Le luci fantasma di Marfa

Le luci di Marfa (in inglese Marfa lights), note anche come le luci fantasma di Marfa sono fenomeni luminosi che sono stati osservati vicino alla U.S. Route 67 sul Mitchell Flat a est di MarfaTexas, negli Stati Uniti d’America. Hanno acquisito notorietà grazie a osservatori che le hanno classificate come fenomeni paranormali, quali fantasmi, UFO, fuochi fatui, ecc.. Comunque, le ricerche suggeriscono che nella maggior parte dei casi, se non nella totalità, si tratti di riflessi atmosferici di luci abbaglianti di automobili e fuochi di accampamenti.

File:TXMap-doton-Marfa.PNG

Marfa (Texas) è situata alle coordinate 30°18′43″N104°1′29″W.

File:Marfa lights.png

La scritta “luci di Marfa” all’interno di questa immagine mostra l’area in cui i fari delle automobili (non le luci di Marfa) possono essere visti sulla Highway 67. Aneddoti riportano che le luci di Marfa sono tipicamente osservate a ovest, a sud e a sudest del Parco di Osservazione piuttosto che a sudovest come mostrato in questa foto.

Loading...

Storia

Il primo resoconto pubblicato delle luci apparve nel numero del luglio 1957 del Coronet Magazine, l’unica fonte che riporta che la prima osservazione delle luci dati al XIX secolo. I rapporti spesso descrivono sfere di luce brillante della dimensione di una palla da basket che fluttuano sopra il terreno, o a volte alte nell’aria. Solitamente, sono descritte di colore bianco, giallo, arancione o rosso, ma talvolta anche verde e blu. Si dice che le sfere restino all’incirca all’altezza della spalla o che si muovano lateralmente a basse velocità. Talvolta, si muovono rapidamente in ogni direzione, con cambi repentini. Appaiono spesso in coppie o gruppi, per dividersi a coppie o riunirsi, per sparire e poi riapparire e, a volte, muoversi in formazioni regolari. Le loro dimensioni sono tipicamente quelle di un pallone da calcio o una palla da basket.

Gli avvistamenti possono essere occasionali e impredicibili, forse intorno ai 10-20 all’anno. Non esistono rapporti affidabili su avvistamenti diurni.

Secondo le persone che affermano di aver visto le luci, esse possono apparire in ogni momento della notte, solitamente a sud dellaU.S. Route 90 e a est della U.S. Route 67, da cinque a quindici migli a sudest di Marfa, in direzioni non predicibili e apparentemente distanti. Possono persistere da una frazione di secondo a parecchie ore. Sembra che non vi sia alcunché correlabile con le apparizioni delle luci di Marfa a parte il fatto che avvengano in ore notturne. Compaiono in tutte le stagioni dell’anno e con ogni condizione meteorologica, in apparenza senza che questi fattori le influenzino. Talvolta sono state osservate durante il tardo crepuscolo e l’aurora, quando il paesaggio è scarsamente illuminato. Si dice che siano visibili durante tutto l’anno.

E’ estremamente difficile avvicinarsi ai punti di comparsa delle luci di Marfa, principalmente a causa del terreno pericoloso di Mitchell Flat. Inoltre, tutto il territorio dove si osservano le luci di Marfa è proprietà privata e l’accesso è proibito senza permesso esplicito dei proprietari.

Lo stato annota le luci sulle cartine stradali, la città ha edificato una piattaforma di osservazione e la Camera di Commercio di Marfa promuove le luci[1]. Il Marfa Lights Festival, che dura una settimana, si tiene ogni anno nel centro cittadino.

Rapporti su avvistamenti di luci notturne similari

Le manifestazioni di luci apparentemente simili sono state registrate in tutto il mondo, come il fenomeno naturale dei fuochi fatui.

fuochi fatui sono piccole fiammelle solitamente di colore blu che si manifestano a livello del terreno in particolari luoghi come i cimiteri, le paludi e gli stagni nelle brughiere. Il periodo migliore per osservarli è nelle fredde sere d’autunno.

Si tratta di fiammelle derivate dalla combustione del metano e delfosfano dovuta alla decomposizione di resti organici.

Le leggende sui fuochi fatui sono moltissime. Nell’antichità si ritenevano la dimostrazione dell’esistenza dell’anima.

Origine

L’ossidazione del fosfano e metano, prodotto dalla decomposizione anaerobica del carbonio organico, può provocare una luce splendente dovuta a chemiluminescenza. I chimici italiani Luigi Garlaschelli e Paolo Boschetti dell’Università di Pavia hanno replicato le luci con l’aggiunta di alcune sostanze chimiche di gas prodotto dalla fermentazione dei composti.

Simulazione di un fuoco fatuo

Le ricerche degli studenti della Society of Physics del 2004

Piattaforma ufficiale di osservazione a est di Marfa

Nel maggio 2004, un gruppo di sudenti della Society of Physics presso la University of Texas at Dallas trascorsero quattro giorni ricercando e registrando le luci osservate a sudoveast del parco di osservazione, utilizzando apparecchiature per il monitoraggio del volume di traffico, videocamere, binocoli e auto da inseguimento. Il loro rapporto portò alle seguenti conclusioni:[2]

  • la U.S. Highway 67 è visibile dal punto di osservazione delle luci di Marfa.
  • La frequenza delle luci a sudovest del parco di osservazione si correla alla frequenza del traffico veicolare sulla U.S. 67.
  • Il moto delle luci osservate avveniva in linea retta, corrispondenso alla U.S. 67.
  • Quando il gruppo parcheggiò un veicolo sulla U.S. 67 e lampeggiò, la luce fu visibile dal punto di osservazione e sembrava essere una luce di Marfa.
  • Un’auto che sorpassava il veicolo parcheggiato apparve al punto di osservazione come una luce di Marfa che oltrepassava un’altra.

Essi conclusero che tutte le luci osservate nel corso delle quattro notti a sudovest del punto di osservazione potevano essere attendibilmente attribuite ai fari abbaglianti di automobili che percorrevano la U.S. 67 tra Marfa e Presidio (Texas).

Studi spettroscopici

Per 20 notti, nel maggio 2008, scienziati della Università del Texas usarono apparecchiature spettroscopiche per osservare le luci dalla stazione di osservazione. Essi registrarono un certo numero di luci che “potevano essere erroneamente classificate come luci di origine sconosciuta”, ma in ogni caso i movimenti delle luci e i dati strumentali poterono essere facilmente spiegati come fari abbaglianti di automobili o piccoli fuochi[3

Fonte: http://it.wikipedia.org/wiki/Luci_di_Marfa#Rapporti_su_avvistamenti_di_luci_notturne_similari

 

Ricordo ai visitatori di pianetablu news che su facebook è stata creata la pagina pianeta blu in cui vengono riportati gli articoli di pianetablu news ed anche altre notizie.Se la pagina è di vostro gradimento cliccate in alto a destra sul bottone mi piace e fatela conoscere anche ai vostri amici per aiutarla a farla crescere.

ecco il link della pagina: Pianeta blu

Immagine del profilo

Da oggi su facebook trovate una  nuova pagina di pianeta blu: Beautiful exotic planet earth.

La sola intenzione di questa nuova pagina è quella di mostrare quanto sia incredibilmente bello il nostro pianeta attraverso foto ,video di animali e piante o paesaggi esotici,con qualche descrizione anche sulla gastronomia.Questa pagina non ha alcuna finalità di lucro o politica.

ecco il link della pagina: Beautiful exotic planet earth

 

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.