C’è vita sulla cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko?

Da quando la sonda dell’ESA Rosetta si è avvicinata apochi chilometri dalla superficie della cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko, tra settembre ed ottobre 2014, le immagini ad alta risoluzione di OSIRIS hanno mostrato dettagli del nucleo senza precedenti.

Loading...

Una crosta nera polverosa che nasconde depositi di ghiaccio; dune, crepacci, scogliere, zone a “pelle d’oca” o lisce e levigate, pozzi, grandi massi o mucchi di macerie, rotolamenti, tutte caratteristiche distinte ed inaspettate su cui gli scienziati stanno ancora discutendo. Ma due astronomi dell’Università di Cardiff, nel Regno Unito, non sembrano avere troppi dubbi e ritengono che l’attività cometaria potrebbe essere plasmata da microrganismi.

Il team, guidato dal Dr. Max Wallis, ha presentato la stravagante teoria il 6 luglio, in occasione del National Astronomy Meeting a Llandudno, Wales.

I due ricercatori sostengono che tutte le caratteristiche catalogate sono coerenti con un mix di ghiaccio e materiale organico che, stabilizzato dal riscaldamento del Sole, man mano che la cometa compie le sue orbite, può supportare microorganismi attivi.

Nel loro modello, i microrganismi avrebbero bisogno di acqua allo stato liquido per colonizzare la cometa e perciò vivrebbero nelle crepe ghiacciate del nucleo. D’altra parte, la presenza di sali antigelo potrebbe rendere l’ambiente “facilmente abitabile” e molte forme di vita, particolarmente brave ad adattarsi a condizioni estreme, potrebbero essere attive già a -40 gradi Celsius. Una temperatura già presente a settembre dello scorso anno sulle aree illuminate del nucleo di 67P, quando la cometa era a 500 milioni di chilometri dal Sole e si iniziavano a vedere le prime deboli emissioni di gas.

Il Dr Wallis ha detto: “Rosetta ha già dimostrato che la cometa non deve essere vista come un corpo ghiacciato inattivo ma supporta processi geologi e potrebbe essere ospitale per la micro-vita come quella delle nostre regioni artiche ed antartiche”.

 

Press release:
http://www.ras.org.uk/news-and-press/2654-do-micro-organisms-explain-features-on-comets

Foto di anteprima:ESA Rosetta #CometWatch 14 giugno (immagine originale https://flic.kr/p/uBevL3)Credit: ESA/Rosetta/NAVCAM, CC BY-SA IGO 3.0 – Processing: Elisabetta Bonora & Marco Faccin / aliveuniverseimages.com, CC BY-SA IGO 3.0

Elisabetta Bonora

Fonte:http://aliveuniverseimages.com/flash-news/spazio-astronomia/1549-ce-vita-su-chury

 

 

 

Se ti è piaciuto l’articolo condividilo e iscriviti alle nostre pagine Facebook Pianetablunews e Beautiful exotic planet earth  € ed al nostro profilo su twitter.

 Per l’iscrizione:passa il mouse sul tasto ti piace,aspetta due secondi si aprirà  un finestrella.

Clicca sul tasto €œMi piace € e poi su €œricevi notifiche per seguirci costantemente.

Pianetablunews lo trovi anche su google plus

Segui anche il nostro blog  tramite email per non perdere altri articoli, curiosità  e consigli!!

Ti è piaciuto l’€™articolo? condividilo anche tu sui social, clicca

Loading...