Botti di Capodanno, i consigli per proteggere cani e gatti.Dieci regole di buon senso per attenuare i rischi per i nostri amici animali

 FULVIO CERUTTI (AGB)
 Sono sempre di più le città italiane che hanno deciso di vietare i botti di Capodanno: Torino, Asti, Alessandria, Brescia, Pistoia, Forli, Bologna, Modena, L’Aquila, Bari, Cosenza sono solo alcuni dei grandi centri abitati i cui sindaci hanno deciso di dichiarare guerra ai botti prevedendo multe che possono arrivare anche a 500 euro. Il tutto per tutelare il benessere dei nostri amici animali che, nell’ultimo giorno dell’anno, vivono un vero incubo: molti scappano di casa, altri si rifugiano negli angoli delle stanze cercando di vincere la paura, alcuni non reggono al trauma che la “festa” produce.  

Purtroppo però in molti non rispetteranno le ordinanze e in tante, troppe, città il divieto non è neanche previsto. Così anche quest’anno ricordiamo alcuni consigli utili per far superare o, per lo meno, ad attenuare i rischi per i nostri amici animali:
1) non mostrarsi troppo protettivi verso gli animali e non guardarli negli occhi quando scoppiano i petardi, si aumenterebbe la loro paura;
2) tenerli in appartamento, meglio se in una stanza lontana dai rumori e in penombra, con un rifugio magari sotto al letto;
3) minimizzare l’impatto dei botti accendendo la televisione o alzando il volume della radio
4) non lasciarli soli in giardino o in balcone, potrebbero farsi male, scappare o buttarsi di sotto. Togliere dagli esterni gabbie di uccelli, roditori e altri animali;
5) non tenere i cani legati a catena, potrebbero strozzarsi cercando di liberarsi
6) passeggiare col cane saldamente al guinzaglio. Nei casi più gravi, chiedere al veterinario se tranquillizzarli con un blando sedativo, rimedi omeopatici o di erboristeria
7) assicurarsi per tempo che gli animali siano identificabili con microchip, tatuaggio e medaglietta: sono elementi fondamentali per riconoscerli in caso di fuga
8) se l’animale scompare, cercarlo subito in zona: potrebbe essersi nascosto poco distante da casa.
9) contattare il canile comunale di zona e le associazioni animaliste di zona per comunicare la scomparsa, e presentare denuncia di smarrimento a vigili urbani o ai carabinieri;
10) preparare una locandina con foto e telefoni, affiggerla intorno casa e diffonderla via Internet a siti ed e-mail animaliste.
Fonte: www.lastampa.it

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo e iscriviti alle nostre pagine facebook “ Pianeta blu  e Beautiful exotic planet earth” ed al nostro profilo su twitter.

Loading...
Segui anche il nostro blog http://pianetablunews.wordpress.com/ tramite email per non perdere altri articoli, curiosità e consigli!!

Ti è piaciuto l’articolo? condividilo anche tu sui social, clicca!

Loading...