Ogni minuto è decisivo: come riconoscere un ictus?

Le statistiche in Italia dimostrano che l’ictus è la seconda causa di morte dopo le malattie cardiovascolari. Inoltre, è la prima causa assoluta di disabilità. Riconoscere l’ictus in modo più veloce possibile può salvare la vita.

Ogni anno in Italia si registrano circa 90.000 ricoveri dovuti ad ictus cerebrale. Soltano il 25% delle persone che hanno subito un ictus, guarisce completamente.

L’ictus (dal latino “colpo”) avviene quando una delle arterie che portano il sangue al cervello si rompe o viene chiusa da un coagulo di sangue. La caratteristica principale dei sintomi dell’ictus è che insorgono all’improvviso e si manifestano principalmente in difficoltà funzionali, motorie, di linguaggio.

Loading...
Il fattore del tempo nel trattamento dell’ictus è decisivo: per minimizzare i rischi è necessario ripristinare più velocemente possibile l’apporto di sangue. Ecco perché è importante sapere quali sono i sintomi principali.

Per riconoscere l’ictus ricorda questi tre segni importanti:

Chiedi alla persona di sorridere. Il suo viso apparirà asimmetrico.

Chiedigli di alzare le braccia per cinque secondi: se è in corso un ictus, un braccio potrebbe cedere.

Chiedi di pronunciare una frase semplice: non si capirà quello che dice.

Foto: © Sputnik
Fonte: it.sputniknews.com

 

SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...