Incredibile, esperto di scienza forense ricostruisce il volto di Gesù

Le sembianze di un contadino, capelli corti e ricci, barba folta e ispida, occhi neri e la carnagione scura forse cotta dal sole, alto circa un metro e mezzo, peso 50 chili con muscoli sviluppati e corporatura robusta. Non è il Gesù Cristo che abbiamo sempre visto rappresentato con pelle bianca, capelli lunghi e ondulati, occhi chiari. Non disponendo di uno scheletro da studiare, è impossibile ricostruire con precisione il suo aspetto fisico. Nonostante ciò, il dottor Richard Neave, esperto britannico di scienza forense all’Università di Machester, potrebbe aver “scoperto” l’immagine più fedele.

Il ritratto mostra il Figlio di Dio con una grande faccia, occhi nocciola, una folta barba e capelli ricci corti, così come una carnagione abbronzata

Lo studio è stato pubblicato all’inizio del 2015 ma la notizia, ripresa da Independent, Huffington Post e Daily Mail, è diventata un trend solo di recente.

Gesù è tradizionalmente mostrato con pelle bianca, capelli lunghi e ondulati, occhi chiari

Questa non è la prima ricostruzione tentata del dottor Neav: molti prima di lui hanno cercato di riportare alla luce il vero volto di Cristo. Ma, a differenza di esperimenti precedenti, quello dell’esperto britannico si basa sullo studio di tre teschi appartenenti ad ebrei vissuti nel nord di Israele, presumibilmente nell’epoca di Gesù. Secondo altri esperti, l’immagine proposta sarebbe sicuramente molto più verosimile di quelle inserite nelle opere d’arte, nate dalla fantasia del pittore di turno e influenzate dal gusto e dalle mode di quel periodo storico.

Loading...

Per ricostruire il volto di Gesù, il Dr Neave, ha utilizzato tecniche per risolvere i crimini, nonché frammenti di informazioni

All’interno della Bibbia non c’è alcuna descrizione dell’aspetto fisico di Gesù. Per questo il dottor Neave ha scelto di concentrarsi sui suoi contemporanei: il teschio dei tre uomini ha aiutato l’esperto e il suo team a immaginare la forma del viso, disegnato in 3D. Studiando le opere artistiche scoperte in quella zona, gli studiosi hanno ipotizzato che anche lui avesse occhi scuri e portasse la barba lunga, proprio come previsto dalla tradizione dell’epoca. Un passaggio della stessa Bibbia esclude che Gesù potesse portare i capelli lunghi, con i quali spesso viene rappresentato: portare i capelli lunghi era, secondo quanto scritto, un segno di disonore.

La storia della ricostruzione facciale
Il metodo russo, introdotto nei primi anni del 1920 dal paleontologo Mikhail Gerasimov, si basa sulla conoscenza dell’anatomia e sull’attenta ricostruzione dell’intera muscolatura della testa e del collo.
Il metodo americano, messo a punto negli anni 40 allo studioso Krogman, è estremamente diffidente nei confronti di contaminazioni artistiche e punta sull’utilizzo di pioli applicati in modelli di argilla.
I protocolli di Manchester, definiti da John Prag e Richard Neave, stabiliscono una rigorosissima tabella di spessori delle parti molli del volto, che è stata realizzata con metodo statistico-sperimentale attraverso le nuove tecnologie radiologiche.


Fonte:http://www.diregiovani.it/rubriche/scientificamente/46339-ricostruito-volto-gesu-sembianze-contadine.dg

Se ti è piaciuto l’articolo condividilo e iscriviti alle nostre pagine Facebook Pianetablunews e Beautiful exotic planet earth  € ed al nostro profilo su twitter.

 Per l’iscrizione:passa il mouse sul tasto ti piace,aspetta due secondi si aprirà  un finestrella.

Clicca sul tasto €œMi piace € e poi su €œricevi notifiche per seguirci costantemente.

 Pianetablunews lo trovi anche su google plus
 Segui anche il nostro blog  tramite email per non perdere altri articoli, curiosità  e consigli!!

Ti è piaciuto l’€™articolo? condividilo anche tu sui social, clicca

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.