Educare il cane: consigli e suggerimenti

I primi mesi di vita di un cucciolo di cane sono fondamentali per il suo apprendimento e ogni padrone deve sfruttare bene questo periodo. L’educazione, insomma, si impartisce proprio come ai bambini, quando sono ancora piccoli in modo che assumano un comportamento civile ed educato.

Nel caso del cane, occorre insegnarli delle regole che lo accompagneranno per tutta la sua vita e lo aiuteranno a rapportarsi sia con l’uomo che con gli altri animali. Avere un cane obbediente è il sogno di molti padroni che desiderano stia sempre al loro fianco, che sappiamo riportare un oggetto e soprattutto che siano educati.

Leggendo l’articolo del magazine donnad.it su cosa insegnare al cane possiamo identificare alcuni suggerimenti pratici. La prima cosa da insegnare al proprio amico sono i comandi, che devono essere precisi e dati con calma e pazienza. Nelle prime settimane di vita deve capire il suo nome e cosa non deve fare. E’ importante che durante la fase di addestramento non ci siano distrazioni o altri animali nelle vicinanze.

Loading...

I cani amano ricevere delle ricompense per le loro gesta “eroiche” e per questo è sempre bene ricompensarli con un premietto (cibo non abituale come biscotti o bocconcini) quando fanno ciò che viene chiesto loro. Inoltre, occorre fargli capire quando deve stare seduto o avvicinarsi al padrone e quando deve stendersi e aspettare il comando successivo.

Per farlo stendere basta avvicinagli il permietto al muso e tirarlo piano piano verso il pavimento in modo che si abbassi ulteriormente. Una volta steso gli si può dare la ricompensa per aver eseguito il comando. Non occorre gridare perché in questo modo l’animale vede il comando come minaccia.

Il comando “resta” è più difficile perché gli si impone di stare fermo mentre il padrone si muove. L’istinto dell’animale sarà comunque quello di alzarsi e seguire oppure fare altro. Occorre dare un bocconcino al cane quando è seduto e ripetere questa operazione quando non si muove. All’inizio, quindi, allontanarsi di qualche passo porgendo la mano con il premio verso di lui. Andare un po’ più lontano man mano che il cucciolo associa al biscotto il comando di stare fermo.

Una volta imparati questi comandi principali, sarà più facile dargliene altri perché assocerà la voce del padrone a qualcosa di positivo e farà di tutto per rimanere tra le sue grazie. Il cane, come gli altri animali, rispetta ed obbedisce a chi gli da il cibo (soprattutto quello buono) a chi gli fa le coccole, a chi lo porta fuori e a chi lo ama.

A volte può capitare che il cane non abbia voglia di seguire i comandi e riportare la pallina al suo padrone. Occorre rispettarlo come essere vivente e comprendere che anche lui può avere i suoi momenti no. In particolare potrebbe avere freddo, o caldo, dolori alla pancia o alla zampa ecc. Non urlare inutilmente o arrabbiarsi con lui perché ha bisogno del suo tempo e ogni cane ha il suo carattere.

In ogni caso è bene fargli sapere che può ricevere sempre affetto e che è amato in qualsiasi istante. Le attività devono essere divertenti anche per lui e lasciarlo seduto per molto tempo senza motivo non sarebbe giusto nei suoi confronti. In poco tempo il cane imparerà i vari comandi e la convivenza sarà ancora più piacevole.

Di L.P.

 

Se ti è piaciuto l’articolo condividilo e iscriviti alle nostre pagine Facebook Pianetablunews e Beautiful exotic planet earth  € ed al nostro profilo su twitter.

 Per l’iscrizione:passa il mouse sul tasto ti piace,aspetta due secondi si aprirà  un finestrella.

Clicca sul tasto €œMi piace € e poi su €œricevi notifiche per seguirci costantemente.

 Pianetablunews lo trovi anche su google plus
 Segui anche il nostro blog  tramite email per non perdere altri articoli, curiosità  e consigli!!

Ti è piaciuto l’€™articolo? condividilo anche tu sui social, clicca

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.