I Neanderthal si estinsero molto prima di quanto pensiamo (e con il nostro aiuto)

Un nuovo studio presso l’Università di Oxford, Regno Unito, afferma che i Neanderthal scomparvero dalla Terra circa 10.000 anni prima di quanto pensassimo. L’arrivo degli esseri umani moderni in Europa potrebbe essere stato l’innesco per l’estinzione dei nostri antichi cugini.

Secondo l’autore principale, Tom Higham, la nuova datazione dei fossili suggerisce che i Neanderthal sono stati isolati in alcune parti d’Europa e scomparvero presto, in coincidenza con l’arrivo dei primi esseri umani moderni in questi pezzi di terra.

Loading...

La prova

Neanderthal vissuto in tutta Europa, dalla Spagna alla Siberia. Le specie cominciarono ad apparire nella documentazione fossile oltre 230 milioni di anni fa, e credevano di aver estinto circa 30.000 anni fa.

I nuovi risultati suggeriscono che, mentre nell’Europa c’era l’uomo di Neanderthal circa 45.000 anni fa , le specie scomparse entro 5400 anni dopo.

La nuova scoperta è basata su 196 campioni di ossa di animali, conchiglie e carbone prelevati da 40 siti archeologici in cui erano ubidicati i Neanderthal da Gibilterra al Caucaso. Gran parte delle ossa di rapaci come cervi, bisonti e mammut, portano i segni di taglio di una lama di tipo di pietra che i Neanderthal utilizzavano.

La datazione di queste ossa suggerisce che i Neanderthal hanno subito un calo della popolazione  circa 50.000 anni fa, lasciandoli isolati in alcune regioni più o meno nel momento in cui è apparso l’uomo moderno.

La pressione competitiva tra i primi europei che cacciavano molte delle stesse prede, può aver portato (o contribuito ) i Neanderthal a isolarsi, accelerando l’estinzione della specie che in precedenza aveva resistito alle ere glaciali.

“Penso che la maggior parte dei miei colleghi concordano sul fatto che gli esseri umani moderni hanno avuto un ruolo nella scomparsa dei Neanderthal“, ha detto Higham.

Non l’abbiamo fatto da soli

La competizione con il nuovo essere umano può essere stato un fattore che ha portato all’estinzione dell’uomo di Neanderthal, ma non era l’unico fattore.

Un grande vulcano che eruttò in Italia al momento della scomparsa di Neanderthal potrebbe aver ostacolato le due popolazioni noi e loro.

In cima a quello, un evento di raffreddamento climatico circa 40.000 anni fa in Europa potrebbe aver dato il colpo di grazia della popolazione di Neanderthal, che era già bassa in numero e diversità genetica, e cercando di far fronte alla concorrenza di gruppi di Homo sapiens “, suggerisce Chris Stringer, del Natural History Museum di Londra.

Pro e contro

Non tutti sono d’accordo che la ricerca è a un punto culminante o la prova che i Neanderthal scomparvero prima di quanto pensato.

Il paleontologo Erik Trinkaus, della Washington University di St. Louis (USA), è uno che pensa che parti dello studio sono sbagliate” e sostiene che alcuni dei loro campioni non sono venuti veramente da grotte di Neanderthal in siti rupestri.

“Non c’è niente di nuovo o interessante“, ha detto Trinkaus. La scomparsa dell’uomo di Neanderthal è stato un lungo, lento e complesso processo.”

Il co-autore e specialista nella datazione al radiocarbonio Rachel Wood, l’Australian National University di Canberra, difendevano i campioni, rilevando che le grotte sono in accordo con le misurazioni effettuate indipendentemente dalla cenere vulcanica.

Inoltre, Katerina Harvati paleontologo presso l’Università di Tuebingen in Germania, sostiene che è la più precisa datazione è ha dimostrato che le specie si sono estinte prima di 30.000 anni fa, quindi i nuovi risultati sembrano ragionevoli. A mio parere, questo lavoro è la base di una struttura cronologica uniforme per gli studi dei Neanderthal“, ha detto.[NatGeo]

Autore Natasha Romanzotti

Fonte:www.hypescience.com

aspetta due secondi si aprirà un finestrella.
Clicca sul tasto “Mi piace” e poi su “ricevi notifiche” per seguirci costantemente
.

Pianetablunews lo trovi anche su google plus

Segui anche il nostro blog https://pianetablunews.wordpress.com/ tramite email per non perdere altri articoli, curiosità e consigli!!

Ti è piaciuto l’articolo? condividilo anche tu sui social, clicca

Loading...