Sembra che ci sia un enorme pezzo di un antico pianeta sepolto all’interno della Terra

Ci sono due bolle giganti di materiale denso nelle profondità inferiori del mantello terrestre sotto l’Africa occidentale e l’Oceano Pacifico. Larghe migliaia di chilometri, le bolle sono state uno dei segreti meglio custoditi del pianeta e hanno sconcertato gli scienziati per decenni.

Ora, ci sono prove crescenti che le bolle potrebbero essere i resti di un antico protopianeta chiamato Theia caduto sulla Terra circa 4,5 miliardi di anni fa, riferisce Science Magazine . Gli scienziati in precedenza sospettavano che ci fosse un collegamento tra le bolle, formalmente note come LLSVP, e la Luna, ma la maggior parte pensava che le LLSVP fossero cicatrici planetarie dall’impatto di Theia, non pezzi del pianeta stesso.

Loading...

Per essere onesti, questa non è la prima volta che gli scienziati hanno ipotizzato che le bolle sotterranee fossero resti di Theia, riferisce Science. Ma Qian Yuan, uno studente laureato presso l’Arizona State University che ha presentato l’idea alla Lunar and Planetary Science Conference, sembra aver elaborato l’ipotesi più convincente finora.

“Penso che sia completamente fattibile fino a quando qualcuno non mi dice che non lo è”, ha detto a Science il sismologo Edward Garnero, che non ha lavorato allo studio.

La prova nel lavoro di Yuan è che gli LLSVP sono chimicamente diversi dal resto della roccia del mantello che li circonda. Questo suggerisce che le bolle abbiano origini extraterrestri e anche perché ha sei volte la massa della luna .

Sebbene la ricerca rimanga alquanto speculativa, i sismologi incoraggiati da studi come quello di Yuan sono sempre più convinti che altri pezzi di schegge di un altro pianeta potrebbero anche essere nascosti sotto la superficie terrestre, secondo Science. La loro scoperta, sospettano, potrebbe aiutare a rivelare che l’antico passato della Terra era molto più violento di quello che sappiamo finora.

Foto di urikyo33 da Pixabay 

Fonte: hypescience.com

SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...