Ricercatori realizzano “mantello dell’invisibilità” utilizzando le lenti ordinarie

Photo credit: Image courtesy of University of Rochester

 

Gli esseri umani utilizzano le lenti per piegare la luce e migliorare l’acuità visiva di  grandi distanze con i telescopi, per vedere oggetti molto piccoli con microscopi, o semplicemente per fissare la nostra visione normale attraverso gli occhiali. Tuttavia, un paio di ricercatori hanno trovato un modo per organizzare quattro lenti per agire come un dispositivo di occultamento funzionale che può essere visto da diverse angolazioni. Il progetto è stato condotto da Joseph Choi e John Howell presso l’Università di Rochester, e il documento è stato presentato alla rivista Optics Express, con una copia disponibile su ArXiv.

Ci sono stati molti approcci ad alta tecnologia per occultamento e l’idea di base dietro questi è quello di prendere la luce e farla passare intorno a qualcosa come se non c’è, spesso utilizzando  l’alta tecnologia o materiali esotici“, Howell ha detto in un comunicato rilascio.

Ci sono stati mantelli dell’invisibilità funzionali che creano uno scudo per gli oggetti che non  vengono rilevati dai radar, radiazioni elettromagnetiche, il suono, ma questa configurazione della  lente impedisce agli oggetti di essere rilevati otticamente. Per raggiungere questo invisibilità, gli scienziati hanno dovuto coordinare attentamente il potere della lente con la distanza l’una dall’altra. Questa configurazione ha un netto vantaggio di essere in grado di funzionare se visti da una varietà di angolazioni, non solo dritto e da un particolare punto di vista.

Loading...

Image credit: J. Adam Fenster / University of Rochester

Questo è il primo dispositivo che conosciamo che può fare occultamento tridimensionale, cloaking continuo multidirezionale, che lavora per la trasmissione dei raggi nello spettro visibile,” Choi ha aggiunto.

Il segreto non sta nel concentrare la luce direttamente attraverso il centro delle lenti. Questo mantello  piega la luce e la invia attraverso il centro del dispositivo, in modo che la regione in asse non può essere bloccata o avvolta“, ha spiegato Choi.

Se si utilizzano le lenti più grandi, il dispositivo potrebbe nascondere le cose più grandi, o vedere intorno a oggetti di grandi dimensioni. Howell ha spiegato che questa configurazione, che permette agli oggetti di essere nascosti se visti da un arco di 15 angoli, potrebbe essere utilizzata anche per permettere agli automobilisti  di vedere intorno ai loro punti ciechi. I camionisti sono coinvolti in oltre mezzo milione di incidenti ogni anno, questo dispositivo ha un potenziale incredibile per l’integrazione nel mondo reale.

I ricercatori hanno incluso le indicazioni per fare le vostre  lenti di occultamento qui:

Image credit: University of Rochester

-Acquisto di 2 set di 2 lenti con differenti lunghezze focali f1 e f2 (4 lenti totale, 2 con lunghezza focale f1, e 2 con lunghezza focale f2)

Separare le prime due lenti dalla somma delle loro lunghezze focali (Quindi lente f1 è la prima lente, f2 è la seconda lente, e sono separati da t1 = f1 + f2).

-Fare Lo stesso nel passaggio 2 per gli altri due obiettivi.

Separi i due insiemi da t2 = 2 f2 (f1 + f2) / (f1 f2) a parte, in modo che le due lenti f2 sono t2 a parte.

NOTE:

Lenti acromatiche forniscono la migliore qualità dell’immagine.

Lenti di Fresnel possono essere utilizzati per ridurre la lunghezza totale (2T1 + t2)

Smaller lunghezza totale dovrebbe ridurre gli effetti di bordo e aumentare la gamma di angoli.

Per una più facile, ma meno ideale, mantello, si può provare il mantello 3 lente nella carta.

Check out questa dimostrazione impressionante di lenti semplici in uso per cloaking:

Lisa Winter

Fonte:http://www.iflscience.com/physics/ordinary-lens-used-cloaking-device

 

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo e iscriviti alle nostre pagine Facebook “ Pianeta blu e Beautiful exotic planet earth” ed al nostro profilo su twitter. Per l’iscrizione:passa il mouse sul tasto ti piace,

aspetta due secondi si aprirà un finestrella.
Clicca sul tasto “Mi piace” e poi su “ricevi notifiche” per seguirci costantemente
.

Pianetablunews lo trovi anche su google plus

Segui anche il nostro blog https://pianetablunews.wordpress.com/ tramite email per non perdere altri articoli, curiosità e consigli!!

Ti è piaciuto l’articolo? condividilo anche tu sui social, clicca

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.