Scoperte nuove misteriose voragini sul nord della Siberia, una di queste sarebbe stata preceduta da un boato e un lampo

http://www.meteoweb.eu/wp-content/uploads/2014/08/174551753-5ce3c660-44b9-429e-948d-78fabcd4c46e.jpg

Una delle voragini oggetto di studio nella penisola di Yamal

Continua il mistero nelle sterminate lande sperdute della Siberia settentrionale. Nuove misteriose voragini, di dimensioni più ristrette, sarebbero state avvistate nei giorni scorsi in diverse aree della Siberia settentrionale. Due di queste sono state localizzate dalle autorità russe nella penisola di Yamal, in un’area a sud del gigantesco “buco” scoperto il mese scorso. Le altre misteriose voragine si sarebbero aperte a est dei primi due, nella penisola Taymyr, sempre nell’estremo nord della Siberia. Il secondo fenomeno avrebbe però dei testimoni. Si sarebbe formato, secondo quanto raccontano i residenti, il 27 Settembre 2013 a seguito di una fumata e poi di un lampo. Qualcun altro avrebbe visto cadere un oggetto dal cielo.

voragine-siberia1Questo conferma anche l’ipotesi delle autorità russe che nei giorni scorsi avevano dichiarato come il primo buco trovato si fosse formato uno o due anni fa. Le tre voragini hanno caratteristiche simili e alcune differenze. In fondo alla prima (a una profondità di circa 70 metri) è stato trovato un lago di acque cristalline, mentre il terzo possiede la forma di un perfetto cono. Secondo gli esperti non è verosimile che si tratti di qualcosa causata direttamente dall’uomo. Ma tuttora resta in piedi l’ipotesi di una esplosione sotterranea causata dall’enorme presenza di gas in questi territori e connessa con lo scioglimento del permafrost a causa dell’innalzamento delle temperature. Lo studio dei campioni recuperati sul posto continua allo scopo di permettere, una volta individuate le cause, la previsione di questo tipo di eventi che sembrano piuttosto frequenti e destano preoccupazione in una zona molto importante per lo sfruttamento di uno dei più importanti bacini di metano della Russia. Paese che base gran parte della propria economia su queste risorse naturali.

Di Daniele Ingemi

Loading...

Fonte:www.meteoweb.eu

 

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo e iscriviti alle nostre pagine Facebook “ Pianeta blu  e Beautiful exotic planet earth” ed al nostro profilo su twitter.  Per l’iscrizione:passa il mouse sul tasto ti piace,

aspetta due secondi si aprirà un finestrella.
Clicca sul tasto “Mi piace” e poi su “ricevi notifiche” per seguirci costantemente
.

Pianetablunews lo trovi anche su google plus

Segui anche il nostro blog https://pianetablunews.wordpress.com/ tramite email per non perdere altri articoli, curiosità e consigli!!

Ti è piaciuto l’articolo? condividilo anche tu sui social, clicca

 

 

 

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.