Lo spazio può prolungare la vita di un verme microscopico

Caenorhabditis elegans (C. elegans)

L’effetto del volo spaziale su un verme microscopico il  d (C. elegans) potrebbe aiutare a vivere più a lungo.

La scoperta è stata fatta da un gruppo internazionale di scienziati che studiano la perdita di tessuto osseo e  di massa  sperimentato dagli astronauti dopo lunghi voli nello spazio. I risultati di questa ricerca sono stati pubblicati il 5 luglio 2012, sulla rivista online rapporti scientifici .

Il Dr. Nathaniel Szewczyk, presso l’Università di Nottingham, fa parte del progetto ICE-FIRST che ha coinvolto scienziati provenienti da Giappone, Francia, Stati Uniti e Canada. Hanno scoperto che l’accumulo di voli spaziali ha soppresso proteine tossiche che normalmente si accumulano all’interno del muscolo invecchiato.Hanno anche scoperto un gruppo di geni che si sono espressi a livelli più bassi durante i voli spaziali. Quando questi stessi geni sono stati abbassati in vermi sulla Terra sono vissuti più a lungo.

Loading...

Il Dr. Szewczyk, esperto di metabolismo muscolare, ha dichiarato: “Abbiamo individuato sette geni, nello spazio e la cui inattivazione ha esteso la durata della vita in condizioni di laboratorio del Caenorhabditis elegans.”

Non è ancora certo, ma sembra che questi geni sono coinvolti nell’adattamento alle modifiche dell’ambiente con specifici segnali nel metabolismo in modo da adeguarsi all’ambiente. Ad esempio, uno dei geni che abbiamo identificato codifica insulina che, a causa del diabete, è ben nota per essere associata con il controllo metabolico. In vermi, mosche e topi l’ insulina è anche associata con la modulazione della durata della vita.

“la maggior parte di noi sa che il muscolo tende a contrarsi nello spazio.Questi ultimi risultati suggeriscono che questo è quasi certamente una risposta di adattamento piuttosto che uno stato patologico. Intuitivamente, l’apparato muscolare nello spazio può invecchiare meglio che sulla Terra. Può anche essere che il volo spaziale rallenta il processo di invecchiamento “.

Il Dr Szewczyk ha fornito competenze sulla coltura di vermi in CEMM,un alimento liquido speciale per i vermi. Il Dr. Szewczyk ha trasportato i campioni da e verso il sito di lancio russo e ha organizzato una serie di controlli per assicurare che i piccoli astronauti erano idonei per il volo. Al loro ritorno ha contribuito con l’analisi dei dati.

Il Dr. Szewczyk studia i segnali che controllano la degradazione delle proteine muscolari nel corpo umano. C. elegans è il sostituto ideale per lo studio a lungo termine dei cambiamenti nella fisiologia umana, perché soffre di atrofia muscolare,perdita di massa muscolare, in molte delle stesse condizioni che coinvolgono l’uomo.

C. elegans è stato il primo organismo multicellulare in cui è stata completamente mappata la struttura genetica e molti dei suoi  20.000geni eseguono le stesse funzioni dell’uomo. Duemila di questi geni hanno un ruolo nella promozione della funzione muscolare e da 50 a 60 per cento di questi hanno controparti umane molto evidenti.

Questo lavoro nello spazio ci insegna aspetti riguardanti il corpo che non abbiamo potuto imparare sulla Terra, ha portato alla pubblicazione di una ricerca su come bloccare la degradazione del muscolo utilizzando una forma di terapia genica su PLoS ONE e la pubblicazione di un meccanismo di riparazione del muscolo su PLoS Genetics. Il lavoro su C. elegans ha inoltre stabilito che i vermi possono vivere e riprodursi per almeno sei mesi nello spazio. Questo lo rende un sistema ideale e conveniente per la sperimentazione e lo studio sugli effetti di permanenza di lunga durata nello spazio, come recentemente riportato in Interface, una rivista della Royal Society.Queste missioni hanno permesso di far capire meglio come funzionano i muscoli sulla Terra, ma sono anche  in grado in un prossimo futuro di inviare su altri pianeti vermi per  la sperimentazione .

Un altro membro del team del Centro sta attualmente esaminando gli effetti del volo spaziale sui muscoli del detentore del record europeo per il tempo trascorso nello spazio.Andre Kuipers, l’astronauta olandese che volò nella missione del 2004, è appena tornato dalla ISS con l’ennesimo esperimento vermi nello  per la squadra di Nottingham.Questo esperimento, condotto dal professor Marco Narici, è quello di studiare gli effetti di lunga durata del volo spaziale sul muscolo umano.

Di Lindsay Brooke

Fonte: http://phys.org/news/2012-07-spaceflight-lifespan-microscopic-worm.html

Ricordo ai visitatori di pianetablu news che su facebook è stata creata la pagina pianeta blu in cui vengono riportati gli articoli di pianetablu news ed anche altre notizie.Se la pagina è di vostro gradimento cliccate in alto a destra sul bottone mi piace e fatela conoscere anche ai vostri amici per aiutarla a farla crescere.

ecco il link della pagina:

https://www.facebook.com/pages/Pianeta-blu/190882504295322

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.