Esperto di telecomunicazioni suggerisce: la Terra può avere il disco di materia oscura

terra

Ben Harris, un esperto di telecomunicazioni e GPS satellitare dell’Università del Texas ha fatto un annuncio sorprendente durante la sua presentazione al raduno di quest’anno per l’American Geophysical Union. Egli ha riferito che utilizzando i dati GPS per calcolare la massa della Terra, ha ottenuto un numero leggermente più grande rispetto a quello accettata dall’Unione Astronomica Internazionale. La differenza, suggerisce, può essere dovuto ad un disco di materia oscura che esiste sull’equatore.

La materia oscura è, naturalmente, quella roba misteriosa che i fisici sono giunti a credere che esiste in tutto l’universo. Noi non possiamo vederla, ma i ricercatori sono riusciti a percepire la sua presenza in una varietà di modi (ad esempio, misurando il suo impatto gravitazionale sulle stelle, altri pianeti, ecc.) In tal modo, la maggior parte degli scienziati  sono giunti a credere che costituisce circa l’80 per cento di tutta la materia. Purtroppo (soprattutto perché non sembra assorbire o emettere luce o  ) nessuno degli studi fatti finora sono stati in grado di dimostrare che  esiste davvero, dunque, la ricerca va avanti per qualche nuovo tipo di metodo per dimostrare che la materia oscura non è solo una teoria, o, in alternativa, qualche altra spiegazione di ciò che è stato osservato.

Tra gli altri studi, nel 2009, è stato rilevato che le sonde spaziali che passano dalla Terra hanno avvertito lievi cambiamenti inspiegabili nella velocità, che alcuni hanno attribuito all’incontro con la materia oscura. Non poteva essere provato, naturalmente, ma allora non c’erano altre spiegazioni.

In questo nuovo studio  di Ben Harris Harris i dati provenienti da diversi gruppi di satelliti(Galileo Europea, Stati Uniti, GPS, GLONASS e Russo)che ha poi utilizzato per misurare la massa della Terra, un processo che egli descrive come calcolare  la spinta raccolta su ciascun satellite. Così facendo, egli riferisce che i suoi calcoli erano tra 0,005 e 0,008 per cento superiore a quello descritto dalla IAU. La differenza, ha detto, potrebbe essere spiegata da un grande disco di materia scura sopra l’equatore.

La teoria di Harris non tiene conto dei cambiamenti nelle orbite dei satelliti che si verificano a causa della relatività, o l’impatto della gravità dal sole e la luna, quindi è ancora molto preliminare. Se altri studi confermano quello che ha trovato tuttavia, esiste la possibilità che i satelliti potrebbero un giorno essere usati per dimostrare non solo l’esistenza di  , ma per misurarla in modo molto preciso.

Di Bob Yirka

Fonte: http://phys.org/news/2014-01-telecommunications-expert-earth-dark-disc.html#jCp

 

 

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo e iscriviti alle nostre pagine facebook “ Pianeta blu  e Beautiful exotic planet earth” ed al nostro profilo su twitter.

Segui anche il nostro blog http://pianetablunews.wordpress.com/ tramite email per non perdere altri articoli, curiosità e consigli!!

Ti è piaciuto l’articolo? condividilo anche tu sui social, clicca!