Straordinaria scoperta archeologica in Sicilia: è il primo rinvenimento di un’arteria romana sull’isola [FOTO]

Durante gli scavi per la fase di progettazione dei lavori di rifacimento del metanodotto Gagliano-Termini Imerese è venuta alla luce un’importante arteria romana

Caltavuturo, in un tratto della via Catina-Thermae, una delle strade più Importanti della Sicilia, è stata scoperta una strada romana del II-III secolo dopo Crosto. L”importante arteria è venuta alla luce nel corso dei saggi archeologici preventivi richiesti alla Snam Rete Gas dalla Soprintendenza di Palermo durante la fase di progettazione dei lavori di rifacimento del metanodotto Gagliano-Termini Imerese. “L’eccezionalità del rinvenimento – dicono Lina Bellanca, soprintendente dei Beni culturali di Palermo e Rosa Maria Cucco, l’archeologa che ha diretto gli scavi – consiste principalmente nel fatto che siamo di fronte all’unico tratto di strada romana costruita sull’Isola, fino ad oggi attestato. Altro dato straordinario e’ la coincidenza della strada appena scoperta con la Statale 120 “dell’Etna e delle Madonie”; il tratto stradale romano, di cui si conserva solo la massicciata (statumen) sottostante il basolato, certamente divelto dai secolari lavori agricoli corre, infatti, parallelo alla SS 120 e a una quota di poco inferiore confermando, almeno tra il Km 36 e il Km 37, una corrispondenza tra le due strade prima d’ora solo ipotizzata dagli studiosi di topografia antica“.

Loading...

“Siamo ancora una volta davanti a un rinvenimento importantissimo – dice l’assessore regionale dei Beni culturali Alberto Samona – che ci dimostra quanto enorme sia ancora il potenziale inesplorato”. A Nord-Ovest dal luogo del rinvenimento archeologico si trova, peraltro, il sito della fattoria romana di Pagliuzza, insediamento che era servito dalla Catina-Thermae e dove, alcuni anni fa, sono stati rinvenuti oltre 500 denari d’argento di eta’ repubblicana, che oggi sono esposti all’interno del Museo Civico di Caltavuturo.

Finora non avevamo prova archeologica sicura che vi fosse corrispondenza tra alcuni tratti tra la statale 120 tra l’Etna e le Madonie – strada molto antica ma il cui tracciato e’ di eta’ bizantina – e la via romana, che nasce in eta’ tardo-repubblicana. Erano le strade più importanti della Sicilia, percorse dai corrieri della posta o, da Catania fino a Termini, dalle derrate dirette al porto“, spiega Cucco. “Non abbiamo attestati su stazioni di posta – continua – ma dopo mezza giornata di cammino a cavallo è ipotizzabile vi fossero le mutaziones, ovvero stazioni per il cambio dei cavalli. la cosa straordinaria è che la viabilità romana in Sicilia a’ e’ indiziata da ritrovamenti archeologici, ma in questo caso abbiamo una massicciata. Sopra questa massicciata, che doveva corrispondere a qualche struttura, c’era probabilmente un basolato, che non abbiamo. Al di sopra di gran parte del tracciato corre la SS 120″.

“Indiziario potrebbe essere, poi – precisa la Soprintendenza – il nome di “Balate” attribuito alla contrada ad Est del tracciato. A Nord-Ovest dal luogo del rinvenimento archeologico si trova, peraltro, il sito della fattoria romana di Pagliuzza, insediamento che era servito dalla Catina-Thermae e dove, alcuni anni fa, sono stati rinvenuti oltre 500 denari d’argento di eta’ repubblicana, che oggi sono esposti all’interno del Museo Civico di Caltavuturo“.

Il ritrovamento di frammenti di ceramica ha condotto a far risalire la strada a un periodo tra il II e il III secolo dopo Cristo. “Si tratta di un tratto extraurbano – ha aggiunto all’AGI Lina Bellanca, soprintendente ai Beni culturali di Palermo – che collegava le citta’ tra loro. Il tratto stradale romano, di cui si conserva solo la massicciata (statumen) corre parallelo alla SS 120 e ad una quota di poco inferiore confermando, almeno tra il Km 36 e il Km 37, una corrispondenza tra le due strade prima d’ora solo ipotizzata dagli studiosi di Topografia Antica”. “Non e’ cosi’ facile trovare un tracciato stradale di questo genere – aggiunge Cucco – e infrastrutture legate a strade in Sicilia ne abbiamo molto poche. Qui siamo di fronte a un unicum”.

Adesso Snam, alla luce di questi risultati, metterà a punto una variante al suo progetto per il metanodotto. “Siamo ancora una volta davanti a un rinvenimento importantissimo – ha detto l’assessore dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, Alberto Samonà – che ci dimostra quanto enorme sia ancora il potenziale inesplorato, in termini di testimonianze storico-archeologiche, della Sicilia. Un ambito nel quale e’ necessario potenziare l’attività di ricerca e per il quale il Governo Regionale intende destinare maggiori risorse”. Gli scavi archeologici sperano, infatti, nei finanziamenti pubblici, oltre che nel mecenatismo di privati. Potrebbe essere utile, tra l’altro, per confermare e dar la possibilità di toccare con mano (o con piede, in questo caso) tracce di arterie cruciali, come la Via Valeria, di cui scriveva il geografo Strabone e che collegava Messina a Lilibeo, l’odierna Marsala. “Probabilmente – conclude Cucco – essa coincide con la Settentrionale sicula, con un territorio ampiamente urbanizzato. E’ difficile scoprirne tratti, ma non demordiamo”.

Marina Sangermano

Fonte:www.meteoweb.eu

SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...