Clamorosa scoperta: i Giardini di Babilonia non erano in quella città.

La più grande meraviglia circa i Giardini pensili di Babilonia? Non erano in Babilonia.
Di Pierluigi Montalbano

Oxford. Storico raccoglie la prova che dimostra che l’antica meraviglia è situata a 300 chilometri di distanza.
I giardini pensili di Babilonia, una delle sette meraviglie del mondo antico, non erano a Babilonia, sono stati invece trovati a 300 miglia a nord di Ninive, la più grande rivale di Babilonia, secondo un eminente storico di Oxford.
Dopo più di 20 anni di ricerca, il Dr. Stephanie Dalley, dell’Oriental Institute dell’Università di Oxford, ha finalmente messo insieme sufficienti prove per dimostrare oltre ogni ragionevole dubbio che i famosi giardini sono stati costruiti a Ninive dal grande sovrano assiro Sennacherib, e non come gli storici hanno sempre pensato dal re Nabucodonosor di Babilonia.
Dr. Dalley per primo propose pubblicamente la sua idea che Ninive, e non Babilonia, era il luogo dei giardini nel 1992, quando la sua ricerca è stata riportata in The Independent, ma ci sono voluti altri due decenni per trovare prove sufficienti per dimostrarlo.
Il lavoro investigativo del Dott. Dall’Acqua, che verrà pubblicato come un libro dalla Oxford University Press a fine mese, ha fornito quattro fondamentali prove.
In primo luogo, dopo aver studiato le descrizioni tardo storiche dei giardini pensili, si rese conto che un bassorilievo dal palazzo di Sennacherib a Ninive in realtà rappresenta alberi che crescono su un colonnato coperto esattamente come descritto nei racconti classici dei giardini.
Questo importante bassorilievo sembra essere stato perso a metà del 19° secolo. Quando è stato scoperto dall’archeologo britannico, Austin Henry Layard, nel 1840, era già in cattive condizioni, e la sua superficie era già in rapido disfacimento. Potrebbe essere stato tra un gruppo di sculture di Layard, trovate a Ninive, perse quando una barca che le trasportava affondò nel fiume Tigri. Per fortuna, un artista impiegato da Layard aveva disegnato il bassorilievo, recentemente riconosciuto dal Dr. Dalley come raffigurante il giardino e riprodotto nel libro di Layard pubblicato a Londra nel 1853.
Ulteriori ricerche del Dr. Dalley quindi suggerito che, dopo l’Assiria, aveva saccheggiato e conquistato Babilonia nel 689 a.C. La capitale assira Ninive potrebbe essere stata considerata come la nuova Babilonia, creando così la convinzione che i giardini pensili erano in realtà nella stessa Babilonia. La sua ricerca ha rivelato che un’altra città in Mesopotamia, Borsippa, era descritta come uguale a Babilonia già nel 13° secolo a.C. Ciò implica che in antichità il nome potrebbe essere stato usato per descrivere luoghi diversi dalla reale Babilonia. Si è fatto un passo avanti quando si è notato dalla ricerca precedente che Sennacherib, dopo aver saccheggiato e conquistato Babilonia, egli rinominò tutte le porte di Ninive dopo i nomi degli dei usati tradizionalmente per le porte della città di Babilonia. Dopo che gli Assiri saccheggiarono Babilonia, il monarca assiro utilizzò gli stessi dei per nominare le porte di Ninive. In termini di nomenclatura, era chiaro che Ninive era in effetti diventata una New Babylon.

Loading...

Dr. Dalley poi esaminò la topografia comparata di Babilonia e di Ninive e si rese conto che la campagna pianeggiante intorno alla vera Babilonia avrebbe reso impossibile il trasferimento di acqua sufficiente a mantenere il tipo di giardini pensili descritti nelle fonti classiche. Mentre la sua ricerca procedeva, pertanto, diventò chiaro che la ‘Hanging Gardens’, come descritta non sarebbe potuta essere costruita a Babilonia.
Infine la ricerca ha cominciato a suggerire che le descrizioni originali classici dei giardini pensili furono scritte da storici che avevano effettivamente visitato la zona di Ninive.
Ricercando la storia post-assira di Ninive, lo studioso si rese conto che Alessandro Magno si accampò effettivamente nei pressi della città nel 331 a.C., appena prima di sconfiggere i persiani nella famosa battaglia di Gaugamela. E’ noto che l’esercito di Alessandro in realtà si accampò a fianco di uno dei grandi acquedotti che portavano l’acqua a quello che il dottor Dalley definisce il luogo reale dei giardini pensili.
Alexander ha avuto nel suo staff diversi storici greci tra cui Callistene, Cleitarchos e Onesicritos, le cui opere sono da tempo perse ai posteri, ma significativamente quei particolari storici sono stati utilizzati come fonti dagli stessi autori che molti secoli dopo descrissero i giardini in opere che sono sopravvissute fino ad oggi.
“Ci sono voluti molti anni per trovare le prove per dimostrare che i giardini e il sistema associato di acquedotti e canali sono stati costruiti da Sennacherib a Ninive e non da Nabucodonosor in Babilonia. Per la prima volta si può dimostrare che il giardino pensile davvero è esistito” ha detto il Dott. Dalley.
I giardini pensili furono costruiti su una collina artificiale semicircolare a forma di teatro alta circa 25 metri. Alla sua base c’era una grande piscina alimentata da piccoli corsi d’acqua che scendevano ai lati. Alberi e fiori furono piantati in piccoli campi artificiali costruiti in cima a portici coperti. Tutto il giardino misurava circa 120 metri di diametro e si stima che sia stato irrigato con almeno 35.000 litri di acqua portata da un sistema di canali e acquedotti distante 75 km. All’interno del giardino stesso l’acqua era sollevata meccanicamente da una grande pompa in bronzo a vite.

Sennacherib di Assiria e Nabucodonosor di Babilonia sono tradizionalmente riconosciuti come leader militari aggressivi. La campagna di Sennacherib contro Gerusalemme è stata immortalata circa 2500 anni più tardi, in una poesia di Lord Byron, che descrive come gli Assiri piombarono come lupi sui nemici, e le loro corti erano scintillanti di porpora e d’oro.
Entrambi sono anche noti come distruttori di edifici religiosi iconici. Nabucodonosor di Babilonia distrusse il Tempio di Salomone a Gerusalemme, e secondo una tradizione più tarda è stato temporaneamente trasformato in una bestia per i suoi peccati contro Dio. Sennacherib di Assiria distrusse i grandi templi di Babilonia, un atto che sconvolse il mondo mesopotamico, infatti la tradizione vuole che quando fu successivamente assassinato da due dei suoi figli, si trattò del castigo divino per la distruzione di quei templi.
Chi descriveva i giardini pensili come la più bella fra le sette meraviglie del mondo, si riferiva quindi ai giardini del palazzo di Sennacherib, costruito intorno al 700 a.C.

Foto scaricate da internet.

Fonte: http://pierluigimontalbano.blogspot.it/2013/05/clamorosa-scoperta-i-giardini-di.html

 

Pianeta bluRicordo ai visitatori di pianetablu news che su facebook è stata creata la pagina pianeta blu in cui vengono riportati gli articoli di pianetablu news ed anche altre notizie.Se la pagina è di vostro gradimento cliccate in alto a destra sul bottone mi piace e fatela conoscere anche ai vostri amici per aiutarla a farla crescere.

Ecco il link della pagina: Pianeta blu

 

 

Beautiful exotic planet earthRicordo che pianeta blu news su facebook ha una nuova pagina da un po di tempo Beautiful exotic planet earth. La sola intenzione di questa nuova pagina è quella di mostrare quanto sia incredibilmente bello il nostro pianeta attraverso foto ,video di animali e piante o paesaggi esotici,con qualche descrizione anche sulla gastronomia.Ecco il link della pagina: Beautiful exotic planet earth

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.