10 errori frequenti che commettiamo quando facciamo il bucato (e come evitarli)

Non importa se la tua lavatrice è a caricamento frontale o dall’alto, se è anche asciugatrice o se hai l’ultimo modello: esistono errori che sono frequenti e che, probabilmente, stai commettendo anche tu.

In questo articolo ti elenchiamo i 10 errori più frequenti che commettiamo quando facciamo il bucato.

Loading...

Questi errori possono darci risultati tremendi: un bucato meno pulito del previsto, maleodorante, sgualcito o, addirittura, rovinato per sempre. Oltre ad elencare gli errori, suggeriamo anche dei trucchi per prevenirli ed evitarli.

1. Non dividere il bucato

Può capitare, per mancanza di tempo o per ignoranza, di mettere in lavatrice una collezione di tessuti diversi. Una pratica diffusa che rovina e invecchia i nostri vestiti preferiti. Lanuggine e palline di tessuto sono solo i primissimi e più evidenti segnali che non stai dividendo il bucato.

Oltre a dividere il bucato a seconda di tessuti e colori, ricorda anche di leggere le etichette e seguire alla lettera le istruzioni.

2. Non trattare le macchie prima di lavare i vestiti

Può capitare di macchiare il bucato con prodotti difficili da rimuovere. Un chiaro esempio sono le macchie di grasso. Questo tipo di macchia va pre-trattato prima di lavare il bucato in lavatrice.

Tra le macchie più difficili da togliere ci sono quelle di sudore, che si formano sul bucato bianco e diventano praticamente permanenti. Per rimuovere queste macchie pre-trattale con bicarbonato di sodio e aceto.

3. Sovraccaricare la lavatrice

Capita più spesso di quanto ci si possa immaginare. Da una parte, si crede che più si riempie la lavatrice, più acqua e corrente si risparmiano. Le lavatrici vengono classificate a seconda del peso massimo che sopportano per ciascun ciclo di lavaggio. Leggi le istruzioni e attieniti ad esse.

4. Mettere una quantità di detersivo sbagliata

Ti sarà capitato di trovare dei resti di detersivo tra i vestiti dopo aver fatto il bucato: un segnale che ne hai usato troppo. Non esagerare con le quantità di detersivo: metterne troppo può avere addirittura l’effetto opposto.

5. Esagerare con la candeggina

La candeggina è un prodotto utile, ma tossico e capace di rovinare il nostro bucato per sempre. La candeggina va usata solo con il bucato bianco, e ne basta una piccolissima quantità per ottenere i risultati desiderati.

Se possibile, metti il bucato ammollo in un secchio pieno di acqua e una piccola quantità di candeggina prima di fare un ciclo di lavaggio.

6. Mescolare l’intimo con il resto del bucato

L’intimo va lavato separatamente per evitare che calzini, reggiseni o altri capi vadano perduti per sempre.

7. Non pulire la lavatrice

Cattivo odore, eccesso di umidità e muffa si accumulano in una lavatrice sporca. È importante pulire la lavatrice almeno una volta al mese, pulendo a fondo i filtri, le guarnizioni e il cassetto del detersivo.

Ricorda anche di lasciare lo sportello della lavatrice aperto tra un lavaggio e l’altro, per aerare l’interno della lavatrice e impedire l’accumulo di umidità e muffa.

8. Fare sempre cicli di lavaggio brevi

I cicli di lavaggio brevi, con acqua fredda o senza centrifuga sono adatti per un bucato poco sporco. Per quanto si possa risparmiare con questi tipi di lavaggio, non sono l’ideale per lavaggi frequenti.

9. Abusare della centrifuga

Un altro errore frequente è usare troppo la centrifuga o programmarla per fare giri troppo veloci. La centrifuga ad alta velocità è consigliata solo per capi di cotone e poliestere.

Non usare mai la centrifuga per capi di seta, lino o qualsiasi tessuto di poliammide: si corre il rischio di rovinarli.

10. Non asciugare il bucato dopo il lavaggio

Un bucato che resta umido si presta alla formazione di cattivi odori, causati da batteri. Il bucato va rimosso dalla lavatrice appena si conclude il ciclo di lavaggio, e va fatto asciugare sempre.

Foto di Willi Heidelbach da Pixabay 

Fonte: www.rimedio-naturale.it

SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...