebbe quella di inviare i robot su Marte sarebbero in grado di costruire altri robot per indagare l’acqua con poco rischio di contaminazione. L’anno scorso, la NASA ha annunciato che sta sviluppando dei robot in grado di stampare le infrastrutture in 3D su Marte, allora questo potrebbe benissimo essere anche una possibilità.

Fino ad allora, Curiosity e la sua amica Opportunity dovranno essere contenuti con lo stato di ambiguità della sua pulizia e stare ben lontane dall’acqua. [Science Alert]

Fonte:http://hypescience.com/absurdo-curiosity-esta-proibida-de-investigar-agua-encontrada-em-marte/

Se ti è piaciuto l’articolo condividilo e iscriviti alle nostre pagine Facebook Pianetablunews e Beautiful exotic planet earth  € ed al nostro profilo su twitter.

 Per l’iscrizione:passa il mouse sul tasto ti piace,aspetta due secondi si aprirà  un finestrella.

Clicca sul tasto €œMi piace € e poi su €œricevi notifiche per seguirci costantemente.

Pianetablunews lo trovi anche su google plus

Segui anche il nostro blog  tramite email per non perdere altri articoli, curiosità  e consigli!!

Ti è piaciuto l’€™articolo? condividilo anche tu sui social, clicca

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.