Loading...

17 trucchi psicologici per piacere subito alle persone

La maggior parte delle amicizie si sviluppa in modo così naturale che non  ci  rendiamo nemmeno conto di come o quando siano iniziate.

A volte, però,compiamo sforzi per stringere  amicizia con un nuovo conoscente e diventare il suo migliore  amico .

A tal proposito, abbiamo setacciato la ricerca psicologica per trovare strategie supportate dalla scienza per invogliare le persone a fare amicizia con noi.

Continuiamo a leggere per scoprire come sviluppare relazioni migliori più velocemente.

Questo è l’ aggiornamento di un articolo originariamente scritto da Maggie Zhang.

1. Imitazione

Questa strategia è chiamata mirroring e implica un’imitazione sottile del comportamento dell’altra persona. Quando parliamo con qualcuno, proviamo a copiare il linguaggio del corpo, i gesti e le espressioni facciali.

Nel 1999, i ricercatori della New York University hanno documentato l ‘” effetto camaleonte ” , che si verifica quando le persone imitano inconsciamente il comportamento degli altri e che la mimica facilita il gradimento.

I ricercatori hanno  selezionato 78 soggetti tra  uomini e donne che hanno lavorato su un compito  da svolgere con un partner, che era una persona  che lavorava per i ricercatori. I partner si sono impegnati in diversi livelli di mimetismo, mentre i ricercatori hanno segretamente filmato le interazioni. Alla fine dell’interazione, i ricercatori hanno chiesto ai partecipanti  il livello di apprezzamento che  hanno sviluppato nei confronti  dei loro partner.

I partecipanti erano più propensi a dire che apprezzavano  il loro partner quando quest’ultimo aveva imitato il loro comportamento.

2. Dedicare più tempo ai nostri amici e  alle persone con cui vogliamo fare amicizia

Secondo l’ effetto della  semplice esposizione , le persone tendono ad apprezzare le cose che sono a loro familiari.

La conoscenza di questo fenomeno risale agli anni ’50, quando i ricercatori del MIT scoprirono che gli studenti universitari che vivevano più vicini tra loro  avevano più probabilità di essere amici degli studenti che vivevano più distanti.

Ciò potrebbe essere dovuto al fatto che gli studenti che vivono nelle vicinanze potevano sperimentare più interazioni passive e quotidiane tra loro, come salutarsi. In determinate circostanze, queste interazioni possono trasformarsi in amicizie a tutti gli effetti.

Più recentemente,  gli psicologi dell’Università di Pittsburgh  hanno condotto uno studio che prevedeva  che quattro donne di aspetto simile partecipassero ad un ciclo di lezioni , fingendosi studentesse  durante il corso. Quando gli sperimentatori hanno mostrato agli studenti di sesso maschile le immagini delle quattro donne, gli uomini  hanno dimostrato una maggiore affinità per quelle donne che avevano visto più spesso in classe – anche se non avevano interagito con nessuna di loro.

Presi insieme, questi risultati suggeriscono che passare semplicemente più tempo con le persone può renderle più  interessanti . Anche se non viviamo vicino ai nostri amici, proviamo ad attenerci  ad una routine costante con loro, come uscire per un caffè ogni settimana o seguire una lezione insieme.

Tony Gentile / Reuters

3. Complimenti

Le persone assoceranno gli aggettivi che usiamo per descrivere altre persone con la nostra  personalità. Questo fenomeno è chiamato transfert tratto spontaneo.

Secondo Gretchen Rubin , autore di libri tra i quali “The Happiness Project”,“qualsiasi cosa tu dica di altre persone influenza il modo in cui le persone ti vedono”.

Se descriviamo qualcuno come genuino e gentile, le persone ci assoceranno  a quelle stesse qualità. È vero anche il contrario: se usiamo aggettivi negativi nei confronti delle  persone,gli altri  inizieranno ad associare a noi anche le qualità negative.

4. Cercare di essere di ottimo umore

Il contagio emotivo  descrive cosa succede quando le persone sono fortemente influenzate dagli stati d’animo altrui. Secondo un documento di ricerca dell’Università dell’Ohio e dell’Università delle Hawaii, le persone possono percepire inconsciamente le emozioni di coloro che le circondano.

Se vogliamo far sentire gli altri felici quando sono intorno a noi, facciamo del nostro meglio per comunicare emozioni positive.

5. Fare amicizia con  amici in comune

La teoria della rete sociale alla base di questo effetto è chiamata chiusura triadica , il che significa che due persone sono più vicine quando hanno un amico comune.

Per illustrare questo effetto, gli studenti dell’Università della British Columbia hanno progettato un programma su Facebook. Hanno scoperto che era più probabile che le persone accettassero la loro richiesta di amicizia con l’aumento del  numero di amici comuni – dal 20% senza amici comuni ,sono passati fino all’80% con più di 11 amici in comune.

6. Non fare sempre complimenti

La teoria  della perdita di guadagno dell’attrattività interpersonale suggerisce che i nostri  commenti positivi avranno  un impatto maggiore se li diamo solo occasionalmente.

Uno studio del 1965 condotto dai ricercatori dell’Università del Minnesota mostra come questa teoria potrebbe funzionare nella pratica. I ricercatori hanno selezionato 80 studentesse universitarie che dovevano lavorare in coppia su un’attività e poi hanno permesso a queste studentesse di “ascoltare” i propri partner mentre  parlavano  di loro. In realtà, gli sperimentatori avevano detto ai partner cosa dire.

In uno scenario, i commenti erano tutti positivi; in un secondo scenario, i commenti erano tutti negativi; in un terzo scenario, i commenti sono passati da positivi a negativi; e in un quarto scenario, i commenti sono passati da negativi a positivi.

A quanto pare, le studentesse hanno apprezzato di più  i loro partner quando i commenti sono passati da positivi a negativi, suggerendo che alle persone piace in qualche modo sapere di doversi impegnare per conquistare gli altri.

In conclusione: anche se è controintuitivo, proviamo a complimentarci con i nostri amici meno spesso.

7. Essere calorosi e competenti

La psicologa sociale Susan Fiske ha proposto  il modello di contenuto di stereotipi , che è una teoria secondo la quale le persone giudicano gli altri in base al loro calore e alla loro competenza.

Secondo il modello, se riusciamo a ritrarre noi stessi come non competitivi e amichevoli – le persone si sentiranno come se potessero fidarsi di noi. Se sembriamo competenti, ad esempio, se abbiamo uno status economico o educativo elevato, sono più inclini a rispettarci.

La psicologa di Harvard, Amy Cuddy, afferma che, soprattutto in ambito aziendale, è importante dimostrare calore prima e  poi competenza.

“Da una prospettiva evolutiva”, scrive Cuddy nel suo libro ” Presence ” , “è più cruciale per la nostra sopravvivenza sapere se una persona merita la nostra fiducia”.

Kevork Djansezian / Getty Images

8. Svelare i propri difetti di volta in volta

In base all’effetto “pratfall” , le persone ci apprezzeranno di più dopo aver commesso un errore, ma  solo  se credono che  di solito siamo persone competenti. Rivelare i nostri punti deboli ci rende più facilmente  vulnerabili nei confronti delle persone che ci circondano.

Il ricercatore Elliot Aronson ha scoperto questo fenomeno per la prima volta quando ha studiato come i semplici errori possono influenzare l’attrazione percepita. Ha chiesto agli studenti maschi dell’Università del Minnesota di ascoltare le registrazioni su nastro di persone che rispondono a un quiz.

Le persone  che hanno risposto bene al quiz, ma che alla fine  hanno versato il caffè , hanno ricevuto valutazioni  più favorevoli dagli studenti rispetto a quelle che  hanno fatto bene durante il quiz ma  non hanno versato il caffè.

9. Mettere in evidenza  i  valori  e le opinioni in comune

Secondo uno studio classico  di Theodore Newcomb , le persone sono più attratte da quelli che sono simili a loro. Questo è noto come effetto di attrazione della somiglianza . Nel suo esperimento, Newcomb ha misurato l’atteggiamento dei soggetti selezionati su argomenti controversi, come sesso e politica, e poi li ha messi in una casa di proprietà dell’Università del Michigan per vivere insieme.

Alla fine della loro convivenza, ai soggetti piacevano di più i coinquilini che avevano atteggiamenti simili sugli  stessi argomenti .

Se desideriamo fare amicizia , proviamo a trovare un punto di somiglianza tra noi e l’altra persona.

10. Sfiorare  casualmente gli altri durante un’interazione verbale

Questo è noto come contatto subliminale , che si verifica quando si sfiora  una persona in modo così lieve  che a malapena se ne accorge. Esempi comuni includono toccare la schiena di qualcuno o toccare il braccio, il che può far sentire  l’altra persona più calorosamente vicina a noi.In “Subliminal: come la tua mente inconscia governa il tuo comportamento”, l’autore Leonard Mlodinow menziona uno studio condotto in Francia in cui giovani uomini stavano agli angoli delle strade e conversavano con le donne che passavano. Avevano raddoppiato il tasso di successo nell’intraprendere  una conversazione ,coloro che sfioravano leggermente le braccia della donna mentre parlavano.

In un  esperimento dell’Università del Mississippi e della  Rhodes University  che ha studiato gli effetti del tocco interpersonale in un ristorante, le cameriere che  hanno brevemente toccato i clienti sulla mano o sulla spalla,come si è scoperto, hanno guadagnato più mance rispetto alle cameriere che non hanno toccato i loro clienti.

Reuters

11. Sorridere

In uno studio , a  quasi 100 studentesse universitarie sono state mostrate le foto di un’altra donna in ognuna di queste quattro pose: sorridente in posizione aperta, sorridente in posizione  chiusa del  corpo , non sorridente in posizione aperta, o non sorridente in una posizione chiusa  del corpo. I risultati hanno suggerito che la donna nella foto era più gradita quando sorrideva, indipendentemente dalla sua posizione corporea.

Un altro studio ha  suggerito che sorridere quando si incontra qualcuno per la prima volta fa sì che si ricordi di noi anche a distanza di tempo.

12. Vedere l’altra persona come vuole essere vista

Le persone vogliono essere percepite in un modo che si allinea con le proprie credenze su se stesse. Questo fenomeno è descritto dalla  teoria dell’auto-verifica . Tutti noi cerchiamo conferme delle nostre opinioni, positive o negative.

Per una serie di studi presso la Stanford University e l’Università dell’Arizona, ai partecipanti con percezioni positive e negative di se stessi è stato chiesto se volevano interagire con persone che avevano impressioni positive o negative su di loro.

I partecipanti con autoritratti positivi preferivano persone che avevano una visione positiva su di loro, mentre quelli con visioni negative preferivano i critici. Ciò potrebbe essere dovuto al fatto che alle persone piace interagire con coloro che forniscono feedback coerenti con la percezione che hanno di se stesse.

Altre ricerche suggeriscono che, quando le convinzioni che le persone hanno  su se stesse  si allineano con le nostre, il nostro rapporto con loro scorre più agevolmente. Questo probabilmente è dovuto al fatto che ci si sente compresi, che è una componente importante dell’intimità.

13. Confidare  un segreto

La rivelazione di un  segreto personale  può essere una delle migliori tecniche di costruzione di relazioni.

In uno studio condotto da Arthur Aron alla Stony Brook University,alcuni  studenti universitari sono stati abbinati  ad altri e gli è stato detto che dovevano trascorrere 45 minuti insieme  per conoscersi meglio.

Gli sperimentatori hanno fornito ad alcune coppie di studenti  una serie di domande da porre, che sono diventate sempre più profonde e personali. Ad esempio, una delle domande intermedie era “Come ti senti riguardo al tuo rapporto con tua madre?” Altre coppie hanno ricevuto domande del tipo “small-talk”. Ad esempio, una domanda era “Qual è la tua vacanza preferita? Perché?”

Alla fine dell’esperimento, gli studenti che avevano fatto domande sempre più personali riferivano di sentirsi molto più vicini gli uni agli altri rispetto agli studenti che si erano impegnati in chiacchiere su argomenti più superficiali.

Possiamo provare questa tecnica  mentre stiamo conoscendo qualcuno. Quando una persona ci rivela informazioni intime, è probabile che questa persona si senta più vicina a noi e voglia confidarsi anche  in futuro.

Getty Images

14. Aspettarsi cose positive  dalle persone

Secondo l’ effetto Pigmalione , le persone trattano gli altri in modi coerenti con le loro aspettative su di essi e quindi inducono la persona a comportarsi in un modo che confermi quelle aspettative.

In un articolo di Harvard Magazine , Cuddy dice: “Se pensi che qualcuno sia un idiota, ti comporterai verso di lui in un modo che suscita comportamenti che fanno apparire l’altra persona idiota”.

D’altra parte, se ci aspettiamo che qualcuno sia amichevole nei nostri confronti, è più probabile che si comporti in modo amichevole nei nostri confronti.

Flickr / Università di Exeter

15. Convincersi di piacere agli altri,fa si che anche  gli altri piacciano a noi

Gli psicologi parlano di un fenomeno chiamato ” reciprocità del gradimento “: quando pensiamo di piacere  a qualcuno,di conseguenza anche quel qualcuno piace a noi.

In uno studio , ad esempio, ai partecipanti è stato detto che probabilmente sarebbero stati apprezzati da  alcuni membri di una discussione di gruppo a cui avrebbero partecipato. Questi membri del gruppo sono stati scelti casualmente dallo sperimentatore.

Dopo la discussione, i partecipanti hanno indicato che le persone che apprezzavano di più erano quelle che presumibilmente apprezzavano loro.

Toby Melville / Reuters

16. Mostrare senso dell’umorismo

La ricerca della Illinois State University e della California State University di Los Angeles ha rilevato che, indipendentemente dal fatto che le persone stessero pensando al loro amico ideale o  ad un possibile partner sentimentale, avere un senso dell’umorismo era davvero importante.

Nel frattempo,  non avere il senso dell’umorismo, specialmente in ufficio, poteva ritorcersi contro. Uno studio condotto su 140 lavoratori cinesi tra i 26 e i 35 anni ha rilevato che le persone erano meno conosciute e meno popolari tra i loro colleghi se erano “moralmente concentrate”,cioè troppo serie.

I ricercatori hanno affermato che ciò era dovuto al fatto che gli individui moralmente concentrati erano percepiti come meno umoristici dai loro colleghi.

17. Lasciare che gli altri parlino di se stessi

I ricercatori di Harvard hanno recentemente scoperto che parlare di se stessi può essere intrinsecamente gratificante, allo stesso modo in cui lo sono cibo, denaro e sesso.

In uno studio, i ricercatori hanno posto i partecipanti  in una macchina di risonanza magnetica e gli hanno chiesto di rispondere a domande riguardanti le proprie opinioni o quelle di qualcun altro. Ai partecipanti era stato chiesto di portare un amico o un familiare per l’esperimento, che era seduto fuori dalla macchina dell’FMRI. In alcuni casi, ai partecipanti era  stato detto che le loro risposte sarebbero state condivise con l’amico o il parente; in altri casi, le loro risposte sarebbero rimaste private.

I risultati hanno mostrato che le regioni del cervello associate alla motivazione e alla ricompensa erano più attive quando i partecipanti condividevano le informazioni pubblicamente – ma anche quando  parlavano di se stessi , anche se nessuno li ascoltava.

In altre parole, lasciare che qualcuno condivida con noi  una storia  sulla propria  vita invece di lamentarci dei nostri problemi potrebbe dare  ricordi più positivi della nostra interazione.

Fonte: www.iflscience.com

Loading...