Nuova ricerca dimostra che i pianeti si possono formare nel centro della galassia

I pianeti possono formare nel centro galattico

Nella concezione di questo artista, un disco protoplanetario di gas e polvere (rosso) viene triturato dalle potenti maree gravitazionali del buco nero nel centro della nostra galassia. Credit: David A. Aguilar (CfA) 

Loading...

A prima vista, il centro della Via Lattea sembra un posto molto inospitale per la formazione di pianeti. Le stelle lo affollano e sfrecciano nello spazio come auto su un autostrada nelle ore di punta. Esplosioni di Supernova  provocano onde d’urto e  intense radiazioni nelle loro regioni vicine dello spazio . Potenti forze gravitazionali di buchi neri supermassivi distorcere il tessuto dello spazio.

Ma la nuova ricerca dagli astronomi del Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics dimostra che i pianeti  si possono formare in questo vortice cosmico. Per la prova, essi indicano la recente scoperta di una nube di idrogeno ed elio precipitare verso il centro galattico. Essi sostengono che questa nube rappresenta i resti di brandelli di un pianeta in orbita intorno al disco in formazione di una stella invisibile.

“Questa stella  mentre sopravviverà l’incontro con buco nero, il suo disco protoplanetario non sarà così fortunato “, ha detto l’autore Ruth Murray-Clay del TUF .

La nuvola in questione è stata scoperta lo scorso anno da un team di astronomi utilizzando il Very Large Telescope in Cile. Hanno ipotizzato che si è formata quando il gas di due stelle vicine è entrato in collisione, come la sabbia portata dal vento raccolta in una duna.

Murray-Clay e il co-autore Avi Loeb propongono una spiegazione diversa. Le stelle Newborn mantengono un disco circostante di gas e polvere per milioni di anni. Se una stella si tuffa verso buco nero centrale della nostra galassia, le maree e la radiazione gravitazionale riducono a pezzi il suo disco nel giro di pochi anni.

Essi hanno inoltre identificato la probabile origine  della stella smarrita – un anello di stelle conosciuto che orbita intorno al centro galattico ad una distanza di circa un decimo di anno luce. Gli astronomi hanno individuato decine di  stelle giovani brillanti di tipo O in questo anello, il che suggerisce che centinaia di deboli stelle simili al Sole esistono anche lì. Le interazioni tra le stelle potrebbe aver lanciato verso l’interno della galassia la stella errante  insieme con il suo disco di accompagnamento.

Sebbene questo disco protoplanetario viene distrutto, le stelle che rimangono nell’anello possono tenere  loro dischi. Di conseguenza,possono formare i pianeti malgrado i loro dintorni ostili.

Poichè la stella continua ad avvicinarsi al buco nero, sempre più materiale esterno del disco sarà strappato, lasciando soltanto il centro denso. Il gas spogliato turbinerà giù nel gozzo del buco nero. L’attrito lo riscalderà abbastanza ed emetterà luce nei raggi x.

“E ‘affascinante pensare a pianeti che si formano così vicino a un buco nero”, ha detto Loeb. “Se la nostra civiltà avesse abitato uno di quei pianeti, avremmo potuto testato la teoria della gravità di Einstein molto meglio, raccolto energia pulita e  i rifiuti li avremmo gettati nel buco nero.”

Riferimento alla Gazzetta: Natura ricerca e più informazioni sito web

Fornito da Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics

Fonte: http://phys.org/news/2012-09-planets-galactic-center.html

Pianeta blu

Ricordo ai visitatori di pianetablu news che su facebook è stata creata la pagina pianeta blu in cui vengono riportati gli articoli di pianetablu news ed anche altre notizie.Se la pagina è di vostro gradimento cliccate in alto a destra sul bottone mi piace e fatela conoscere anche ai vostri amici per aiutarla a farla crescere.

ecco il link della pagina: Pianeta blu

Beautiful exotic planet earth

Ricordo che pianeta blu news su facebook ha una nuova pagina da un po di tempo Beautiful exotic planet earth. La sola intenzione di questa nuova pagina è quella di mostrare quanto sia incredibilmente bello il nostro pianeta attraverso foto ,video di animali e piante o paesaggi esotici,con qualche descrizione anche sulla gastronomia.Ecco il link della pagina: Beautiful exotic planet earth

Loading...