I senolytics:questi nuovi farmaci possono darci molti anni di vita

Un team di ricercatori del Scripps Research Institute , insieme con i ricercatori della Mayo Clinic,  e altre istituzioni di recente hanno identificato una nuova classe di farmaci i”senolytics” .

Nei modelli animali rallentano notevolmente il processo di invecchiamento , alleviano i sintomi di fragilità,  migliorano la funzione cardiaca e l’estensione di una vita sana.

Quali sono senolytics?

Nelle indagini condotte sugli animali, “i senolytics”, hanno mostrato un effetto sorprendente: diminuiscono notevolmente il processo di invecchiamento, alleviano i sintomi di debolezza che avviene con l’età, migliora la funzioni del cuore e si estende  la durata della vita sana.
Secondo il professor Paul Robbins, PhD di TSRI e uno dei leader della ricerca, questo studio è un primo grande passo per lo sviluppo di trattamenti che possono essere offerti in modo sicuro per i pazienti con malattie correlate ai disturbi dell’invecchiamento.

Loading...

“Quando  gli agenti senolytics, nella combinazione che abbiamo identificato, vengono utilizzati clinicamente, i risultati possono essere trasformatori”.
Secondo il professor James Kirkland, autore senior del nuovo studio, i prototipi di questi agenti hanno dimostrato  la loro capacità di alleviare varie caratteristiche associate con l’invecchiamento e alla fine può diventare fattibile per ritardare, prevenire, alleviare o addirittura invertire molte malattie croniche e di disabilità.

Trovare l’obiettivo

Le cellule senescenti che hanno smesso di dividersi  si accumulano con l’età e accelerano il processo di invecchiamento. Una volta che il “healthspan” (tempo libero da malattia) è stato migliorato nei topi per uccidere queste cellule, gli scienziati hanno scoperto che i trattamenti potrebbero essere effettuati con  questa stessa operazione in esseri umani.

La domanda è …

Gli scienziati hanno dovuto affrontare la questione, tuttavia, di come identificare e raggiungere le cellule senescenti senza danneggiare le altre cellule.
Il team sospetta che la resistenza delle cellule senescenti a morte da stress e altri danni potrebbe fornire un indizio. In effetti, utilizzando l’analisi di trascrizione, i ricercatori hanno scoperto che, come le cellule tumorali, le cellule senescenti hanno una maggiore espressione di “reti pro-sopravvivenza” che li aiutano a resistere alla morte cellulare programmata.

Questa scoperta fornisce criteri chiave per cercare potenziali candidati di droga.

Saremo in grado di acquistare presto i senolytics ?

In realtà, abbiamo già la possibilità. Utilizzando questi parametri, la squadra ha trovato senolytics in due composti già presenti sul mercato: dasatinib, farmaco antitumorale (venduto con il nome commerciale Sprycel) e quercetina, un composto naturale venduto come integratore che agisce come un antistaminico e anti-infiammatore.
Ulteriori test in coltura cellulare hanno dimostrato che questi composti inducono selettivamente la morte delle cellule senescenti.
I due composti, tuttavia, ha avuto diversi punti di forza.

Dasatinib è efficace per eliminare cellule  progenitori umane senescentibdi cellule di grasso, mentre la quercetina è stata più efficace contro le cellule endoteliali umane e le cellule staminali senescenti del midollo osseo di ratto. Una combinazione di entrambi è in generale e come previsto, il più efficace.

Risultati notevoli

Poi il team ha analizzato come questi farmaci influenzano la salute e il processo di invecchiamento nei topi.
“In modelli animali, i composti portano a un miglioramento della funzione cardiovascolare , riduce l’osteoporosi e la fragilità, l’healthspan esteso malattia del tempo libero “ha detto Niedernhofer, i cui modelli di invecchiamento accelerato degli animali sono stati ampiamente utilizzati nello studio.”Sorprendentemente, in alcuni casi, questi farmaci hanno fatto effetto con solo un singolo ciclo di trattamento. ”

Nei ratti anziani, il miglioramento della funzione cardiovascolare è avvenuto entro cinque giorni di una singola dose di senolytics. Questa dose ha comportato un miglioramento della capacità di esercizio in animali indeboliti dalla radioterapia usata per il cancro.

L’effetto è durato per almeno sette mesi dopo il trattamento con i farmaci.La somministrazione periodica nei topi con invecchiamento accelerato esteso il healthspan negli animali, ha ritardato i sintomi legati all’età, degenerazione colonna vertebrale  e osteoporosi.
Gli autori avvertono che ulteriori test sono necessari prima dell’uso negli esseri umani . Notano inoltre che entrambi i farmaci sono possibili effetti collaterali, almeno con il trattamento a lungo termine.

I ricercatori, tuttavia, restano ottimisti circa il potenziale dei loro risultati.”Nella senescenza (processo di invecchiamento negli esseri viventi ) è coinvolta  una serie di malattie e condizioni che ci potrebbero essere un sacco di richieste di questi composti e simili”, ha detto Robbins. “Inoltre, ci aspettiamo che il trattamento con farmaci senolytics per eliminare le cellule danneggiate sarebbe poco frequente, riducendo la possibilità di effetti collaterali.”[sciencedaily]

Fonte:http://hypescience.com/senoliticos-senolytics/

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo e iscriviti alle nostre pagine Facebook “ Pianetablunews e Beautiful exotic planet earth” ed al nostro profilo su twitter.

Per l’iscrizione:passa il mouse sul tasto ti piace,aspetta due secondi si aprirà un finestrella.
Clicca sul tasto “Mi piace” e poi su “ricevi notifiche” per seguirci costantemente
.

Pianetablunews lo trovi anche su google plus

Segui anche il nostro bloghttps://pianetablunews.wordpress.com/tramite email per non perdere altri articoli, curiosità e consigli!!

Ti è piaciuto l’articolo? condividilo anche tu sui social, clicca

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.