Software può tradurre l’attività cerebrale in parole scritte

Immaginate un mondo in cui gli autori possono scrivere libri in giorni, non in mesi, utilizzando solo il potere delle loro menti. Questo futuro  potrebbe essere dietro l’angolo: gli scienziati hanno creato un software che si aggancia alle vostre onde cerebrali e trascrive qualsiasi cosa tu stia pensando.

Brain-to-Text è il software alla base di questo, il concetto di fantascienza in stile futuristico.Esso ha il potenziale di trasformare la vita di coloro che hanno perso la capacità di comunicare efficacemente. Stephen Hawking, per esempio,  spesso deve scorrere le lettere dell’alfabeto, una alla volta mentre digita per  scrivere i messaggi. Come si può immaginare, il processo è lento e laborioso. Il software come Brain-to-Text quindi potrebbe  cambiare la vita di molte persone.

Loading...

Lo studio pubblicato in Frontiers of Neuroscience , è stato progettato per testare questo nuovo concetto i partecipanti che hanno avuto gli elettrodi montati nel cervello. Questo perché,i tappi di lettura delle onde cerebrali esterne, che l’attività elettrica di registrazione attraverso il cuoio capelluto, non sono abbastanza sensibili da captare i segnali taglienti necessari per identificare le singole lettere. Il cranio offusca queste informazioni sensibili.

 

Questo limita il numero di persone che potrebbero partecipare al processo a sette , i quali soffrivano di epilessia e già avevano elettrodi impiantati nel loro cervello per trattarla. Purtroppo per i ricercatori, gli elettrodi sono stati messi solo nelle regioni del cervello che richiedevano ricablaggio, e pertanto non sono stati distribuiti uniformemente ovunque.

Con alcun modo per aggirare questa limitazione, i partecipanti sono stati invitati a leggere diversi passaggi del testo ad alta voce, mentre i loro dati neurali sono stati letti da un computer. I passaggi letti inclusi il discorso inaugurale di JFK , Humpty Dumpty, e anche fanfiction Streghe.

Quando gli individui parlavano , il computer ha dovuto imparare a riconoscere i singoli suoni che stavano facendo e abbinarli alle corrispondenti onde cerebrali. Alla fine, il computer era in grado di raccogliere diversi schemi cerebrali e abbinarli ai suoni.

I risultati sono stati incoraggianti. Il software Brain-to-Text è stato costantemente più preciso a classificare la fonetica di un modello randomizzato.

“Questo è solo l’inizio”, ha detto  Peter Brunner , un coautore dello studio. “Le prospettive di questo sono davvero infinite.” Il giornale commenta che il software tradizionale di riconoscimento vocale ha migliaia di ore di dati acustici per modellare e perfezionare il software, mentre Brain-to-Text ha solo due o tre campioni provenienti da sette persone.Con più prove e tweaking, il software può essere solo più accurato.

La tecnologia non può facilmente essere resa disponibile in commercio, perché quando si tratta di cervelli, un formato assolutamente non a misura per tutti. Le onde cerebrali che trasmettono dati fonetici sono così sensibili che ogni cervello deve essere valutato singolarmente. Inoltre, vi è il problema di inserire una rete di elettrodi direttamente nel cervello dell’utente. Per aumentare  la qualità della vita  quindi ci deve essere un maggiore rischio di danni al cervello o complicazioni chirurgiche.

[H / T: PopSci ]

Fonte:http://www.iflscience.com/brain/write-book-your-mind

 

 

 

Se ti è piaciuto l’articolo condividilo e iscriviti alle nostre pagine Facebook Pianetablunews e Beautiful exotic planet earth  € ed al nostro profilo su twitter.

 Per l’iscrizione:passa il mouse sul tasto ti piace,aspetta due secondi si aprirà  un finestrella.

Clicca sul tasto €œMi piace € e poi su €œricevi notifiche per seguirci costantemente.

Pianetablunews lo trovi anche su google plus

Segui anche il nostro blog  tramite email per non perdere altri articoli, curiosità  e consigli!!

Ti è piaciuto l’€™articolo? condividilo anche tu sui social, clicca

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.