Esiste un piano credibile nel caso di un segnale alieno reale ?

Se mai rilevassimo ufficialmente i segni di vita intelligente, con la ricezione di un segnale cosmico del Search for Extraterrestrial Intelligence, come dovremmo comportarci? Se lo chiede la BBC in un articolo uscito in questi giorni. Per fare chiarezza l’emittente britannica ha chiesto a illustri scienziati di tutto il mondo.

Loading...

Per prima cosa bisogna guardare con attenzione i segnali provenienti dai telescopi radio più grandi del mondo, alla ricerca di qualcosa di insolito , o anche messaggi luminosi, lampi laser, progettati per catturare la nostra attenzione. Quando il Seti è nato c’era un uomo con un anonimo telescopio nel 1959. I computer di oggi sono usati per setacciare il traffico cosmico, segnalando agli astronomi tutte le chiamate possibili di vita extraterrestre.

Fin’ora il “telefono” non ha squillato, ma cosa potrebbe succedere se uno di quei computer trovasse una chiamata in buona fede, e in linea ci fosse un alieno? I Teorici della cospirazione sostengono che il telefono metaforicamente sia occupato da un pezzo con grossi cover-up in atto. Ma vediamo nel dettaglio se nel caso di una prova aliena ci sarebbe davvero sconvolgimento globale, e cosa dice il protocollo.

Seth Shostak, astronomo dell’Istituto Seti, prende posizione in merito ai cover up. L’idea che i governi possano mantenere questo silenzio perché altrimenti il ​​pubblico potrebbe impazzire, è assurda. La storia dimostra che non è quello che succede“. E fa degli esempi.

All’inizio del 1900, c’erano studiosi che sostenevano la teorie dei canali su Marte -. Una civiltà intelligente costruiva un bacino idraulico che si vedeva dalla Terra e il ragazzo medio di strada rispondeva tranquillo: bene esistono i marziani, senza nessuna scena di panico”.

 

ShoStak descrive anche un episodio del 1997 rivelatosi un “falso allarme”che ha mostrato la probabile reazione – e l’inutilità di qualsiasi tentativo di insabbiamento.

Stavamo guardando questo segnale per tutto il giorno e tutta la notte, in attesa che qualcuno -‘in alto’- ci richiamasse” ricorda il Dr. Shostak. “Nessun politico locale ci richiamò, per non parlare del governo federale. Le uniche persone che sono state interessate alla vicenda sono stati i media“.

Ma c’è un piano d’azione, un documento riservato, redatto dagli organismi internazionali per informare il mondo? La risposta è No!. “Il protocollo è semplicemente quello di annunciare la scoperta,” dice Shostak. Ma politiche per gestire le informazioni, o un comando per la situazione? “Non ci sono tali politiche, e non credo che si potrebbero far valere in ogni caso.

Le Nazioni Unite hanno un piccolo gruppo a Vienna, di cui abbiamo parlato mote volte. E‘ l’Ufficio per gli affari spaziali (UNOOSA),  con cui il Seti e gli scienziati più lungimiranti hanno cercato nel corso degli anni -con scarso successo- di collaborare. Alla domanda su cosa potrebbe accadere se un messaggio alieno arrivasse, all’UNOOSA rispondono cavandosela con la scusa che il loro attuale mandato “non comprende tutte le questioni relative alle tematiche aliene”.

Quindi, la pianificazione è lasciata a gente come Paul Davies, dell’Arizona State University, che dirige il Seti Taskgroup. Per prima cosa non sappiamo che tipo di informazioni -nel caso- un segnale in ingresso possa contenere. E decodificare il segnale potrebbe durare anni, o decenni.

 

“Potrebbe essere qualcosa di assolutamente dirompente e imprescindibile, o qualcosa di semplice come il modo di ottenere il controllo sul processo di fusione nucleare … che potrebbe risolvere la crisi energetica mondiale.” dice Davis. A causa del tempo di viaggio da una fonte a molti anni luce di distanza, abbiamo un sacco di tempo per riflettere su quali sarebbero le conseguenze se ci apriamo al dialogo, sopratutto su una scala di tempo molto lento

Ma allora dobbiamo rispondere a un contatto alieno? Certamente sì. Ma cosa dire e come dirlo che è un problema spinoso.


“Quando abbiamo a che fare con una mente aliena – quello che potrebbero apprezzare, cosa potrebbero considerare come interessante o bello o brutto – sarà molto legato alla loro architettura neurale che davvero non possiamo ancora immaginare”, dice Davies. “Quindi l’unica cosa che probabilmente abbiamo in comune potrebbe essere a livello di matematica e fisica.”

Dalla California Seti Institute, Doug Vakoch è d’accordo.

“Sembra un po ‘difficile da capire come ci si costruisce un trasmettitore radio se non si sa che due più due fa quattro. Ma come facciamo a parlare facendo ricorso alla comprensione comune per comunicare qualcosa che è più idiosincratica di ogni specie? Come facciamo a far loro sapere che cos’è davvero come essere umano?”

La spirale di FibonacciLa spirale di Fibonacci

Alcuni scienziati sostengono che il Seti, una volta individuato il server dove mandare una e-mail interstellare, potrebbe semplicemente inviare il contenuto di internet in streaming usando un fascio di luce laser. Gli alieni avrebbero un sacco di informazioni da cui attingere modelli, tradurre lingue, e vedere le immagini. Un universo umano dalle dimensioni colossali, il meglio e il peggio: senza filtri.

Vakoch pensa che inviare una “discarica di dati digitali” è un approccio “pessimo”. “Ci deve essere qualcosa di più elegante da dire su noi stessi” affema.

Si potrebbe invece esprimere la nostra idea di bellezza – sia pure grossolanamente – inviando un segnale che rappresenta la sequenza di Fibonacci, in cui ogni numero è la somma dei precedenti due: uno, uno, due, tre, cinque, otto, 13 e così via. E ‘una sequenza vista nelle in galassie a spirale e il modo in cui i  gusci nautilus crescono, inoltre è legata al “rapporto aureo” – una percentuale esteticamente gradevole, già vista nell’ architettura classica.

Il Dr Vakoch spera anche di mostrare le caratteristiche umane possibilmente idiosincratiche, come l’altruismo, aiutando gli altri a costo di perderci noi stessi. A tal fine, ha preparato una semplice animazione di una persona aiuta un altro a una scogliera.

Ma qualsiasi eventuale messaggio sarà messo insieme da un consenso internazionale – che sarà solo sul tavolo delle trattative mondiale se mai un segnale alieno si mostrerà ai nostri occhi. Nel frattempo, continueranno ad arrivare con le idee di cosa dire sul microfono interstellare.

“Forse l’aspetto più importante persino di comunicare con gli extraterrestri, è l’intera impresa di comporre un messaggio universale, sfruttando tutto questo come un’occasione per riflettere su noi stessi, su ciò che ci preoccupa e su come esprimere ciò che è importante.” Magari prima di comunicare con gli alieni quindi, dobbiamo imparare a comunicare tra noi.

Fonte:http://www.ufoonline.it/2012/01/18/esiste-un-piano-credibile-nel-caso-di-un-segnale-alieno-reale/

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.