Primo trapianto di testa è possibile, afferma medico italiano

Eduardo D. Rodriguez, M.D.

Fino ad ora, i trapianti di testa non sono stati fatti a causa di ostacoli tecnici, come ad esempio la possibilità di collegare il midollo spinale del donatore con il destinatario. Tuttavia, un nuovo articolo del Dr. Sergio Canavero, membro del gruppo di neuromodulazione avanzata di Torino, dice che siamo già in grado di superare le difficoltà.

Loading...

Nel testo, il medico delinea un processo modellato sui trapianti di testa avvenuti con successo  eseguite su animali dal 1970.

Letteratura scientifica

In trapianti eseguiti sugli animali, gli scienziati non sono stati in grado di collegare il midollo spinale alla testa del corpo del ricevente, lasciando i pazienti paralizzati.

Tuttavia, Canavero crede che i recenti progressi nella riconnessione della colonna vertebrale e la  tecnica di taglio chirurgica può facilitare e rendere possibile questo intervento per gli esseri umani.

La procedura  descritta dal medico è molto simile a quella usata da Robert White, che trapiantato con successo la testa di una scimmia Rhesus nel corpo di una seconda Rhesus nel 1970.

In primo luogo, entrambi i pazienti devono essere nella stessa sala operatoria. Poi, la testa essendo trapiantata deve essere raffreddata tra 12 e 15 gradi centigradi. I chirurghi devono rimuovere entrambe le teste contemporaneamente, e ricollegando la testa del paziente sul nuovo corpo nel giro di un’ora per preservare il sistema circolatorio del corpo.

Una volta che la testa è ricollegata, il cuore del paziente può essere riavviato, i chirurghi possono iniziare la riconnessione degli altri sistemi vitali, tra cui il midollo spinale.

Midollo spinale: la chiave

 

Il collegamento di un midollo spinale della testa di una creatura con il corpo di un altra non è mai stato provato negli animali, quindi l’articolo Canavero dovrebbe essere preso come un esercizio di speculazione.

Tuttavia, la disconnessione e la riconnessione del midollo spinale nello stesso animale è stata fatta in passato con un certo successo. Ad esempio, gli scienziati della Case Western Reserve University e la Cleveland Clinic ( negli USA) sono state in grado di ripristinare la connettività limitata tra due metà tagliando il midollo spinale dei ratti.

La riconnessione del midollo spinale può essere realizzata favorendo i meccanismi naturali di guarigione del corpo. Canavero ritiene che il taglio del midollo spinale con un coltello superafiada  e collegarlo subito al corpo di qualcun altro permette una connessione più completa.

“Si tratta di rottura’, che è la chiave per la fusione del midollo spinale, in quanto consente agli assoni tagliati prossimali attratti con le loro controparti distali. Questo sfrutta la fusione denominata fusione / sigillante, che sono immediatamente in grado di ricostituire le membrane delle cellule danneggiate da lesioni meccaniche, indipendentemente da qualsiasi meccanismo noto di tenuta endogena “, spiega Canavero.

Il medico suggerisce che le materie plastiche come il polietilene glicole vengono utilizzati per fare questa fusione, citando studi precedenti che dimostrano che la sostanza ha permesso la fusione da taglio del midollo spinale nei cani, per esempio.

Chi trae vantaggio

Secondo Canavero esegue nuovamente il ripristino del midollo spinale di persone diverse, non è la stessa di ripristinare la funzione del sistema nervoso in tetraplegici o di altre vittime con lesioni del sistema  del midollo spinale.Tuttavia, il paraplegico con lesione qualificata (vale a dire, sufficientemente integro per consentire il trapianto di midollo spinale testa) potrebbe, in teoria recuperare l’uso completo del corpo . Allo stesso modo, i pazienti con distrofia muscolare potrebbero guadagnare nuova vita.Solo che tutto questo è ancora lontano dalla realtà. Il nuovo articolo sottolinea che il trapianto è solo teoricamente possibile e, oltre alle enormi sfide che tale chirurgia presenta un altro ostacolo potenziale è il costo. Canavero ha stimato che la spesa totale di un trapianto di testa sarebbe di almeno € 10.000.000 .

Infine, la bioetica su questa procedura è anche molto controversa anche quando gli scienziati dimostrano l’efficacia del funzionamento, le sue implicazioni pratiche dovrebbero essere molto dibattute.[qz]

Di Natasha Romanzotti

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo e iscriviti alle nostre pagine Facebook “ Pianeta blu  e Beautiful exotic planet earth” ed al nostro profilo su twitter.  Per l’iscrizione:passa il mouse sul tasto ti piace,

aspetta due secondi si aprirà un finestrella.
Clicca sul tasto “Mi piace” e poi su “ricevi notifiche” per seguirci costantemente
.

Pianetablunews lo trovi anche su google plus

Segui anche il nostro blog https://pianetablunews.wordpress.com/ tramite email per non perdere altri articoli, curiosità e consigli!!

Ti è piaciuto l’articolo? condividilo anche tu sui social, clicca

Loading...