Scoperto in Egitto un antico scheletro con la lingua dorata

Avrebbe dovuto garantire la capacità del defunto di parlare nell’aldilà davanti alla corte di Osiride, il dio degli inferi

Gli archeologi hanno portato alla luce un antico scheletro egizio che è stato sepolto con una lingua d’oro posta nella bocca, forse in modo che il defunto potesse incantare. parlando, chi avesse incontrato nella sua strada nell’aldilà.

Loading...

Il Ministero delle Antichità egiziano ha annunciato la scoperta di questo scheletro dalla lingua dorata la scorsa settimana, insieme ad altri 15 resti scheletrici e reliquie, trovati nel tempio di Taposiris Magna nella zona ovest di Alessandria, la seconda città più grande dell’Egitto. I straordinari reperti risalgono al tardo periodo della storia dell’antico Egitto, quando i Greci e i Romani governavano il regno, circa 2.000 anni fa.

Pubblicato da ‎Ministry of Tourism and Antiquities وزارة السياحة والآثار‎ su Venerdì 29 gennaio 2021

Come nota il Ministero, l’amuleto d’oro a forma di lingua era probabilmente posto nella bocca della persona deceduta durante uno speciale rituale di sepoltura per garantire la sua capacità di parlare nell’aldilà davanti alla corte di Osiride, il dio degli inferi. Tuttavia, questa pratica sembra essere estremamente rara e ci sono pochissime notizie di scoperte simili dall’Egitto.
La lingua d’oro non era l’unico trucco che praticavano gli antichi egizi per assicurare un viaggio tranquillo del defunto nell’aldilà. Il team riferisce anche che gli scavi hanno rivelato decorazioni dorate che mostrano la divinità Osiride. Un altro scheletro è stato ritrovato adornato da una corona decorata con corna e un cobra sulla fronte, oltre a un’ampia collana con un ciondolo a forma di falco, simbolo dell’importantissima divinità Horus, che rappresenta i cieli.

Il dottor Khaled Abu Al-Hamd, direttore generale di Alexandria Antiquities, ha detto che una delle scoperte più impressionanti è stata una maschera funebre da donna, che è stata scolpita con “alta precisione” per ritrarre le “caratteristiche del viso della proprietaria”. 

– كشف أثري جديد بالإسكندرية

نجحت البعثة المصرية الدومينيكانية التابعة لجامعة سانتو دومنيجو برئاسة الدكتورة/ كاثلين…

Pubblicato da ‎Ministry of Tourism and Antiquities وزارة السياحة والآثار‎ su Venerdì 29 gennaio 2021

Oltre a tutto questo, i nuovi scavi hanno trovato alcuni manufatti che potrebbero “cambiare la nostra percezione” del Taposiris Magna. Conosciuto anche come “la grande tomba di Osiride”, alcuni hanno detto che questo grande tempio sarebbe l’ultima dimora della regina Cleopatra VII, sebbene il luogo della sepoltura di Cleopatra e Antonio reti aconra un mistero.  L’ultimo scavo ha trovato una serie di monete che portano il nome e l’immagine di Cleopatra VII, mentre le statue situate intorno al sito indicano anche che fu costruito sotto il regno del re Tolomeo IV che governò l’Egitto dal 221 al 204 a.C.

L’aldilà è stata una delle principali preoccupazioni in gran parte della storia dell’antico Egitto. Già nel 2019, i ricercatori hanno rivelato che un testo scoperto in un pozzo sepolcrale nella necropoli del Medio Egitto di Dayr al-Barsha conteneva probabilmente la prima copia conosciuta  del  Libro delle due vie, una sorta di “guida” illustrata agli inferi.

Fonte: www.iflscience.com

Foto di Loretta Rossiter da Pixabay 

Condiviso da: www.blueplanetheart.it

SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...