Osservata rara fase iniziale della formazione stellare

L’ Utilizzo di radiotelescopi a raggi infrarossi, ha permesso agli astronomi di ottenere un primo sguardo allettante in una fase cruciale all’inizio della formazione stellare. Le nuove osservazioni promettono di aiutare gli scienziati a capire le prime fasi di una sequenza di eventi attraverso i quali una nube gigante di gas e polveri collassa in nuclei densi che, a loro volta, formano nuove stelle.Gli scienziati hanno studiato una nube gigantesca circa 770 anni luce dalla Terra nella costellazione di Perseo. l’Agenzia Spaziale Europea ha utilizzato  Herschel Space Observatory e la National Science Foundation Green Bank Telescope (GBT) per effettuare osservazioni dettagliate di un cespuglio, che contiene quasi 100 volte la massa del Sole, all’interno di quella nuvola. Gli astronomi pensano le stelle si formano,quando una nube di gas e polveri collassa gravitazionalmente, prima in ciuffi, poi in nuclei densi, ognuno dei quali può quindi iniziare a ulteriore collasso e formare una stella giovane. I dettagli di come questo accade non sono ben compresi. Una delle difficoltà è che la maggior parte delle regioni in cui questo processo è in corso già si sono formate stelle nelle vicinanze. Quelle stelle influenzano la successiva formazione di stelle nelle vicinanze attraverso i loro venti stellari e onde d’urto quando esplodono come supernove. “Abbiamo trovato il primo caso evidente di una macchia di potenziale formazione stellare, gas che è sul punto di formare nuclei densi, e non è influenzato da qualsiasi stelle vicine “, ha detto James Di Francesco, della University of Victoria, Canada. “Trovare un ciuffo ‘incontaminato’ di gas che può essere di partenza per formare un nucleo denso è una chiave per ottenere una piena comprensione delle prime fasi di formazione stellare “, ha detto Sarah Sadavoy, uno studente laureato anche della University of Victoria. “Questo è un raro trovarlo”, ha aggiunto. Le immagini a infrarosso di  Herschel Space Observatory sono stati ottenute nell’ambito del programma Herschel chiave Gould Belt Survey. Hanno rivelato sottostrutture precedentemente invisibili all’interno del gruppo che possono essere i precursori di nuclei con il potenziale per formare singole stelle. Gli astronomi hanno usato il GBT per studiare i movimenti e le temperature di molecole, principalmente ammoniaca, all’interno di queste sottostrutture. Queste osservazioni GBT indicato che una delle sottostrutture è probabile che sia legato gravitazionalmente e quindi più avanti il percorso di condensazione in un nucleo rispetto agli altri. “Questa potrebbe essere la prima osservazione in assoluto di un precursore core”, ha detto Di Francesco. L’intero gruppo, dicono gli scienziati, potrebbe essere prevista la formazione di una decina di nuove stelle. “Questa regione sembra essere un ottimo candidato per la formazione del nucleo futuro, ed è quindi una zona ideale per gli studi aggiuntivi che possono aiutarci a capire come funziona questo processo senza l’ innesco di  effetti dei venti provenienti da altre stelle e gli shock da esplosioni di supernovae “, ha detto Sadavoy. Gli scienziati pubblicano i loro risultati sulla rivista Astronomy & Astrophysics. Contatto: Dave Finley Information Officer Public +1 (575) 835-7302 dfinley@nrao.edu Preprint di A & A carta: http://arxiv.org/abs/1111.7021 La National Radio Astronomy Observatory è un servizio della National Science Foundation, gestita in base ad accordi di cooperazione da Associated Universities, Inc.

Loading...

Fonte: http://www.spaceref.com/news/viewpr.html?pid=36410

Ricordo ai visitatori di pianetablu news che su facebook è stata creata la pagina pianeta blu in cui vengono riportati gli articoli di pianetablu news ed anche altre notizie.Se la pagina è di vostro gradimento cliccate in alto a destra sul bottone mi piace e fatela conoscere anche ai vostri amici per aiutarla a farla crescere.

ecco il link della pagina:

https://www.facebook.com/pages/Pianeta-blu/190882504295322

Loading...