Cosa accadrà alla Terra quando Betelgeuse esploderà?

La supergigante rossa ha mostrato negli ultimi anni cambiamenti di intensità nella luminosità che hanno generato speculazioni sul suo futuro.

Le forti variazioni nell’intensità della luminosità che la stella supergigante rossa Betelgeuse ha avuto negli ultimi anni hanno portato gli astronomi ad analizzare cosa potrebbe accadere se esplodesse e quali conseguenze provocherebbe sulla Terra. Tra la fine del 2019 e il 2020 la luminosità della stella è diminuita del 60% e come ha spiegato Albert Zijlstra, professore di astrofisica all’Università di Manchester (Regno Unito), questo fenomeno è stato dovuto alla presenza di una nube, poiché le stelle come Betelgeuse espelle continuamente gas e polvere. Durante quel periodo, ha detto, le immagini mostravano che mancava la metà meridionale. Dopo quell’evento, la stella si è illuminata di nuovo ed è ora più luminosa del 50% rispetto al solito, il che potrebbe essere il risultato della stessa nuvola di polvere che ora riflette la luce dalla stella verso la Terra. Inoltre Betelgeuse è da 15 a 20 volte più massiccia del Sole e si prevede che le stelle con questa caratteristica subiranno una potente esplosione nota come supernova che pone fine alla loro vita. A causa del suo colore, è identificabile come una supergigante rossa, il che significa che la sua fine è vicina. Queste qualità aggiunte agli eventi di cambiamento nell’intensità della sua luminosità hanno portato gli astronomi a speculare sull’imminenza dell’esplosione e sulle sue conseguenze. Tuttavia, ha affermato Zijlstra, potrebbero passare anche un milione di anni prima che ciò accada.

Ma cosa accadrà quando la stella diventerà una supernova? Dopo l’esplosione della stella, situata a circa 500 anni luce di distanza, si osserverebbe prima una pioggia di particelle prive di massa chiamate neutrini, che sarebbero innocue. Successivamente, la stella si illuminerà rapidamente. Dopo una settimana o due, la sua luminosità sarebbe simile a quella della luna piena. Anche se poi inizierebbe a sbiadire, rimarrebbe visibile durante il giorno per un periodo compreso tra sei mesi e un anno, mentre di notte potrebbe essere vista ad occhio nudo per un altro anno o due. Dopo quel periodo, sparirà per sempre. La prossima domanda a cui risponde Zijlstra è se questo fenomeno sarebbe pericoloso. In questo senso, ha spiegato che le supernove producono particelle ad alta energia chiamate raggi cosmici che possono passare attraverso lo scudo del campo magnetico terrestre. Tuttavia, la quantità sarebbe piccola rispetto ad altre radiazioni. Inoltre, ha sottolineato che una supernova creerebbe anche ferro radioattivo, una sostanza che è già stata trovata sui fondali marini e sulla Luna. Si ritiene che si sia formato nell’esplosione avvenuta da due a tre milioni di anni fa da una stella che potrebbe trovarsi a circa 300 anni luce di distanza dalla Terra. Una distanza inferiore rispetto a Betelgeuse, ma abbastanza lontano da non causare grossi problemi alla vita sul nostro pianeta.

Angelo Petrone

Fonte: www.scienzenotizie.it

Seguici su Telegram Instagram Facebook | Pinterest | x