Una Pompei vegetale del Permiano

Gli strati di lava di un sito nella Cina nord occidentale hanno preservato pressoché intatta una foresta di 298 milioni di anni fa. I reperti hanno permesso di ricostruire con notevole dettaglio le specie presenti in quell’antico ecosistema, che si trovava probabilmente su un’isola lungo le coste del supercontinente Pangea (red)

Una Pompei vegetale del Permiano

Ricostruzione artistica della foresta. Gli alberi più alti sono esemplari di Sigillaria, mentre la parte più bassa della foresta è composta da varie specie di felci e da una specie di Paratingia, del gruppo delle Noeggerathiale (cortesia PNAS)

Loading...

Ricorda il disastro di Pompei, ma sotto la lava non è rimasta una città, bensì una foresta risalente a 298 milioni di anni fa. La scoperta è avvenuta nella Cina settentrionale, nella Mongolia Interna, dal cui terreno sono emerse antiche specie vegetali estinte da lunghissimo tempo. Lo spessore degli strati di lava e le dimensioni delle sue particelle portano a ipotizzare che l’eruzione si sia verificata a 100 chilometri di distanza.

Una Pompei vegetale del Permiano

Ricostruzione artistica della foresta (cortesia PNAS)

Secondo quanto riferiscono Jun Wang, dell’Istituto di geologia e paleontologia di Nanjing, e colleghisulla rivista “Proceedings of the Nationale Academy of Sciences”, l’eruzione che seppellì la foresta ha funzionato come una sorta di macchina del tempo che ha permesso di far arrivare fino a noi informazioni preziose sulla flora del Permiano. Le condizioni dei reperti hanno permesso di ricostruire l’antico ecosistema grazie all’analisi delle posizione delle singole piante in tre siti che, insieme, coprono complessivamente più di 1000 metri quadrati.

“I paleoecologi in genere ricostruiscono un antico ecosistema terrestre mettendo insieme vari frammenti fossili di epoche diverse ma solo quando ampie aree vengono preservate in situ in un preciso momento è possibile ottenere una ‘fotografia’ realistica dell’ecologia di un’antica foresta”, ha dichiarato alla rivista “Nature” uno dei partecipanti allo studio, Hermann Pfefferkorn, dell’ Università della Pennsylvania a Philadelphia

Secondo i risultati delle analisi, le specie vegetali appartenevano a sei famiglie vegetali diverse. Accanto a un ampia distesa di felci, la foresta ospitava alberi che assomigliavano un po’ a piumini per la polvere, e che potevano raggiungere diversi metri di altezza, altri vegetali simili alla vite e tre specie di un enigmatico gruppo detto delle Noeggerathiale, piccoli alberi che si ritengono strettamente imparentate alle prime felci.

“Si è trattato di uno studio sorprendente”, hanno sottolineato gli autori. “Alcune di queste famiglie di piante erano note da ritrovamenti in altri siti, ma non avevamo idea che potessero crescere insieme; quando la foresta era viva – hanno concluso gli autori – si trovava al confine nord occidentale di una grande isola tropicale lungo le coste orientali del supercontinente Pangea”.

Fonte: http://www.lescienze.it/news/2012/02/22/news/una_pompei_vegetale_del_permiano-864459/

Ricordo hai visitatori di pianetablu news che su facebook è stata creata la pagina pianeta blu in cui vengono riportati gli articoli di pianetablu news ed anche altre notizie.Se la pagina è di vostro gradimento cliccate in alto a destra sul bottone mi piace e fatela conoscere anche ai vostri amici per aiutarla a farla crescere.

ecco il link della pagina:

https://www.facebook.com/pages/Pianeta-blu/190882504295322

 

Loading...