La Corrente del Golfo rallenta, possibile una nuova glaciazione ?

La Circolazione meridionale Atlantica (Atlantic Meridional Overturning Circulation o AMOC), una delle principali correnti oceaniche mondiali da cui dipende anche la Corrente del Golfo, sta rallentando, un fenomeno che secondo alcuni esperti potrebbe portare a una glaciazione in tempi relativamente rapidi. Lo afferma uno studio del National Oceanography Centre di Southampton pubblicato dalla rivista Ocean Science.
Lo studio si basa sull’osservazione continua della corrente all’altezza del ventiseiesimo parallelo Nord a partire dall’aprile 2004 all’ottobre 2012 ottenuta combinando le misure di diversi sensori, compresi quelli sottomarini lungo il percorso della Corrente del Golfo. Quali saranno le conseguenze?

Nei secondi quattro anni del periodo, scrivono gli autori, la Amoc e’ risultata piu’ lenta di 2,7 milioni di metri cubi al secondo, mentre per la Corrente del Golfo la riduzione e’ stata di 0,5 milioni di metri cubi al secondo. A causare il fenomeno, secondo alcuni ricercatori, potrebbe essere paradossalmente il riscaldamento globale, con lo scioglimento dell’Artico che si ripercuote su tutto il sistema delle correnti oceaniche.

Le conseguenze, spiega il climatologo Vincenzo Ferrara (Enea) sul suo profilo Facebook, potrebbero essere disastrose. “Arriva la conferma che la Corrente del Golfo e’ in fase di rallentamento – commenta Ferrara – Questo significa che aumenta il rischio di un nuovo stadiale come lo “Youger Dries” cioe’ di un cambiamento improvviso del clima verso una glaciazione millenaria del nord Europa e di parte dell’emisfero nord. Come dire: glaciazione per eccessiva velocita’ di riscaldamento“. Lo scenario, simile al film ‘The Day After Tomorrow’, non e’ comunque immediato secondo l’esperto. “La eventuale glaciazione non riguarda noi, il processo e’ lento rispetto alla vita umana, ma molto rapido rispetto ai normali tempi (geologici) del pianeta – precisa Ferrara -. Ti ricordi il film ‘The day after tomorrow’. Quel film era molto velocizzato: il tutto accadeva nel giro di qualche settimana, invece che nel giro di almeno un centinaio di anni. Ma la sostanza e’ piu’ o meno quella”

Loading...

La Corrente del Golfo

 La Corrente del Golfo è una corrente calda e rapida che costituisce il limite occidentale del Circuito nord-atlantico. Durante il suo corso, cede gradualmente calore all’atmosfera.

L’aria calda prodotta dalla Corrente del Golfo lambisce il continente europeo mitigando il clima di molti paesi.

Nota fin dai tempi delle prime esplorazioni dell’Atlantico, questa corrente calda e tortuosa è stata studiata attraverso la navigazione divenendo nel tempo un’importante rotta commerciale. Se dovesse esserci un rallentamento della circolazione oceanica il raffreddamento dell’Atlantico Settentrionale si accentuerà, con inevitabili conseguenze sul clima europeo. In particolare gli studiosi ipotizzano una diminuzione delle perturbazioni in transito sul nostro continente e quindi un clima più secco per molte zone del nostro continente e del Nord Africa, fra cui in particolare il nostro Paese.

Il punto di tutto sono i tempi. Che il surriscaldamento globale stia producendo effetti perversi è un dato acquisito. Tuttavia il dibattito su questi mutamenti, inseriti in uno contesto più ampio come l’attenuazione dell’effetto delle correnti calde, è ancora dibattuto. I tempi umani sono molto diversi dal tempo che scandisce i cambiamenti del nostro pianeta nel contesto cosmico. La Terra è un pianeta vivo e dinamico, una nuova era glaciale prima o poì sarà inevitabile.

Agenzia Nazionale Italiana

Fonte:http://www.ufoonline.it/2014/02/08/la-corrente-del-golfo-rallenta-possibile-una-nuova-glaciazione/

 

 

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo e iscriviti alle nostre pagine facebook “ Pianeta blu  e Beautiful exotic planet earth” ed al nostro profilo su twitter.

Segui anche il nostro blog http://pianetablunews.wordpress.com/ tramite email per non perdere altri articoli, curiosità e consigli!!

Ti è piaciuto l’articolo? condividilo anche tu sui social, clicca!

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.