La meditazione a lungo termine porta ad organizzare il cervello in modo diverso.

Le persone che praticano la meditazione mindfulness imparano ad accettare i propri sentimenti, emozioni e stati d’animo, senza giudizio o resistenze verso essi. Semplicemente vivendo il momento.

Credit: iStock

Diversi studi hanno dimostrato che questo tipo di  può avere  a lungo termine sulla stabilità e, di conseguenza, sui disturbi quali  e  . Un nuovo studio rivela che questo tipo di formazione mentale ha un’influenza sul default rete   dei meditatori esperti, quando sono a riposo. Le differenze nel cervello indicano che la meditazione contribuisce ad una migliore  e più obiettività  del pensiero.

Loading...

“Abbiamo studiato i cervelli di 13 meditatori con oltre 1.000 ore di pratica e 11 principianti, analizzando la connettività funzionale”, dice Veronica Taylor, l’autore principale dello studio pubblicato sulla rivista Social Cognitive ed Affective Neuroscience,  pubblicato nel marzo 2012.

La connettività funzionale si riferisce alla sincronizzazione tra due o più regioni cerebrali che varia nel tempo durante un compito specifico o a riposo. Questo metodo di analisi può essere applicato ai dati di risonanza magnetica funzionale. “I partecipanti sono rimasti in uno scanner CT per pochi minuti ed è stato chiesto di non fare nulla”, ha spiegato Taylor, che sta attualmente completando il suo dottorato in psicologia sotto la supervisione del professor Pierre Rainville.

Queste analisi  del cervello hanno consentito ai ricercatori di identificare dei soggetti con reti predefinite, cioè l’insieme delle regioni attivate a riposo quando la persona non sta eseguendo una particolare attività.

“Abbiamo voluto valutare se gli effetti della meditazione mindfulness persiste al di là della pratica”, ipotizzando che la rete di default del cervello dei meditatori è strutturata in modo diverso. La rete di default è associata a sognare ad occhi aperti e di auto-pensiero quando non si sta facendo ‘nulla.’ In realtà, abbiamo pensato di trovare una diversa organizzazione, perché questi individui sono abituati a vivere il momento, ed i loro pensieri non vanno in tutte le direzioni a riposo. ”

Infatti, i risultati mostrano più debole sincronizzazione tra il ventrale e dorsale della corteccia mediale prefrontale. “La parte dorsale è coinvolta nei processi cognitivi associati con il sé, mentre la parte ventrale è associata all’ emozione auto-valutazione “, spiega Taylor. Poiché queste zone sono meno correlate, mostra che queste persone pensano di se stesse con maggiore obiettività “.

Un fatto curioso e interessante: i soggetti avevano una maggiore sincronizzazione tra tutte le aree che convergono nel lobo parietale destro.Questa zona è nota per avere un ruolo di attenzione, suggerendo forse a lungo termine effetti benefici della meditazione, ma che deve ancora essere dimostrata da una ricerca specifica  sullo studio sui processi dell’attenzione “.

Anche se i soggetti sono stati testati a riposo, Taylor ha conoscenza di prima mano dei tangibili benefici della meditazione di consapevolezza nella vita quotidiana. “Ho praticato la meditazione per diversi anni e ho notato che la mia attenzione è più a lungo stabile quando mi concentro”.

“C’è ancora molto da scoprire riguardo al potere della meditazione”, dice. Nel frattempo, suggerisce che tutti la pratichino. “Non costa nulla e si può meditare sempre e dovunque … ed i benefici sono reali. ”

Di Marie Lambert-Chan

Fonte: http://medicalxpress.com/news/2012-05-long-term-meditation-brain.html

Ricordo ai visitatori di pianetablu news che su facebook è stata creata la pagina pianeta blu in cui vengono riportati gli articoli di pianetablu news ed anche altre notizie.Se la pagina è di vostro gradimento cliccate in alto a destra sul bottone mi piace e fatela conoscere anche ai vostri amici per aiutarla a farla crescere.

ecco il link della pagina:

https://www.facebook.com/pages/Pianeta-blu/190882504295322

Loading...

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.