Rivelati i segreti nascosti della mappa del 1491 del mondo che possono aver guidato Cristoforo Colombo

Una mappa del mondo prodotta nel 1491 da Henricus Martellus è stata sottoposta a immagini multispettrali, che hanno rivelato dettagli nascosti sulla mappa non precedentemente visibili, tra cui numerose descrizioni in latino delle regioni e delle persone.

Henricus Martellus è anche conosciuto come Heinrich Hammer . Era un cartografo tedesco che visse a Firenze dal 1480 al 1496. La mappa del 1491 del mondo è una delle due versioni (una versione precedente è stata prodotta nel 1489). E ‘simile al globo terrestre, chiamata Erdapfel , la successiva mariner, prodotta dall’artista, astronomo, filosofo ed esploratore Martin Behaim nel 1492, che potrebbe in realtà essere stata influenzata da Martellus. Entrambi incorporano variazioni del modello tolemaico in quanto mostrano un’apertura verso l’Oceano Indiano sotto il Corno d’Africa e che comprendono il continente della Malesia. Entrambi possono anche derivare da mappe precedenti prodotte da Bartolomeo Colombo, realizzate intorno al 1485 a Lisbona, Portogallo. Alcuni storici ritengono che la mappa Martellus può anche essere stata usato da Cristoforo Colombo prima del suo viaggio per circumnavigare il globo.

Loading...
Mappa precedente Martellus 'prodotta nel 1489

Mappa Martellus ‘in precedenza prodotta nel 1489 ( Wikimedia Commons )

Non si sa molto di Martellus, ma probabilmente è vissuto a Norimberga . La sua mappa del 1491, che è stata conservata alla Rare Book & Manuscript Library Beinecke, può essere basato sul lavoro di Claudio Tolomeo, uno studioso greco vissuto nel II secolo dC. Gli scritti di Tolomeo di geografia erano generalmente sconosciuti all’Europa cristiana, ma hanno costituito la base per il Rinascimento in Geografia. Martellus ha rivisto il lavoro di Tolomeo dalle informazioni riportate da Marco Polo dai suoi viaggi in Asia. Egli ha anche incorporato informazioni da viaggi di esploratori portoghesi in Africa.

Martellus utilizzato informazioni riportate da Marco Polo dai suoi viaggi in Asia per compilare la sua mappa. Marco Polo in viaggio, in miniatura dal libro "Il Milione"

Martellus utilizzato informazioni riportate da Marco Polo dai suoi viaggi in Asia per compilare la sua mappa. Marco Polo in viaggio, in miniatura dal libro “Il Milione” ( Wikimedia Commons )

L’imaging multispettrale ha contribuito a rivelare dettagli sulla mappa del 1491 che sono stati precedentemente oscurati da cinque secoli di sbiadimento e graffi. La squadra di cinque membri di ricercatori e specialisti di imaging che ha eseguito i lavori hanno visitato la Rare Book & Manuscript Library Beinecke dove la mappa è bloccato da anni al di fuori di una sala lettura. Una sovvenzione dal National Endowment for the Humanities ha permesso  di effettuare lavori sulla mappa che includevano fotografia della mappa in 12 colori riflettenti. Ciò ha incluso diverse frequenze che sono oltre la gamma della luce visibile. Le immagini sono state poi analizzate con software ad alta tecnologia.

“Abbiamo recuperato più informazioni che abbiamo osato sperare” nella mappa storica il ricercatore del cavo Chet Van Duzer ha detto Phys Org . Il signor Van Duzer aggiunge che le immagini rivelano numerose descrizioni in lingua latina delle regioni e dei popoli, tra cui una casella di testo per l’Asia settentrionale, che contiene le informazioni sulle persone di ‘Balor’, rivelando che sono vissute con una dieta di carne di cervo. Un altro testo descrive il popolo   ‘Panotii’ con grandi orecchie, di dimensioni tali che li potrebbero utilizzare per dormire. Van Duzer  ha scoperto che Martellus utilizzava una versione in manoscritto del diario di viaggio di Marco Polo, piuttosto che l’edizione a stampa in latino. Inoltre, Martellus basava la sua rappresentazione dell’Africa meridionale sulla mappa di Egyptus Novelo di Tolomeo, contenuta in tre manoscritti superstiti della sua “Geografia”. Questa mappa è stata la stessa costruita sulla base di informazioni provenienti dai nativi africani, piuttosto che da esplorazioni europee ma questa zona di mappa Martellus è stata probabilmente prodotta da informazioni rivelate dai delegati etiopici al Concilio di Firenze nel 1441. Il fatto che la mappa Martellus  mostra l’Africa che si estende più ad est rispetto alle versioni note della Egyptus Novelo significa che deve essere stata utilizzata una versione più completa che includeva la costa orientale dell’Africa.

Le nuove immagini sono importanti perchè rivelano come la mappa Martellus è stata influenzata da successivi cartografi, come ad esempio quella prodotta da cartografo tedesco Martin Waldseemüller nel 1507, che fu la prima mappa per etichettare il Nuovo Mondo come ‘l’America’. Testi sulla mappa Martellus dimostrano che si trattava di una fonte importante per Waldseemüller.

World Map Universalis Cosmographia 1507; dal cartografo tedesco Martin Waldseemüller

World Map Universalis Cosmographia 1507; dal tedesco Martin Waldseemüller Cartografo ( Wikimedia Commons )

 

È interessante notare che l’immagine del Giappone, sulla mappa è completamente sbagliata. E ‘citato nel testo della carta come circa a 1.000 miglia di distanza dalla costa dell’Asia. Questo a sua volta potrebbe aver portato Cristoforo Colombo a credere di aver trovato il Giappone, quando in realtà era arrivato alle Bahamas.

Secondo il professor Roger Easton del Chester F. Carlson Center for Imaging Science a Rochester Institute of Technology, nuove scoperte sono ancora in corso e che, finora, circa l’80 per cento del testo sulla mappa  è stato rivelato. Il gruppo di ricerca si sta concentrando su Java. Una volta che il lavoro è completo, le immagini saranno presentate agli accademici e al pubblico tramite il sito web Beinecke Biblioteca.

 

Foto di presentazione: La mappa del mondo di Yale di “Henricus Martellus Germano” (Heinrich Hammer). E ‘la più dettagliata “Dragon Tail” mappa Martellus. È l’unica con una griglia di coordinate. ( Wikimedia Commons )

Fonte: www.ancient-origins.net

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.