loading...

I laser che penetrano nella giungla rivelano migliaia di antiche strutture Maya

strutture maya

La tecnologia LiDar ha prodotto una scoperta straordinaria nella foresta del Guatemala:città antiche con oltre 61.000 strutture Maya

Nascosta sotto la lussureggiante foresta pluviale di Petén, in Guatemala, si trova un’antica città non toccata dagli umani da più di 1.000 anni, ma ai suoi tempi d’oro è stata la dimora di milioni di mesoamericani che hanno costruito un impero sofisticato e vasto. Ora, per la prima volta, un team di archeologi internazionali ha scoperto e mappato decine di migliaia di antiche strutture utilizzando la tecnologia di rilevamento e regolazione della luce di bordo ( LiDAR ) su oltre 2.100 chilometri quadrati  della pianura della nazione.

Il LiDAR è stato applicato per la prima volta in quest’area nel 2009 e si è concentrato sull’ambiente immediatamente circostante dei singoli siti. Gli archeologi hanno scoperto per la prima volta la vasta metropoli a febbraio ,   secondo quanto riportato dal National Geographic , guidato dal gruppo senza scopo di lucro della scienza guatemalteca, la  Fondazione PACUNAM . Pubblicando il loro lavoro su Science  più di sei mesi dopo, il team conferma la presenza di oltre 61.000 strutture antiche, tra cui case, grandi palazzi, centri cerimoniali e piramidi.

LiDAR attraversa la fitta chioma forestale per rivelare i cambiamenti di elevazione, consentendo ai ricercatori di identificare queste caratteristiche topografiche come muri, strade ed edifici fatti dall’uomo senza mai dover mettere piede sul terreno. Con queste informazioni, sono in grado di creare mappe tridimensionali in pochi minuti, evitando anni di arduo lavoro sul campo.

“Visto nel suo complesso, terrazze e canali di irrigazione, bacini idrici, fortificazioni e strade rialzate rivelano una quantità sorprendente di modifiche del terreno fatte dai Maya su tutto il loro paesaggio su una scala inimmaginabile”, ha spiegato il membro del team Francisco Estrada-Belli in una nota .

In tutto, più di 61.000 strutture antiche sono state prese in considerazione nella regione rilevata, indicando che fino al periodo tardo classico erano presenti da 7 a 11 milioni di persone. Per dimensioni, New York ha circa 8,5 milioni di persone. Queste popolazioni erano distribuite in modo non uniforme con diversi livelli di urbanizzazione e si estendevano su oltre 1.200 chilometri quadrati (810 miglia quadrate). Questa terra è stata modificata in qualche modo per la produzione agricola intensiva necessaria per sostenere la massiccia popolazione per centinaia di anni.

“Sembra chiaro ora che gli antichi Maya hanno trasformato il loro paesaggio su grande scala per renderlo più produttivo dal punto di vista agricolo”, ha detto l’archeologo Maya Marcello A. Canuto. “Di conseguenza, sembra probabile che questa regione sia stata popolata molto più densamente di quanto abbiamo pensato tradizionalmente”.

Il team internazionale ha inoltre mappato estesi percorsi e reti che collegano i vari centri urbani, che, a loro avviso, sottolinea quanto fossero interconnessi questi diversi centri urbani e quanto i loro abitanti fossero disposti a investire in sistemi difensivi in ​​caso di guerra.

Come in ogni nuova scoperta, gli autori concludono che le loro scoperte “generano nuove domande, perfezionano obiettivi per il lavoro sul campo, stimolano lo studio regionale attraverso paesaggi continui e fanno avanzare l’archeologia Maya in un’audace era di ricerca ed esplorazione”.

Rappresentazione del sito archeologico di Naachtun, Petén, al crepuscolo. Ogni struttura antica è contrassegnata da un punto giallo. L. Auld-Thomas e MA Canut / Science

Fonte: www.iflscience.com

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

loading...