Australia: scoperto albero che inietta un veleno simile a quello degli scorpioni

I ricercatori hanno identificato una nuova famiglia di tossine negli arbusti “gimpi gimpi“, che potrebbe spiegare i sintomi causati dal contatto con le loro foglie.

Un team di esperti ha scoperto tossine simili a scorpioni secrete da un albero in Australia, in grado di provocare dolori lancinanti per giorni e persino settimane. A renderlo noto è uno studio pubblicato mercoledì sulla rivista Science Advances. Il “Dendrocnide” appartiene ad un genere di 37 specie di arbusti di grandi alberi nella famiglia delle ortiche Urticaceae che gli indigeni chiamano “gimpi gimpi”, produce una puntura molto più potente e duratura dopo il contatto rispetto ad altre piante simili in Nord America o in Europa. Chi ha la sfortuna di toccare le foglie di questo albero avverte un primo bruciore simile a quello prodotto dal contatto con il fuoco, che scompare con il passare delle ore per ripresentarsi dopo alcune ore, soprattutto con lo sfregamento della pelle, come accade ad, esempio, con una doccia.

Loading...

Un team di esperti ha scoperto tossine simili a scorpioni secrete da un albero in Australia, in grado di provocare dolori lancinanti per giorni e persino settimane. A renderlo noto è uno studio pubblicato mercoledì sulla rivista Science Advances. Il “Dendrocnide” appartiene ad un genere di 37 specie di arbusti di grandi alberi nella famiglia delle ortiche Urticaceae che gli indigeni chiamano “gimpi gimpi”, produce una puntura molto più potente e duratura dopo il contatto rispetto ad altre piante simili in Nord America o in Europa. Chi ha la sfortuna di toccare le foglie di questo albero avverte un primo bruciore simile a quello prodotto dal contatto con il fuoco, che scompare con il passare delle ore per ripresentarsi dopo alcune ore, soprattutto con lo sfregamento della pelle, come accade ad, esempio, con una doccia.

Angelo Petrone

Fonte:www.scienzenotizie.it

SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...