Non toccare!Pianta mostro provoca ustioni di terzo grado

È probabile che Hollywood realizzerà un nuovo film apocalittico che debutterà con un’orribile invasione di una pianta mostro che distrugge  l’umanità.

Un eccellente candidato per il ruolo di protagonista si sta già diffondendo negli Stati Uniti: Heracleum mantegazzianum , noto come panace, una pianta gigantesca e incredibilmente tossica che può causare ustioni di terzo grado sulla pelle.

Elencata come nociva in almeno otto stati americani la scorsa settimana, è stata vista per la prima volta in Virginia.

Loading...

Pericolo

Secondo la Virginia Tech University, circa 30 di queste piante sono state trovate nella contea di Clarke, e gli abitanti locali sono stati avvisati di tenere d’occhio ulteriori avvistamenti.

Originaria della regione del Caucaso, dell’Europa orientale e dell’Asia occidentale, la pianta assomiglia ad una versione enorme del comune hogweed, che è benigno. Tuttavia, può causare gravi ustioni alla pelle anche se una persona sfiora semplicemente i suoi rami.

Le setole presenti su questi rami – e in altre parti della pianta – emettono una sgradevole linfa che irrita chimicamente la pelle, causando gravi danni attraverso l’esposizione alla luce solare e ai raggi UV.

Di conseguenza, le vittime che entrano in contatto con il panace ottengono enormi vesciche sulla pelle che possono lasciare cicatrici e sensibilità alla luce per molti anni.

Invasione della pianta mostro

Questa pianta è un mostro travestito. Non sembra pericoloso: può crescere più di 4 metri, diffondendo le sue enormi foglie e producendo grappoli di fiori bianchi a forma di ombrello.

La Gran Bretagna ha commesso l’errore di usarla come pianta da giardino “ornamentale” nel diciannovesimo secolo, e solo alcuni decenni più tardi il panace è stato introdotto anche nel Nord America. Da allora, è stata una battaglia per fermare la marcia invasiva della pianta.

Prevenire la diffusione di questa  pianta non è facile, poiché i suoi semi – ogni esemplare può contenerne migliaia – rimangono vitali nel terreno per diversi anni. “In alcuni casi, un’infestazione di panace gigante è meglio controllata utilizzando diversi metodi in combinazione o in successione – in altre parole, un piano d’attacco di due, tre o anche quattro fronti”, ha detto il Dipartimento di Conservazione di New York.

Questi metodi comportano il taglio delle radici delle piante, la rimozione delle teste dai semi, la loro distruzione quando sono ancora piccole e persino l’uso di  erbicidi. E, naturalmente, non si può fare nulla di tutto questo senza equipaggiamento protettivo per avvicinarsi  alla pianta. [ ScienceAlert ]

Fonte: hypescience.com

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...