Scopri quali sono le 5 componenti chiave dell’intelligenza emotiva

Esercitando queste abilità sarai in grado di conoscerti meglio, capire meglio le altre persone, regolare le tue emozioni e comportamenti, avere relazioni e motivazioni più sane in ciò che proponi.

Si parla molto dell’intelligenza emotiva, poiché sembra essere lo strumento più prezioso che possiamo imparare per avere una vita piena. Sebbene siano numerose le indagini sull’argomento, in cui si trovano diverse definizioni complementari, la maggior parte degli autori coincide nella concettualizzazione espressa da Mayer e Salovey (1997). Si riferiscono all’intelligenza emotiva come ” la capacità di percepire, assimilare, comprendere e regolare le proprie emozioni e quelle degli altri “.

Loading...

Non è un compito facile ed è proprio per questo che in questo scritto condividerò le 5 componenti chiave dell’intelligenza emotiva affinché possano essere messe in pratica e quindi favorirne la formazione.

Le 5 componenti dell’intelligenza emotiva

1. Conoscenza di sé : ci sono molti modi che consentono la conoscenza di sé. La terapia psicologica è una di queste, poiché ci permette di approfondire i nostri desideri e le nostre insicurezze, nonché di conoscere i nostri punti di forza. A livello emotivo, si riferisce specificamente alla conoscenza dei nostri sentimenti ed emozioni e di come ci influenzano nelle diverse situazioni. Conoscere noi stessi ci dà maggiore sicurezza, come se fossimo sulla terraferma. Avendo maggiore chiarezza sulle situazioni che generano determinate emozioni, ci permette di anticipare e sentirci più sereni. Non siamo di fronte a qualcosa di nuovo e sconosciuto, ma sappiamo già cosa aspettarci.

E tu… quanto ti conosci?

2. Empatia: è il sentimento di identificazione con qualcuno o la capacità di identificarsi con qualcuno e condividere i propri sentimenti. Condividendo i loro sentimenti, non cerchiamo necessariamente di “risolvere” ciò che ha fatto sentire la persona in questo modo, poiché sarebbe più legato al sentimento di compassione. L’empatia si concentra sull’identificazione e sulla presa in considerazione delle emozioni delle altre persone quando interagiscono. Conoscere lo stato emotivo degli altri ci consente una visione più chiara per prendere decisioni, comunicare e persino essere compassionevoli nel caso in cui decidiamo di esserlo. L’empatia è un prerequisito per la compassione. Questo chiarimento è importante, dal momento che non devi necessariamente essere coinvolto in tutte le esperienze di altre persone per essere empatico. Le persone empatiche hanno spesso capacità di ascolto,

Nel tuo caso, riesci a metterti “nei panni” dell’altro?

3. Autoregolamentazione: si tratta di essere in grado di identificare ciò che ci accade, monitorarne l’andamento e intervenire su di esso per prevenire azioni impulsive che ci tolgono dalla capacità di ragionare. Quando impariamo a regolare i nostri stati emotivi, saremo in grado di esprimerci in modo appropriato e di regolare le emozioni in modo efficiente. La nostra risposta non è la stessa se ci sentiamo arrabbiati o calmi. La capacità di autoregolarsi implica innanzitutto identificare ciò che senti, capire qual è il ciclo di quell’emozione in te (come agisci, dove la senti, quali pensieri genera, quali azioni promuove, ecc.). Con queste informazioni, possiamo utilizzare diverse strategie che abbiamo appreso. Vale la pena chiarire che non ci sono strategie che fungono da ricette, è necessario contemplare l’esperienza soggettiva e le precedenti abilità apprese.

Ne hai qualcuno nella tua cassetta degli attrezzi?

4. Abilità sociali : sono un insieme di capacità che consentono alle persone di funzionare efficacemente nella sfera sociale. Sono il risultato dell’apprendimento e dell’esperienza, per questo possono essere sviluppati e formate. Fondamentalmente, è la capacità primaria di generare legami con altre persone, permettendo agli altri di esprimere sentimenti, desideri, opinioni e atteggiamenti. Inoltre, una persona socialmente qualificata considera i propri interessi e quelli degli altri, riesce a risolvere i problemi in base al proprio giudizio. Queste abilità devono essere comprese in un contesto, consentendo uno scambio di idee, giudizi, sentimenti ed emozioni a seconda della situazione.

Diversi autori hanno sviluppato la loro classificazione, alcune di queste abilità sociali sono:

  • capacità di cooperazione;
  • capacità di conversazione;
  • abilità di interazione sociale;
  • abilità relative a sentimenti, emozioni e opinioni;
  • capacità di problem solving, tra le tante.

Quali sono quelle abilità che hai allenato?

5. Automotivazione : è la capacità di automotivarsi. Proattività, iniziativa, impegno e un certo grado di ottimismo sono necessari per focalizzare le nostre emozioni verso i nostri obiettivi e le nostre mete. Sarebbe l’opposto della procrastinazione, una parola così di moda ultimamente, che si riferisce al non fare ciò che dovremmo fare. In molte occasioni possiamo essere i nostri peggiori nemici, partendo per impegni successivi che in seguito diventano molto difficili da adempiere a termine.

In quali aree della tua vita raggiungi la più grande automotivazione?

Foto di StockSnap da Pixabay

Thomas Nores

Fonte: www.bioguia.com

 SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...