I superpoteri chimici del pesce persico, un pirata “fantasma” invisibile alle sue prede

Due ricercatori, William Resestarits, del Dipartimento di scienze biologiche della Texas Tech university, e Christopher Binckley, del Dipartimento di biologia dell’Arcadia university della Pennsylvania, hanno rivelato una nuova strabiliante meraviglia della natura della quale è protagonista un apparentemente “insignificante” pesciolino. Nella ricerca “Is the Pirate Really a Ghost? Evidence for Generalized Chemical Caouflage in Aquatic Predator, Pirate PerchAphredoderus sayanus” pubblicata su The American Naturalist  i due spiegano che «Il camuffamento occupa un ruolo centrale negli arsenali sia dei predatori che delle prede e richiama visioni di organismi che possiedono caratteristiche specifiche o alterano la loro forma, il colore o il comportamento fino a fondersi con lo sfondo visivo o a confonderne l’identificazione. Tuttavia, molti organismi utilizzano modalità diverse dalla vista. La comunicazione chimica è particolarmente importante nei sistemi acquatici, e gli “spunti” chimici sono utilizzati da una vasta gamma di organismi colonizzatori per riconoscere ed evitare gli habitat a rischio». 

La ricerca descrive un esperimento di selezione dell’habitat dei coleotteri acquatici e riassume i risultati di 11 esperimenti che riguardano la colonizzazione e l’ovodeposizione negli stagni di coleotteri di raganelle che «Forniscono la prova che i persici pirata Aphredoderus sayanus sono chimicamente mimetizzati nei confronti di una gamma diversificata di prede – scrivono i due ricercatori statunitensi – Crediamo che questo sia il primo esempio di un predatore in possesso di un camuffamento chimico generalizzato ed efficace contro una vasta gamma di prede» e pensano che questo possa «Costituire una nuova arma nella corsa agli armamenti predatore-preda», Un’arma chimica probabilmente utilizzata anche d altri organismi viventi per nascondersi e fib no ad ora sconosciuta alla scienza. Resetarits spiega che  «Un sacco di microrganismi possono modificare i loro segnali chimici, proprio come un sacco di organismi modificano i loro segnali visivo. Questo apre un nuovo modo di guardare il mondo».

Ma come fa il piccolo e voracissimo pesce persico pirata, endemico dei laghi e dei corsi d’acqua dell’est del Nord America, a diventare un fantasma che le sue prede non vedono e del quale non sentono nemmeno l’odore anche se è in bella vista?

Loading...

Intanto il persico pirata è diverso dagli altri pesci del Nord America, e tra le sue stranezze c’è anche quella di essere l’unico membro della famiglia dei pesci Aphredoderidae e che ha l’ano è situato vicino al mento, ma i “superpoteri” scoperti da Resetarits e Binckley sono davvero unici: i coleotteri acquatici e le raganelle hanno meno probabilità di colonizzare gli stagni dove vivono questi predatori che sembrano poter mangiare uova e  insetti senza che gli adulti si accorgano della presenza del persico pirata. Resetarits dice che «I pesci predano gli adulti e la prole di coleotteri, che vivono nell’acqua. Per quanto riguarda le raganelle, si tratta solo di uova e girini, perché gli adulti vivono sugli alberi».

I ricercatori hanno testato la risposta dei coleotteri e rane a diverse specie di pesci collocate in bidoni della spazzatura di plastica opachi che sono stati sommersi negli stagni artificiali all’aperto in modo che i coleotteri e le rane non potessero vederli percepirli attraverso disturbi nell’acqua. Le gabbie dei pesci avevano aperture rivestite di rete, in modo che i segnali chimici dei pesci potessero circolare nell’acqua.

Quando le raganelle hanno fatto meno uova in tutti gli stagni ad eccezione di quelli contenenti il pesce persico pirata, Resetarits e Binckley erano sorpresi e perplessi, ma quando coleotteri acquatici hanno mostrato la stessa mancanza di risposta allo stesso pesce, gli scienziati sono rimasti sbalorditi. Era evidente che i due ricercatori stavano assistendo a qualcosa di strano. I persici pirata mangiano di tutto e quindi negli stagni dove c’erano le prede erano ancora più in pericolo, ma per qualche ragione i coleotteri e le rane proprio non si accorgevano che i pesci erano lì. Come faccia l’Aphredoderus sayanus a mascherare chimicamente la sua presenza non è chiaro: «Noi lo chiamiamo camuffamento perché questo è un termine molto familiare, ma in realtà non sappiamo quale sia il  meccanismo – spiega Resetarits  – Potrebbe essere camuffamento, il che rende un organismo difficile da rilevare, o potrebbe essere mimetismo, il che rende un organismo difficile identificare correttamente, o occultamento, nel quale l’organismo non produce semplicemente un segnale rilevabile dal ricevitore».

Resetarits vuole provare che la capacità del persico pirata di nascondersi chimicamente favorisce il successo nella caccia e se questo incredibile pesce sia anche in grado di diventare un fantasma anche per i suoi predatori e non solo per le sue prede. Inoltre i due scienziati stanno anche progettando ulteriori studi per determinare quali segnali chimici utilizzino coleotteri e raganelle per identificare gli altri pesci e poi vedere se questi segnali siano assenti  nel persico pirata.

 

Fonte: http://www.greenreport.it/_new/index.php?page=default&id=%2021312

 

 

Pianeta bluRicordo ai visitatori di pianetablu news che su facebook è stata creata la pagina pianeta blu in cui vengono riportati gli articoli di pianetablu news ed anche altre notizie.Se la pagina è di vostro gradimento cliccate in alto a destra sul bottone mi piace e fatela conoscere anche ai vostri amici per aiutarla a farla crescere.

Ecco il link della pagina: Pianeta blu

 

 

Beautiful exotic planet earthRicordo che pianeta blu news su facebook ha una nuova pagina da un po di tempo Beautiful exotic planet earth. La sola intenzione di questa nuova pagina è quella di mostrare quanto sia incredibilmente bello il nostro pianeta attraverso foto ,video di animali e piante o paesaggi esotici,con qualche descrizione anche sulla gastronomia.Ecco il link della pagina: Beautiful exotic planet earth

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.