Esperienze di pre-morte probabilmente causate dalla mancanza di ossigeno

Esperienze pre-morte, in cui si ha l’impressione di incontrare una varietà di fenomeni insoliti, tra cui muoversi attraverso un tunnel verso la luce, la sensazione di leggerezza, sentirsi in pace e gioia, e momenti profondamente spirituali, sono stati spesso classificati dai ricercatori scientifici in funzione di anossia oppure privazione di ossigeno nel cervello.

Per molte persone, e il religioso in particolare, il fenomeno di NDE – ammesso che sia reale e non semplicemente il risultato di interpretazione allucinata di un cervello morente in una marea di prodotti chimici del cervello – convalida la loro fede nell’aldilà . Molti libri sono stati scritti da persone che affermano di essere venute dal baratro della morte e visto Dio e il cielo .

Loading...

Le prove scientifiche, tuttavia, suggeriscono che l’esperienza non è  spirituale o metafisica, ma dovuta a una una sostanza chimica.

Un nuovo studio  in cui i ricercatori hanno indotto anossia nei ratti offre più supporto per l’esperienze di pre-morte (NDE), come accade all’interno del cervello morente e che viene interpretata come un  esperienza spirituale.

I ricercatori hanno esaminato i neurotrasmettitori, i cambiamenti nel cervello e l’attività elettrica del cuore e la connettività di cuore e cervello. Essi hanno concluso, “l’asfissia stimola un aumento robusto e duraturo della connettività corticale funzionale, un immediato  rilascio corticale di un grande insieme di neurotrasmettitori …. Questi risultati dimostrano che l’asfissia attiva un brainstorming, che accelera la morte prematura del cuore del cervello. ”

Secondo un articolo del  MedicalDaily.com, i ricercatori

Loading...