LA RUSSIA AVREBBE COPERTO UN DISASTRO NUCLEARE 4 VOLTE PEGGIORE DI QUELLO DI CHERNOBYL!

Tenuto segreto per decenni il rapporto sulla contaminazione del sito di Semipalatinsk,in Kazakistan
Redazione Blue Planet Heart
Tratto da www.sciencealert.com

Il direttore dell’Istituto di Biofisica Russo ha scoperto un rapporto top secret sulle conseguenze di alcuni test sovietici di armi nucleari avvenuti in Kazakhstan negli anni ’50. Il rapporto, che è stato consegnato ad alcuni giornalisti americani, rivela che gli scienziati sovietici avevano scoperto una diffusa contaminazione radioattiva e malattie da radiazioni nella zona che circonda il sito di prova di armi nucleari di Semipalatinsk, in Kazakistan, tenendolo segreto alla popolazione e al mondo intero per decenni.

Loading...

Durante gli anni ’50, infatti, la detonazione di un ordigno nucleare sarebbe risultata 4 volte più dannosa del disastro della centrale diChernobyl, rendendo necessario il ricovero di più di 600 persone. In quel periodo, nel poligono di Semipalatinsk, sono stati condotti più test nucleari di qualsiasi altra area del mondo.

 “Per molti anni, questo è stato un segreto,” ha detto Kazbek Apsalikov, direttore dell’Istituto di Biofisica di  Mosca a Fred Pearce della rivista New Scientist. Si pensa che più di 100000 persone siano state interessati dagli effetti dell’esplosione, influenza che continua ancora oggi, con i bambini che nascono con gravi malformazioni a causa di pioggia radioattiva e contaminazione del suol

Il primo test nucleare realizzao nel territorio di 18.300 km quadrati è stata la detonazione di una bomba al plutonio il 29 agosto 1949, che è stata ” quasi una copia esatta” della bomba USA sganciata su Nagasaki quattro anni prima. La prima bomba atomica sganciata da un aereo sovietico nel poligono nucleare russo du fatta esplodere il 18 ottobre 1951, e nel 1953, ci fu il test dellla loro prima arma termonucleare.

 

Gli esperti hanno stimato che 111 delle prove effettuate presso il sito sono state condotte sulla superficie o in aria, tra il 1949 e il 1962. Il Partial Test Ban Treaty del 1963 ha vietato questi test “atmosferici” su scala globale, perché hanno causato la maggior contaminazione a livello di esposizione ambientale e radiazioni sulla popolazione.

Secondo il rapporto del 2014 , dopo il 1962, tutti i test sono stati condotti in gallerie sotterranee e pozzi. “Uno dei motivi, almeno non a fini di segretezza, per la scelta iniziale di Semipalatinsk come sito di test nucleari era la vastità e la relativa lontananza delle steppe kazake,” Apsalikov e il suo rapporto colleghi. “Ma le bombe atomiche non limitano il loro impatto alla posizione del loro detonazione, e  grandi porzioni di popolazione potrebbero potenzialmente essere colpite.”

Il rapporto deve ancora essere reso pubblico, ma è possibile vedere la pagina del frontespizio nell’immagine qui sotto:


Nel rapporto sono presenti i dati di tre sopralluoghi effettuati nella zona dai ricercatori dell’Istitudo di Biologia di Mosca, da cui purtroppo emerge una diffusa contaminazione del suolo e del cibo, nonchè degli animali da cortile presenti nelle vicinanze. Per rendersi conto della portata della contaminazione, intorno alla metà di settembre del 1956 la concentrazione radioattiva era cento volte superiore al tasso consentito.

I test nel sito nucleare di Semipalatinsk, come spiegato precedentemente, cessarono nel 1963 ma i loro effetti sono rimasti segreti fino ad oggi e, come dichiarato da Kazbek Apsalikov, direttore dell’istituto in cui è stato ritrovato il rapporto, Nonostante alcune aree siano ora sicure, “alcune zone non torneranno mai al loro stato naturale”,

Condiviso da: www.blueplanetheart.it 

SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...