La NASA avverte di un pericolo per la Terra peggiore di catastrofi naturali e meteoriti

Sebbene la fantascienza sia responsabile di dirci diversamente, un meteorite che colpisce la terra non è, per ora, il nostro problema più grande . 

La più grande catastrofe della nostra era potrebbe essere prodotta da qualcosa sotto di noi: i supervolcani . Questo è ciò che la NASA sta cercando di avvertirci. 

Loading...

 

Parco Nazionale di Yellowstone

La caldera di Yellowstone, nota anche come il supervulcano di Yellowstone , è una caldera vulcanica situata nel Parco Nazionale di Yellowstone negli Stati Uniti. Ma sembra che sia anche una delle peggiori minacce potenziali per il futuro dell’umanità. 

 
Questa caldera misura circa 55 per 72 km e si trova nell’angolo nord-ovest del Wyoming , dove si trova la maggior parte del parco. 

Si è formato durante l’ultima delle tre supereruzioni verificatesi negli ultimi 2,1 milioni di anni .

Grande primavera prismatica nel parco nazionale di Yellowstone

Rischio 

Secondo la NASA , Yellowstone, come altri vulcani attivi, è monitorata da un gruppo di scienziati alla ricerca di segni che precedono le eruzioni . Usano strumenti terrestri per monitorare da 1.000 a 3.000 terremoti annuali di Yellowstone e osservazioni terrestri e satellitari per rilevare punti o cedimenti sulla superficie che indicano magma o fluidi caldi che si muovono sottoterra scavando sotto l’erba. 

La sua eruzione sarebbe devastante per la vita sulla Terra . Si stima che, se eruttato, tutto il cibo sul pianeta durerebbe solo 74 giorni . L’ estinzione umana sarebbe inevitabile.

L’ultima grande eruzione del supervulcano Yellowstone, l’eruzione di lava Creek che si è verificato a circa 640 mila anni fa , ha guidato circa 1000 km3 di roccia, polvere e cenere vulcanica. Dal 1923 i geologi stanno monitorando l’ascesa e la caduta Altopiano di Yellowstone – in media 1,5 cm all’anno – come indicazione dei cambiamenti nella pressione della camera magmatica. 

Secondo uno studio pubblicato nel 2012 da National Geographic , la prossima grande eruzione di Yellowstone sarà probabilmente centrata in una delle tre zone di faglia parallele che corrono da nord-nord-ovest attraverso il parco. 

Qualcuno ci pensa?

La NASA, per ora, ha un piano per salvarci tutti dal supervolcano. Tuttavia, raffreddare il vulcano dall’alto verso il basso costerebbe 3,5 miliardi di dollari, quindi dovresti trovare qualcuno disposto a pagarlo.

Fonte: www.bioguia.com 

Il piano della NASA per salvarci tutti da un supervulcano

Nonostante sia un’attrazione turistica, la regione sotterranea del parco nasconde una camera di lava vulcanica molto pericolosa: un supervulcano.

Il Parco Nazionale di Yellowstone, nel Wyoming, negli Stati Uniti, è considerato il parco nazionale più antico del mondo . È famoso per la sua diversità ecologica, ma anche per i suoi geyser, che espellono acqua bollente sotto pressione a diversi metri sopra la superficie. 

Nonostante sia un’attrazione turistica, la regione sotterranea del parco nasconde una camera di lava vulcanica molto pericolosa: un supervulcano.  In realtà, è il più grande supervulcano conosciuto del pianeta e la sua eruzione sarebbe devastante per la vita sulla Terra. Si stima che, se eruttasse, tutto il cibo sul pianeta durerebbe solo 74 giorni . L’estinzione umana sarebbe inevitabile.

Per prevenire la sua eruzione, la NASA ha un piano: raffreddare il supervolcano da cima a fondo. Non sarà un compito facile, perché comporta la perforazione del suolo fino a una profondità di 10 chilometri e l’estrazione di acqua calda sotto pressione, che drenerebbe efficacemente il calore del vulcano e alla fine ne impedirebbe l’eruzione. Tuttavia, costerebbe 3,5 miliardi di dollari. 

Non sarà facile convincere i leader americani a investire quella somma di denaro, quindi hanno dato una svolta: trasformarla in una centrale geotermica, in grado di generare elettricità in un modo nuovo, economico e sostenibile . È che salvare l’umanità non sembra importante per i leader mondiali, a meno che non sia anche, a breve termine, redditizio. 

Per Brian Wilcox, uno scienziato della NASA, domare il supervulcano di Yellowstone è più facile di quanto sembri , ma richiede  tutta la comunità scientifica di dedicare le proprie menti e risorse alla soluzione.

Fonte:  www.bioguia.com 

SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...