“Turisti, non salite sugli elefanti” – dalla Thailandia emergono nuove immagini shock

In Thailandia e in molti altri Paesi asiatici è abbastanza comune vedere un elefante trasportare i turisti. Ma la verità è che gli elefanti soffrono molto.

Alcune foto strazianti postate di recente su Twitter ne sono la dimostrazione. Le immagini sono state scattate a Phuket, una delle mete turistiche più popolari della Thailandia.

Le foto ritraggono gli elefanti con la testa insanguinata e con delle brutte cicatrici sulla pelle. Infatti, per essere addestrati, gli elefanti vengono colpiti sulla testa con degli uncini di metallo, riporta Unilad.

Loading...

Le immagini sono state postate su Twitter da Abang Da Balik e hanno subito fatto il giro del mondo.

Ogni anno migliaia di turisti si recano in Thailandia con la speranza di poter fare un tour su un elefante. Ma la verità è che dietro questa attrazione turistica si nascondono pratiche brutali.

Infatti, durante gli addestramenti, gli elefanti vengono torturati e picchiati a sangue.

Ora si chiede ai turisti di non salire sugli elefanti per non supportare più questo business disumano.

La World Animal Protection sostiene che, in Asia, il 77% dei 3000 elefanti che lavorano nell’industria del turismo vengono maltrattati.

Tuttavia, sembra che la Thailandia stia cercando di combattere queste pratiche crudeli già da tempo, riporta Unilad.

Il dottor Patrapol Maneeorn, veterinario del Department of National Parks, Wildlife and Plant Conservation, chiede ai turisti di non salire più sugli elefanti. Questo potrebbe essere il primo grande passo per combattere la violenza sugli animali.

Noi crediamo che sia incredibile addestrare un animale per trasformarlo in forza lavoro. Gli animali devono vivere liberi nel loro ambiente naturale, senza essere sfruttati per intrattenere i turisti.

Se siete anche voi siete contro la violenza sugli animali, condividete l’articolo con tutti i vostri amici di Facebook!

Fonte: it.laowl.com 

SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...