INFLUENZA? LA SERENITÀ COME PRIMA MEDICINA PER UNA PRONTA GUARIGIONE

 

flu 400

Nell’ultima settimana di gennaio l’inverno, dopo essere rimasto in silenzio per quasi 2 mesi, ovvero dal suo inizio meteorologico, ha fatto sentire la sua voce, dando spazio a perturbazioni atlantiche, accompagnate da correnti gelide di origine polare, che hanno portato un freddo normale per la stagione, piogge, neve su Alpi e Appennini e fino in  pianura sul Nord Italia. Tutte caratteristiche tipiche dell’inverno italiano.
E con il freddo è arrivata anche l’influenza. Ecco allora i suggerimenti della medicina al riguardo.

1) La prima parola d’ordine è serenità: le emozioni, soprattutto quando intense e “negative”, affaticano la mente, allungando i tempi di guarigione. Quanto più si è giù di morale, tanto più facilmente ci si ammala e tanto più lentamente si guarisce. Verrebbe così spiegato anche perché, durante le guerre, le epidemie colpiscono più i vinti che i vincitori. Evitate quindi la noia, non state svegli a letto se non ne avete voglia. Al contrario, cercate di fare ciò che vi diverte – purché ovviamente non richieda troppe energie psicofisiche –  e soprattutto armatevi di tanto buon umore!

2) Abbiate fiducia nei vostri anticorpi e in tutte le difese naturali dell’organismo e date loro solo l’aiuto strettamente necessario: rimpinzarvi di medicine non giova né a loro, né a voi. Fino a 20-30 anni fa una prescrizione medica contro l’influenza occupava quasi due pagine di ricettari. Oggi, per fortuna, “l’ebbrezza farmaceutica” è passata di moda, perché si è compreso che il ruolo di primo piano va dato innanzitutto alla difese interne dell’organismo: anticorpi e globuli bianchi, che vanno lasciati lavorare in santa pace, ricorrendo agli antibiotici solo come estrema ratio, su precisa indicazione del vostro medico e senza lasciarvi sedurre dalle medicine miracolose proposte dagli amici.

3) Niente atti eroici! Il lavoro può aspettare; prendetevi tutto il tempo necessario per rimettervi in sesto e godetevi un po’ di corroborante riposo. Insomma non cercate di guarire “in piedi”.

4) Bevete, bevete, bevete…come cammelli, senza aspettare che l’organismo vi faccia capire che ha sete, perché a quel punto, probabilmente, siete già “in riserva”. Un giusto apporto di liquidi serve infatti a mantenere la massima efficienza nelle secrezioni mucose che servono a imbrigliare e poi espellere i microrganismi e le relative tossine.

5) Aprite le finestre anche se avete la febbre, almeno per un’ora al giorno, per ripulire l’ambiente da sostanze inquinanti, polveri e agenti patogeni. Controllate anche che l’umidificatore sul calorifero non sia “a secco” perché l’aria umida ha il merito di fluidificare le mucose, facilitandone così il compito di trattenere i microrganismi per poi espellerli come muco (catarro) nei colpi di tosse.

6) Chi ha detto che bisogna stare a dieta? Anzi mangiate quel che volete e quanto volete, anche perché l’appetito già scarseggia per colpa della malattia, e in più il menù standard “da ammalato” – minestrina, pollo, patate lesse, mela cotta – non solo è poco appetibile, ma contiene pochi principi nutritivi, mettendo ulteriormente in crisi il già affaticato sistema di immunodifesa. Mangiate un po’ di tutto, inoltre, in modo da fornire all’organismo tutti gli elementi di cui ha bisogno. Le spremute d’arancia sono utili, ma non miracolose, non vi illudete che facciano guarire, anche perché non si è più certi, come una volta, sull’efficacia della vitamina C contro l’influenza. Molto più utile invece è la vitamina A, presente nelle verdure gialle (carote), negli spinaci, nei broccoli, nel fegato, nel tuorlo d’uovo, nel pesce, nel formaggio e nel latte intero.

7) Non siate idrofobi! Ossia, sfatando un luogo comune, bagno e doccia possono, anzi devono, essere fatti anche con la febbre, perché attraverso la sudorazione molte tossine vengono portate sulla superficie della pelle e quindi una loro pronta asportazione toglierà di torno questi indesiderati ospiti; per di più una pelle sana e curata resiste meglio agli attacchi di altri germi che potrebbero aggravare il vostro già compromesso stato di salute.

Condiviso da:http://blueplanetheart.blogspot.it/2014/02/influenza-la-serenita-come-prima.html

 

 

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo e iscriviti alle nostre pagine facebook “ Pianeta blu  e Beautiful exotic planet earth” ed al nostro profilo su twitter.

Segui anche il nostro blog http://pianetablunews.wordpress.com/ tramite email per non perdere altri articoli, curiosità e consigli!!

Ti è piaciuto l’articolo? condividilo anche tu sui social, clicca!