Il Supervulcano di Yellowstone sta per eruttare? Perchè cosi tante notizie false in rete?

Photo credit: Scorpions e Centauri

Internet è sia una benedizione che al tempo stesso una maledizione. Esso ci fornisce infinite informazioni su qualsiasi argomento si può sognare con un semplice clic di un pulsante. Il rovescio della medaglia, è che ormai la rete è piena di articoli assurdi, falsi e fake d’autore, e che, siccome trattano argomentazioni facili da credere, non si ha la curiosità di perdere tempo alla ricerca di fonti credibili e autorevoli, per capire se ciò che si legge corrisponda a verità. Un esempio lampante è il supervulcano di Yellowstone: ci sono indiscrezioni continue sul fatto che la sua parte superficiale stia per esplodere e che, ancora una volta, stanno facendo il giro del mondo, ma vediamo di dare uno sguardo a questo supervulcano per capirne un po di più

Lo Yellowstone National Park è sede di un enorme caldera (caratteristico edificio vulcanico a  forma di scodella che  è nato dallo sprofondamento del terreno dopo un’eruzione vulcanica) e di un supervulcano che sono noti insieme come la Yellowstone Caldera . Uno studio recente ha scoperto che il vulcano ha una camera magmatica gigantesca che misura 90 km di lunghezza ed è profonda fino a 17 km in alcune aree, il che rappresenta più del doppio delle stime precedenti. Tuttavia, secondo gli esperti, la dimensione aggiornata non aumenta il rischio vulcanico nella regione di Yellowstone.
 
Gli scienziati ritengono che tre super-eruzioni si siano verificate in passato con un tempo ri ritorno di circa 600.000-700.000 anni, a partire da circa 2,1 milioni di anni fa. L’ultima grande eruzione si pensa si sia verificata intorno a 640 mila anni fa, ma il che non significa che necessariamente ne sia imminente un’altra. Allo stesso tempo, gli scienziati sono molto consapevoli delle implicazioni di tale eruzione. Di conseguenza, il programma di monitoraggio e di allerta della US Geological Survey (USGS)  mantiene un occhio vigile su questa enorme bestia vulcanica e sta costantemente registrando la sua attività tramite sismometri e altre apparecchiature.
 
Non è chiaramente un vulcano tranquillo, in quanto i fluidi caldi si muovono costantemente come un gigantesco yo-yo sotto la crosta terrestre, con conseguenti frequenti terremoti. Infatti, solo nello scorso mese di luglio sono stati registrati ben 99 terremoti dall’USGS nella regione del Parco Nazionale di Yellowstone, il più forte dei quali ha raggiunto la magnitudo 2.5. Inoltre, il 50% di questi si è verificato in soli due giorni consecutivi. Questo può sembrare molto, ma è comune per questa regione e l’attività non è mai stata al di fuori dei normali livelli di base. Se ci fosse una eruzione imminente, sarebbero stati centinaia o addirittura migliaia terremoti, attivati dalla pressione del magma che si fa strada attraverso la crosta. Il tutto chiaramente non sarebbe passato inosservato e, fino a quando l’USGS non ci dirà che questo sta accadendo, si può essere ragionevolmente certi che le voci di un imminente eruzione sono solo rumors, niente di più.
 
Gli scienziati credono anche che se un’eruzione dovesse avvenire in un futuro non troppo lontano, probabilmente sarebbe (relativamente) piccola, magari sulla scala di quella del Mount St Helens , piuttosto che una super-eruzione spazzi via milioni di persone.
Alcuni mesi fa, molte persone erano state allarmate da un video che mostrava i bisonti in fuga dal  parco, tanto che alcuni credevano che questo significasse che il vulcano fosse pronto per saltare in aria,  e questo anche perché il tutto aveva coinciso con un terremoto di magnitudo 4,7. Ma, come abbiamo spiegato nel nostro articolo, gli animali lasciano il parco durante l’inverno per migrare a quote più basse, dove le risorse alimentari sono più abbondanti e, oltre a questo aspetto,  il video è stato registrato qualche settimana prima del grande terremoto.
 
Gli esperti, da quest’estate stanno monitorando questo supervulcano in maniera assidua producendo aggiornamenti mensili che tutti possono consultare. Se qualcosa di straordinario fosse in procinto di succedere, l’USGSsarebbe obbligata a comunicarlo. Quindi, se tutti voi foste spaventati da articoli circolanti in rete inneggianti all’eruzione del Supervulcano di Yellowstone, cercate di controllare la fonte, in quanto se non viene dall’USGS o da un’altra organizzazione credibile, allora probabilmente è falsa.
Tratto da www.iflscience.com

REDAZIONE BLUE PLANET HEART

Loading...

Fonte:www.blueplanetheart.blogspot.it

 

aspetta due secondi si aprirà un finestrella.
Clicca sul tasto “Mi piace” e poi su “ricevi notifiche” per seguirci costantemente
.

Pianetablunews lo trovi anche su google plus

Segui anche il nostro blog https://pianetablunews.wordpress.com/ tramite email per non perdere altri articoli, curiosità e consigli!!

Ti è piaciuto l’articolo? condividilo anche tu sui social, clicca

 

 

Loading...

  • Mi e’ capitato di vedere sulla tv di una rivista di divulgazione scientifica ( o presunta tale, di cuci non faccio pubblicamente il nome per evitare pubblicità occule ) che trasmettessero ripetutamente una serie di trasmissioni sui super-disastri geologici prossimi venturi, corredate da interviste a membri dello USGS. Sebbene il tono degli esperti fosse molto equilibrato, il tono generale di tutta la serie non lo era. Anzi, ogni servizio lasciava intendere ( tramite la voce narrante ed il commento sonoro ) che nonostante le rassicurazioni degli esperti, il disastro fosse imminente. Siccome questa televisione trasmette documentari ch sono prodotti all’estero, si puo’ capire come certe opinioni allarmistiche prendano piede a livello mondiale. E poi la rete non fa che amplificare quello che la gente prova durante queste trasmissioni …..
    E qi mi farmo per non trascendere.
    Ma le conseguenze di quello che vi ho segnalato le puo’ capire chiunque.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.