Scoperte in Arabia Saudita le prime impronte umane al di fuori dell’Africa

Gli scienziati hanno scoperto quelle che credono possano essere le prime impronte umane nella penisola arabica, un crocevia del mondo che gioca un ruolo chiave nella comprensione di come gli umani hanno lasciato la loro patria africana e hanno iniziato a colonizzare il mondo. 

Insieme alle impronte umane preistoriche, il team ha anche scoperto le tracce di elefanti, ippopotami e cammelli, realizzando uno spaccato raro all’ecosistema in questo momento unico.Lo studio innovativo è apparso sulla rivista Science Advances .

Loading...

Le impronte fossilizzate di Homo sapiens, alias umani, sono state scoperte in un antico deposito lacustre trovato nel deserto del Nefud in Arabia Saudita e studiate da un team del Max Planck Institutes for Chemical Ecology and the Science of Human History. Sono state trovate, in totale, 376 tracce, tra cui quella di 7 impronte di ominidi, 44 elefanti e 107 impronte di cammelli. Avendo la veneranda età di circa 120.000 anni, questi fossili sembrano attualmente essere le più antiche impronte umane al di fuori dell’Africa.

“Sosteniamo per vari motivi che queste impronte sono state molto probabilmente prodotte da Homo sapiens , il che le renderebbe le più antiche impronte umane al di fuori dell’Africa”, ha affermato Mathew Stewart, autore principale dello studio dell’Extreme Events Research Group presso il Max Planck Institute for Chemical Ecology,

“Ci sono altri siti di impronte di ominidi che risalgono a periodi precedenti, ma questi sono tipicamente attribuibili ad altre specie di ominidi come i Neanderthal”, ha aggiunto.

“Sappiamo che gli esseri umani si stavano spostando al di fuori dall’Africa circa 120.000 anni fa e che i Neanderthal non erano presenti nella regione fino all’arrivo di condizioni più fresche decine di migliaia di anni dopo. Pertanto, sosteniamo che le impronte sono state molto probabilmente generate da Homo sapiens . “

Fossili di grandi impronte di mammiferi erose dalla superficie dell’antico deposito del lago Alathar. Badr Zahrani

La migrazione è stata una faccenda complessa con più ondate di innumerevoli gruppi, che hanno preso strade diverse con intenzioni diverse. Molte di queste prime ondate di migrazione umana hanno raggiunto anche vicoli ciechi, si sono ritirate o si sono estinte. I Neanderthal e altre specie di ominidi riuscirono a migrare fuori dall’Africa molto prima dell’Homo sapiens  .

La stragrande maggioranza di questi eventi, sfortunatamente, non è stata immortalata nei fossili o nei documenti geologici. Fortunatamente, queste impronte appena scoperte sono riuscite a superare i segni del tempo e ora stanno fornendo una rara istantanea di questo periodo cruciale nella storia degli umani e del nostro pianeta.

“Il presente studio … è unico in quanto fornisce un’istantanea nel tempo geologico. A differenza della maggior parte degli altri documenti – ad esempio, gli strumenti di pietra o la documentazione fossile – lo studio delle impronte può fornire informazioni ad altissima risoluzione, nell’ordine di ore o giorni “, ha aggiunto Stewart.

È facile immaginare che la penisola arabica sia sempre stata il deserto iper-arido che è oggi, ma la zona ha attraversato periodi in cui in realtà era una terra rigogliosa, ricca di praterie e vegetazione. Uno di questi periodi è stato circa 120.000 anni fa durante l’ultimo periodo interglaciale, un periodo in cui questa fetta di mondo aveva condizioni relativamente umide. I ricercatori sostengono che apprezzare questo è la chiave per comprendere questa scoperta e perché l’Homo sapiens, insieme ad altri animali, era presentenella penisola arabica in quel momento.

Per i principianti, la presenza di impronte di animali, inclusi elefanti, ippopotami e cavalli, evidenzia che si trattava di un ecosistema diverso rispetto ad oggi. Inoltre, non sembra un caso che molte impronte di molte specie animali, compreso l’uomo, siano state localizzate intorno a questo lago di acqua dolce. Forse, sostengono i ricercatori, questo lago una volta serviva da rifugio sicuro vitale per i viaggiatori che improvvisamente stavano scoprendo che le condizioni di questa terra lussureggiante stavano diventando sempre più secche, con scorte d’acqua in calo.

Impornte di elefanti (a sinistra) e cammelli (a destra). Stewart et al., 2020

“In certi momenti la maggior parte dei deserti dell’Arabia si erano trasformati in praterie grandissime con laghi e fiumi permanenti, simili alle savane dell’Africa orientale di oggi”, hanno detto i ricercatori.

“Sulla base dei sedimenti lacustri, e della fitta congregazione di impronte umane e animali, sembra che il lago, a quel tempo, si stesse prosciugando, forse in relazione all’arrivo della stagione secca. Pertanto, è possibile che animali, e forse gli esseri umani, si stavano radunando intorno al lago in risposta all’arrivo della stagione secca e alla diminuzione delle scorte d’acqua “, ha spiegato Stewart.

Tratto da www.iflscience.com

Condiviso da: www.blueplanetheart.it

SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...