L’uomo che vive senza il 90% del cervello sfida il concetto di coscienza

Questo primo caso descritto nel 2007 ancora lascia perplessi i ricercatori. Un uomo francese con solo il 10% del cervello può mantenere una vita relativamente normale, senza nemmeno rendersi conto che c’era qualcosa di sbagliato in lui. Ciò che sconcerta gli scienziati è come qualcuno può perdere la maggior parte dei suoi neuroni e mantenere la consapevolezza di sé e del mondo intorno a se?

L’uomo, che non aveva rivelato il nome, aveva 44 anni quando ha cercato un medico perché  sentiva un lieve debolezza nella gamba sinistra. Il medico ha chiesto l’imaging del suo cervello e ha scoperto che quasi tutta la regione che doveva contenere il tessuto cerebrale in realtà era piena di liquido. Solo un sottile strato di cervello era rimasta intatta.

uomo senza cervello

Loading...

I medici ritengono che la maggior parte del suo cervello è stata lentamente distrutta nei 30 anni in cui il liquido si è accumulato. Quando nacque, all’uomo gli era stata disgnosticato l’idrocefalo, e aveva avuto uno stent fino all’età di 14 anni impedendogli l’accumulo di liquido. A quell’ età, però, lo stent gli è stato rimosso, e il suo cervello ha cominciato a soffrire la lenta erosione.

Con quello che  gli resta del cervello, l’uomo non è considerato mentalmente deficienti. Ha un basso quoziente intellettivo – solo 75 -, ma al momento della pubblicazione del caso ha lavorato come funzionario e ha cresciuto due bambini sani. Oltre alla debolezza nella gamba, non aveva altri sintomi neurologici.

Condizioni per la consapevolezza

Il caso ha provocato domande su ciò che è necessario per una persona per essere consapevole. In passato, gli scienziati hanno suggerito che la coscienza era legata a specifiche aree cerebrali, come il Chiostro.

Ma se questa ipotesi fosse corretta, l’uomo francese non poteva essere a consapevole, in quanto questa parte mancava. “Ogni teoria della coscienza deve spiegare come una persona del genere senza il 90% dei neuroni, può ancora avere un comportamento normale”, spiega Axel Cleeremans, psicologo cognitivo presso la Libera Università di Bruxelles (Belgio).

In altre parole, è improbabile che una specifica area è responsabile per la coscienza.

Apprendimento costante

Cleerremans ritiene che il cervello può imparare la coscienza infinite volte, invece di essere nati con essa. Ciò significa che la vostra posizione può essere flessibile e coinvolgere diverse parti del cervello.

“La coscienza non è la teoria concettuale che il cervello impara a conoscere se stesso, l’acquisite con l’esperienza – che è, l’apprendimento, interagendo con se stessi, con il mondo e con gli altri”, dice.

La sua ipotesi, chiamata “plasticità radicale della tesi” è stata presentata nel giugno 2016 a Buenos Aires, in occasione della conferenza della Associazione dello studio scientifico della coscienza.

Per il ricercatore, il cervello dell’uomo francese probabilmente potrebbe essersi adattato alla erosione causata da accumulo di liquidi e di compensare in altre zone del cervello le attività che normalmente si svolgono nella parte mancante. [ Science Alert ]

Fonte:hypescience.com

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.