Un processo deciderà se la compagnia Monsanto sapeva del pericolo di cancro del suo erbicida e lo ha negato per decenni

La multinazionale del seme e di  sostanze chimiche Monsanto è accusata di essere consapevole e di aver nascosto  attivamente i pericoli cancerogeni dei suoi famosi prodotti erbicidi Roundup per decenni.

La Monsanto è stata chiamata in giudizio da DeWayne Johnson di 46 anni, che probabilmente ha solo pochi mesi di vita,poichè alcuni anni fa  gli è stato diagnosticato  un tumore chiamato linfoma  di Hodgkin (NHL), che da allora si è diffuso alla maggior parte del corpo.

Marito e padre di tre figli, che vive in California, l’ex giardiniere spera di sopravvivere abbastanza a lungo da indurre la Monsanto ad assumersi la colpa del suo destino.

Loading...

Giudizio inedito

Il 18 giugno, Johnson diventerà la prima persona a portare l’azienda in giudizio a causa degli effetti cancerogeni dei suoi prodotti.

Ha avuto una vittoria legale: la scorsa settimana, il giudice Curtis Karnow ha stabilito che i giurati  prenderanno  in considerazione non solo le prove scientifiche relative a ciò che ha causato il cancro a Johnson, ma sostiene anche  che la Monsanto ha soppresso le prove dei rischi dei  suoi prodotti.

Karnow ha stabilito che il processo continuerà e una giuria potrebbe considerare possibili danni punitivi.

“La corrispondenza della malattia di Johnson potrebbe indurre una giuria a scoprire che la Monsanto è consapevole del rischio che i suoi erbicidi a base di glifosato siano cancerogeni … ma ha continuamente cercato di influenzare la letteratura scientifica per impedire che le sue preoccupazioni interne raggiungessero la sfera pubblica “, ha detto Karnow.

A favore di Johnson

Johnson ha lavorato come giardiniere in un distretto scolastico californiano dove ha applicato numerosi trattamenti dell’ erbicida della Monsanto sulla proprietà scolastica dal 2012 fino almeno alla fine del 2015. La diagnosi di cancro è arrivata nell’agosto 2014.

Il caso di Johnson è in prima linea nella lotta legale contro la Monsanto. Circa 4.000 cause legali sono già state presentate contro la società, sostenendo che l’esposizione a Roundup ha portato gli individui a sviluppare NHL. Un altro caso è già programmato per essere dibattuto  in ottobre.

Le cause mettono in dubbio la posizione della Monsanto,con l’accusa che  i suoi erbicidi si sono dimostrati  non sicuri e  che la compagnia conosceva i pericoli e li nascondeva alle autorità sanitarie e al pubblico.

I litiganti citano una serie di studi che indicano che il principio attivo negli erbicidi della Monsanto, una sostanza chimica chiamata glifosato, può portare a NHL e  ad altre malattie. Citano anche ricerche che indicano che le formulazioni di glifosato nei prodotti finali commerciali sono più tossiche del solo glifosato.

Inoltre, l’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC) ha classificato il glifosato come probabile cancerogeno per l’uomo entro il 2015.

La difesa della  Monsanto

Secondo il processo Johnson, la Monsanto “difendeva i dati contraffatti e attaccava studi legittimi” che rivelavano i pericoli dei suoi erbicidi, conducendo una “lunga campagna di disinformazione” per convincere agenzie governative, agricoltori e consumatori che Roundup era sicuro.

La Monsanto ha fieramente negato tali affermazioni, dicendo che i suoi prodotti non sono la causa del cancro. La società sostiene che la scoperta della IARC è fuorviante, così come gli studi che hanno determinato che gli erbicidi a base di glifosato sono potenzialmente cancerogeni.

A suo favore, la multinazionale  fa notare che  i risultati dell’Agenzia per la protezione ambientale degli Stati Uniti e  di altre autorità di regolamentazione  affermano che il glifosato non è probabilmente cancerogeno. La Monsanto sostiene che “gli erbicidi a base di glifosato sono supportati da uno dei database sugli effetti sulla salute umana e ambientali più estesi al mondo mai compilati per un prodotto antiparassitario” e che “studi tossicologici e ambientali completi negli ultimi 40 anni  abbiano dimostrato, di volta in volta, il forte profilo di sicurezza di questo erbicida ampiamente utilizzato “.

Gli avvocati della compagnia hanno intenzione di presentare prove che altri fattori hanno causato il cancro di Johnson, contestando  la validità  scientifica su cui si basano le sue argomentazioni e presentando  i propri esperti e ricerche a sostegno della sicurezza dell’erbicida della Monsanto.

Futuro incerto

L’esito del processo di Johnson sarà come un termometro per i futuri giudizi,se vince, la Monsanto dovrà affrontare molti   anni di costose controversie legali e danni. Se la multinazionale si difende con successo, ciò potrebbe interrompere altri casi contro la compagnia. [ TheGuardian ]

Fonte;hypescience.com

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...